Un ragazzo di 14 anni è diventato un assassino di isis Reviewed by Momizat on . Ebu Mecid ha combattuto contro l'SDF in molti settori. Ha solo 14 anni ed è solo uno dei tanti bambini rapiti e trasformati in assassini da parte di ISIS. Il ve Ebu Mecid ha combattuto contro l'SDF in molti settori. Ha solo 14 anni ed è solo uno dei tanti bambini rapiti e trasformati in assassini da parte di ISIS. Il ve Rating: 0
You Are Here: Home » BAMBINI » Un ragazzo di 14 anni è diventato un assassino di isis

Un ragazzo di 14 anni è diventato un assassino di isis

Un ragazzo di 14 anni è diventato un assassino di isis

Ebu Mecid ha combattuto contro l’SDF in molti settori. Ha solo 14 anni ed è solo uno dei tanti bambini rapiti e trasformati in assassini da parte di ISIS.

Il vero nome di Ebu Mecid è Muhemmed Remedan. È uno dei bambini soldati dell’ISIS. Anche la lingua madre che usa è stata colpita: Mecid era originario di un villaggio di Ayn Îsa, ma il suo modo di parlare e l’accento ricordano quello degli arabi tunisini o africani. Tutto di lui è cambiato, non solo il suo modo di parlare.

Quando Ayn ​​Îsa è stata occupata da ISIS, Mihemed Remedan e molti altri bambini sono stati rapiti mentre erano a scuola. Il padre di Mihemed lavorava in Libano, ma è tornato dopo l’invasione di ISIS e ha preso una nuova decisione. Mihemed ha detto: “Mio padre mi ha detto che non tornerà più in Libano e che adesso dovremo lavorare per ISIS. Ha anche detto che hanno molti soldi.

Miemed Remedan è stato addestrato da ISIS per 6 mesi. E’ stato condizionato sul nemico, come combattere e sullo stile di vita corretto e il modo di pensare.

DOPO 6 MESI DI FORMAZIONE
Dopo 6 mesi gli è stato detto di fare una formazione militare per 1,5 anni in Iraq o a Homs. Ha scelto Homs. Il suo ragionamento è stato “Homs è più vicino alla mia famiglia, l’Iraq è più lontano”.

Con altri 60 bambini è stato portato dal distretto di Suxnês a Homs e ha ricevuto una formazione militare nei campi. Riguardo il suo stato d’animo, ha detto: “Non ho mai pensato a nulla quando ero lì, eccetto di come avrei potuto combattere e come andare in paradiso. Siamo stati addestrati molto intensamente. Abbiamo anche imparato a torturare “.

PRESENTATO A RAQQA DA HOMS
Dopo che la sua formazione militare si è completata, è stato portato a Raqqa e si è unto alla guerra. Quello che ha visto e sperimentato sul campo di battaglia lo ha confuso. Non riusciva a superare il paradosso fra le “buone persone” e quelle del male. Al momento di prendere la sua decisione definitiva, ha detto: “Mi hanno portato in prigione. Ho potuto sentire le donne. Ho guardato attraverso un buco e ho visto come le hanno torturate. E’ stato allora che ho deciso. Quando ho lasciato la prigione ho detto a un mio amico che sarei scappato e che sarei dovuto uscire anche se mi fosse costata la vita. Alla fine sono riuscito a scappare “.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top