Tribunale conferma pene detentive per Demirtaş, Önder e Bakulen Reviewed by Momizat on . Alla sentenza della Corte Europea per i Diritti Umani sulla liberazione di Selahattin Demirtaş la giustizia turca ha immediatamente reagito confermando la pena Alla sentenza della Corte Europea per i Diritti Umani sulla liberazione di Selahattin Demirtaş la giustizia turca ha immediatamente reagito confermando la pena Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Tribunale conferma pene detentive per Demirtaş, Önder e Bakulen

Tribunale conferma pene detentive per Demirtaş, Önder e Bakulen

Tribunale conferma pene detentive per Demirtaş, Önder e Bakulen

Alla sentenza della Corte Europea per i Diritti Umani sulla liberazione di Selahattin Demirtaş la giustizia turca ha immediatamente reagito confermando la pena detentiva per il politico curdo per Sırrı Süreyya Önder e membro della delegazione di Imrali Idris Baluken.

A settembre l’ex co-Presidente HDP Selahattin Demirtaş a Istanbul è stato condannato a quattro anni e otto mesi di carcere per “propaganda per un’organizzazione terroristica”. Il suo ex collega del gruppo parlamentare Sırrı Süreyya Önder nello stesso processo è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere. Invece ex deputato del Amed Idris Baluken da due diversi casi è stato condannato a 12 anni e due mesi di carcere. I politici hanno presentato ricorso contro la sentenza.

La condanne è stata confermata nell’istanza superiore. Quindi le pene sono passate in giudicato.

La “controffensiva” annunciata da Erdoğan

Il 20 novembre la Corte Europea per i Diritti Umani nel caso Selahattin Demirtaş aveva condannato la Turchia per violazione dell’articolo 18 della Convenzione Europea sui Diritti Umani. Questo articolo vieta di mettere persone in carcere per motivi politici. Demirtaş e altri deputati dell’HDP sono in carcerazione preventiva da due anni.

Il capo di Stato turco Erdoğan dopo la proclamazione della sentenza aveva dichiarato di non considerare vincolante il pronunciamento della CEDU: “C’è molto che si può fare contro. Facciamo una controffensiva e risolviamo la questione.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top