TJK-E: Difendere Afrin significa difendere la rivoluzione delle donne Reviewed by Momizat on . 'No pasaran' contro il fascismo di Erdogan L'esercito turco e i suoi jihadisti alleati stanno attaccando il Cantone Afrin in Rojava (Siria settentrionale) per o 'No pasaran' contro il fascismo di Erdogan L'esercito turco e i suoi jihadisti alleati stanno attaccando il Cantone Afrin in Rojava (Siria settentrionale) per o Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » TJK-E: Difendere Afrin significa difendere la rivoluzione delle donne

TJK-E: Difendere Afrin significa difendere la rivoluzione delle donne

TJK-E: Difendere Afrin significa difendere la rivoluzione delle donne

‘No pasaran’ contro il fascismo di Erdogan
L’esercito turco e i suoi jihadisti alleati stanno attaccando il Cantone Afrin in Rojava (Siria settentrionale) per oltre due settimane da terra e dall’aria. Il presidente turco Erdogan sostiene che questi attacchi mirano a “proteggere i suoi confini di stato dal terrorismo”. Ma la vera ragione di questa guerra di aggressione è distruggere l’autonomia de facto curda in Rojava. Con questo obiettivo lo stato turco non si limita solo alla pulizia etnica e ai massacri con forma di genocidio.

Fino ad oggi 127 civili hanno perso la vita durante gli attacchi dell’esercito turco e dei suoi alleati jihadisti, 168 civili sono stati gravemente feriti. Quasi la metà delle vittime civili sono donne e bambini. E quasi la metà delle vittime erano gli sfollati arabi, che erano stati costretti a lasciare le loro case a causa della guerra e avevano trovato riparo ad Afrin. Soprattutto i villaggi che si trovano ai confini del Cantone di Afrin sono sotto attacchi pesanti. C’è il rischio di un genocidio. Costringendo le persone a lasciare la loro casa, l’esercito turco non mira solo a una pulizia etnica, ma cerca di facilitare i suoi attacchi contro i combattenti YPG e YPJ.

L’esercito turco e i suoi jihadisti alleati non raggiungono i risultati attesi dall’ attacco via terra. Al contrario le forze YPG e YPJ mostrano una forte resistenza. Questo è il motivo per cui gli aggressori fascisti cercano di rompere la resistenza con crimini contro l’umanità e crimini di guerra. Un video pubblicato il 1 ° febbraio sui social deve essere visto in questo contesto. Questo video mostra la necrofilia contro il corpo morto della combattente YPJ Barin Kobane degli alleati jihadisti dell’esercito turco. Le hanno tagliato i seni e dato fuoco al suo corpo. Queste orribili immagini non solo scoprono il volto fascista e brutale degli aggressori, ma anche i veri motivi degli attacchi ad Afrin: da un lato c’è un modello sociale e politico di autonomia democratica, costruito sotto la guida delle donne. Questo modello democratico basato sulla liberazione, il pluralismo e l’ecologia delle donne apre anche la via d’uscita dalle crisi in Siria.

Dall’altra parte c’è il regime fascista turco sotto Erdogan e il suo partito AKP e le sue milizie islamiste alleate. Chiamano ufficialmente la loro guerra di aggressione ‘Jihad’. La guerra di aggressione è un attacco alla liberazione e all’emancipazione delle donne, al pluralismo religioso e culturale, alla democrazia e all’autonomia amministrativa, due diversi progetti futuri si scontrano ad Afrin: la base di uno è la liberazione delle donne, l’altra è basata sul puro patriarcato e misoginia. Proprio come è stato durante gli attacchi dello Stato Islamico a Kobanê e contro la comunità Yazida a Shengal (Sinjar). Questo è ciò che unisce AKP, IS e jihadisti come la Divisione Sultan Murad.

Proprio per questo è così importante che le donne del mondo alzino la loro voce contro questo attacco misogino, che mira all’occupazione di Afrin. Insieme dobbiamo fermare questo attacco genocida della Turchia alleata della NATO.

Esortiamo l’ONU, l’UE e la comunità internazionale a prendere provvedimenti immediati per porre fine a questa aggressione che minaccia la vita di centinaia di migliaia di persone. Chiediamo alla comunità internazionale di porre fine al suo silenzio. Attraverso il suo silenzio, la comunità internazionale diventa complice e incoraggia i crimini di guerra della Turchia.

Facciamo appello alle donne del mondo, alle femministe, ai democratici, ai difensori dei diritti umani e a tutte le forze anti-patriarcali, anticapitalistiche e anti-imperialiste di sostenere la lotta contro l’odio, il fascismo e il femminicidio. Resistiamo per la pace e la libertà ad Afrin e la libertà di Afrin e fermiamo la guerra fascista di Erdogan con le nostre proteste.

Movimento delle donne kurde in Europa (TJK-E)

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top