Un residente di Afrin scappa a Shehba a causa delle atrocità degli invasori Reviewed by Momizat on . L'esercito turco invasore e le sue bande alleate incrementano ogni giorno le loro pratiche atroci. I residenti di Afrin non possono tollerare le atrocità e stan L'esercito turco invasore e le sue bande alleate incrementano ogni giorno le loro pratiche atroci. I residenti di Afrin non possono tollerare le atrocità e stan Rating: 0
You Are Here: Home » EFRIN » Un residente di Afrin scappa a Shehba a causa delle atrocità degli invasori

Un residente di Afrin scappa a Shehba a causa delle atrocità degli invasori

Un residente di Afrin scappa a Shehba a causa delle atrocità degli invasori

L’esercito turco invasore e le sue bande alleate incrementano ogni giorno le loro pratiche atroci. I residenti di Afrin non possono tollerare le atrocità e stanno lasciando la città per attraversare Shehba.

L’esercito turco invasore e le sue bande alleate continuano ad incrementare le loro numerose pratiche disumane contro i civili come massacri, rapimenti, saccheggi, furti e incendi di terre coltivate.

Le persone che risiedevano ad Afrin ora stanno emigrando a Shehba per conservare la loro dignità ed evitare il terrorismo e le pratiche disumane. Secondo le famiglie che arrivano a Shehba, la vita nei campi è dura, ma è più difficile vivere sotto le atrocità commesse dalle bande.

L.F., uno delle migliaia di residenti di Afrin che sono fuggiti dalla tirannia degli invasori, ha parlato all’ANHA propria esperienza e di come ha lasciato Afrin.

L.F., 50 anni, è arrivato all campo di Berxwedan (Resistenza)  3 giorni fa: “Dopo gli attacchi dello stato turco e l’invasione di Afrin, siamo partiti e ci siamo stabiliti nella regione di Shehba. Siamo rimasti lì per 45 giorni, ma in seguito siamo ritornati ad Afrin perché siamo fedeli alle nostre terre e abbiamo creduto alle affermazioni scorrette dello stato turco.

Dopo che siamo tornati, abbiamo visto che nulla era come pensavamo. Afrin era stata saccheggiata ed era in rovina. Tutte le case e i negozi erano stati saccheggiati dai soldati turchi e dalle loro bande. Quando sono arrivato a casa mia, ho visto che il mio generatore e il mio trattore erano stati rubati. Le affermazioni secondo cui Afrin è migliore di prima sono una menzogna. La verità è che, dopo l’invasione, la vita ad Afrin è diventata un inferno.”

L.F. ha detto che le leggi che lo stato turco ha imposto alla gente del posto sono intollerabili, che la gente non può andare nei propri campi a lavorare senza permesso e che il permesso viene spesso negato: “Devi ottenere il permesso anche per visitare i parenti in un villaggio vicino. Gli invasori turchi stanno imponendo divieti disumani sul popolo di Afrin.”

L.F. ha proseguito dicendo che i soldati turchi e le loro bande hanno spesso fatto irruzione nella loro casa e che anche i suoi soldi e le sue proprietà sono stati rubati.

L.F. ha detto che non può accettare la vita infernale di Afrin, che si è sentito estraneo nelle sue terre e così ha deciso di andarsene: “Abbiamo lasciato Afrin per resistere fino a quando Afrin sarà libera e per vivere una vita dignitosa. Dopo due giorni di viaggio, io e mia moglie abbiamo raggiunto Shehba. Ora viviamo nella resistenza del campo dell’età con nostro figlio.”

L.F. ha detto che le affermazioni dello stato turco su Afrin non dovrebbero ingannare nessuno e ha sottolineato che resisteranno fino a quando non saranno liberi dal terrore.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top