Sabri Ok: tutti gli eventi avvertono i curdi di unirsi Reviewed by Momizat on . Sabri Ok, membro del Corpo di comando dell'Unione delle comunità del Kurdistan (KCK), ha affermato che la volontà della popolazione dovrebbe essere la base per Sabri Ok, membro del Corpo di comando dell'Unione delle comunità del Kurdistan (KCK), ha affermato che la volontà della popolazione dovrebbe essere la base per Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Sabri Ok: tutti gli eventi avvertono i curdi di unirsi

Sabri Ok: tutti gli eventi avvertono i curdi di unirsi

Sabri Ok: tutti gli eventi avvertono i curdi di unirsi

Sabri Ok, membro del Corpo di comando dell’Unione delle comunità del Kurdistan (KCK), ha affermato che la volontà della popolazione dovrebbe essere la base per risolvere i problemi e la crisi tra Başur, “Kurdistan meridionale”, e Iraq. “Bisogna stare lontano dai concetti dello Stato nazionalista; dobbiamo costruire la nostra unità nazionale “.

Vorremmo riprendere la questione della crisi tra Başur e Iraq, in particolare quello che è successo a Kirkuk, che ha portato alla rottura dei rapporti tra le due parti. Secondo lei, qual è la soluzione per uscire da questa crisi?
Quello che è successo non è stato positivo visto quello che hanno ottenuto i curdi. I curdi devono indagare sulla mentalità che è stata la causa di ciò che è accaduto, perché i curdi sono stati in grado di creare una buona impressione di loro nel mondo, e quello che è successo dopo il referendum ha fatto vacillare questa immagine.

Cosa ne pensi della politica interna del Başur – Kurdistan? Ora le parti si accusano a vicenda di tradimento. Se la situazione continua così, quale sarà il futuro del Başûr?
Nella storia ci sono altri esempi simili. Dopo aver chiamato Saddam con i suoi carri armati a Hewler, oggi si accusano a vicenda a Kirkuk. Quando si assiste a una politica sbagliata, significa che c’è una mente sbagliata alla testa di tale politica. E con questa mentalità non si possono convincere le persone e non si possono risolvere i problemi rimasti in sospeso. Al contrario, si rimane senza volontà continuando a servire Iran, Turchia e Iraq.

Quando si è tenuto il referendum, tutti pensavano che la Turchia lo avrebbe sostenuto, ma è successo il contrario. Quando l’Iraq è entrato nelle terre del Başur, qual’era il ruolo della Turchia?
La Turchia ha sempre commesso massacri e crimini contro i curdi. Non vuole l’indipendenza del Başûr, non la accetterà mai, e questo è chiaro dalle sue azioni e dai suoi crimini.

Secondo lei, il Partito Democratico del Kurdistan era consapevole della politica adottata nel referendum?
Dicono di capire la politica, ma quando vedono gli eventi e i loro risultati falliscono e non riescono a capire come la politica venga amministrata, e non sanno cosa aspettarsi finché non capiscono cosa sta succedendo. L’obiettivo dello Stato turco della sua politica flessibile nei confronti del Kurdistan democratico è eliminare la rivoluzione del Kurdistan Bakur e la liquidazione del PKK.

Cosa faranno i curdi d’ora in poi?

Se i curdi osservano le forze autoritarie e le analizzano, sapranno cosa fare. Loro, anche se sono forze nemiche, si uniscono tra loro. Perché i curdi non lo fanno? Il problema è tutto qui. I paesi che hanno represso la volontà dei curdi e la loro amministrazione, sono uniti, quindi perché noi no? Dobbiamo capire la politica autoritaria dei Paesi sui curdi. I curdi devono conoscere la loro storia e lavorare per consolidare il concetto di democrazia. Dobbiamo farlo: dobbiamo unirci per mantenere i risultati del popolo curdo.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top