Seconda udienza per 17 bambini a Nusaybin Reviewed by Momizat on . Il secondo processo a 17 bambini che erano stati arrestati durante il coprifuoco dichiarato a Nusaybin, distretto i Mardin, è iniziato oggi al Tribunale penale Il secondo processo a 17 bambini che erano stati arrestati durante il coprifuoco dichiarato a Nusaybin, distretto i Mardin, è iniziato oggi al Tribunale penale Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Seconda udienza per 17 bambini a Nusaybin

Seconda udienza per 17 bambini a Nusaybin

Seconda udienza per 17 bambini a Nusaybin

Il secondo processo a 17 bambini che erano stati arrestati durante il coprifuoco dichiarato a Nusaybin, distretto i Mardin, è iniziato oggi al Tribunale penale di Mardin. Durante il coprifuoco imposto nel distretto di Nusaybin nella provincia di Mardin, 76 persone erano state evacuate dal distretto il 6 maggio 2016. 67 persone ,compresi 17 bambini, erano stati arrestate e sottoposte a tortura mentre si trovavano in stato di fermo ed erano state mandate in carcere. La seconda udienza dei 17 bambini accusati di nove diversi capi di imputazione è iniziata oggi al Tribunale penale di Mardin.

I bambini che si sono rifiutati di fornire la loro testimonianza attraverso il sistema audio-visivo (SEGBIS) hanno partecipato all’udienza. Alle famiglie dei bambini non è stato permesso di entrare in aula ed il processo si è tenuto a porte chiuse.

76 ergastoli aggravati richiesti per i bambini

La prima udienza dei bambini che si trovano davanti a 76 ergastoli aggravati si è tenuta il 9 gennaio a porte chiuse. Ai giornalisti e alle famiglie non era stato permesso di entrare in aula.

I bambini hanno parlato della tortura che hanno subito

Durante la prima udienza che si era tenuta dopo due anni di carcere, i bambini hanno parlato della tortura che hanno subito durante la detenzione e hanno affermato che sono stati costretti a firmare con la forza una dichiarazione scritta.

I bambini si sono rifiutati di accettare le loro dichiarazioni rilasciate durante la tortura. Hanno parlato anche di tortura sessuale, minacce e torture fisiche che hanno subito durante la detenzione.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top