Reazioni dal Parlamento Europeo sulle minacce di Erdogan contro Afrin Reviewed by Momizat on . Deputati del Parlamento Europeo continuano a reagire alle minacce dello Stato turco di attacchi militari contro Afrin. I gruppi parlamentari di Socialisti e Dem Deputati del Parlamento Europeo continuano a reagire alle minacce dello Stato turco di attacchi militari contro Afrin. I gruppi parlamentari di Socialisti e Dem Rating: 0
You Are Here: Home » EFRIN » Reazioni dal Parlamento Europeo sulle minacce di Erdogan contro Afrin

Reazioni dal Parlamento Europeo sulle minacce di Erdogan contro Afrin

Reazioni dal Parlamento Europeo sulle minacce di Erdogan contro Afrin

Deputati del Parlamento Europeo continuano a reagire alle minacce dello Stato turco di attacchi militari contro Afrin. I gruppi parlamentari di Socialisti e Democratici, Sinistra Unita e Verdi del Parlamento Europeo hanno dichiarato che considereranno i piani dello Stato turco di attaccare Afrin come “invasione”.

Socialisti e Democratici: I diritti dei curdi devono essere protetti
La presidente del gruppo Kathleen Van Brempt ha tenuto una conferenza stampa a nome del gruppo dei Socialisti e Democratici nel Parlamento Europeo e ha detto: “L’esistenza dei cittadini curdi in Siria deve essere rispettata. Commenti e iniziative da parte di Erdogan ci preoccupano profondamente. Sì, chiediamo che i diritti del popolo curdo vengano protetti sia in Siria che in Turchia.”

Brempt ha evidenziato che le recenti minacce dovrebbero essere sull’agenda dei funzionari dell’UE.

Sinistra Unita: Un invasione è inaccettabile
Gaby Zimmer ha parlato a nome del gruppo della Sinistra Unita e ha detto: “Qualsiasi attacco militare dell’esercito turco contro Afrin o il Rojava sono assolutamente inaccettabili perché questo sarebbe un tentativo di invasione che mira ai curdi e ai loro diritti.”

Zimmer ha detto anche, “L’UE e gli Stati membri non devono essere all’unisono con il regime di Erdogan,” e di credere che i Ministri degli Esteri metteranno nella loro agenda gli sviluppi riguardanti Afrin.

Verdi l’UE deve ritirare il suo sostegno
La Co-presidente Ska Keller ha parlato a nome del gruppo dei Verdi e ha detto, “Siamo assolutamente contrari a interventi militari a Afrin o in altre regioni. Riteniamo inaccettabile che Stati membri dell’UE coprano le questioni della Turchia comprese questioni legate ai diritti umani di cui abbiamo parlato innumerevoli volte, o che gli vendano armi.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top