Rapporto 2020 della Delegazione Internazionale di Pace di Imrali Reviewed by Momizat on . Introduzione-  La delegazione di pace di Imrali ha visitato la Turchia tra l’11 e il 16 febbraio 2020, assistendo e raccogliendo le prove sullo stato della soci Introduzione-  La delegazione di pace di Imrali ha visitato la Turchia tra l’11 e il 16 febbraio 2020, assistendo e raccogliendo le prove sullo stato della soci Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Bakur » Rapporto 2020 della Delegazione Internazionale di Pace di Imrali

Rapporto 2020 della Delegazione Internazionale di Pace di Imrali

Rapporto 2020 della Delegazione Internazionale di Pace di Imrali

Introduzione-  La delegazione di pace di Imrali ha visitato la Turchia tra l’11 e il 16 febbraio 2020, assistendo e raccogliendo le prove sullo stato della società civile e i diritti umani nel paese. La delegazione ha cercato di visitare il leader del movimento di liberazione curdo detenuto allo scopo di valutare la sua situazione e le sue condizioni di detenzione. I rapporti della delegazione annuale hanno fornito una misura di base dei diritti umani in Turchia nell’ultimo decennio e hanno permesso a diversi gruppi di accademici,politici, avvocati, religiosi, giornalisti e sindacalisti di visitare vari luoghi e di valutare la situazione essi stessi. L’Iniziativa internazionale ha organizzato le delegazioni con lo scopo principale di mantenere la crudele situazione della detenzione di Öcalan sotto gli occhi dell’opinione pubblica, e come parte di un’ampia campagna per porre in evidenza la necessità di reintrodurre un processo di pace in Turchia.

Quest’anno la delegazione è stata composta da: Ögmundur Jónasson, ex ministro della Giustizia islandese e associato onorario dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, Julie Ward, parlamentare europeo fino al gennaio 2020, Shavanah Taj, capo del Congresso sindacale in Galles, Felix Padel, sociologo e antropologo, affiliato all’Università di Oxford, e Melanie Gingell, avvocato, associata alla Doughty Street Chambers, Londra. Ha tenuto una serie di incontri ad Ankara con la sig.ra Pervin Buldan copresidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP) e il vicepresidente aggiunto di HDP Hişyar Özsoy, leader dell’Associazione per i diritti umani in Turchia, Associazione degli avvocati libertari, Fondazione per i diritti umani della Turchia e il sindacato confederale dei lavoratori pubblici. A Istanbul si sono incontrati con gli avvocati dell’Ufficio legale di Asrın il 15 febbraio, nel 21 ° anniversario del rapimento del sig. Öcalan in Kenya. Hanno quindi incontrato Eren Keskin, avvocatessa per i diritti umani e con le rappresentanti delle Madri del sabato.

Come negli anni precedenti, attraverso l’ufficio dell’eurodeputata Julie Ward, la delegazione si è rivolta al ministro della Giustizia turco, chiedendo un incontro con Abdullah Öcalan. Il ministro della giustizia non ha risposto alla richiesta.

L’isolamento imposto a Öcalan simboleggia la persistente repressione del popolo curdo in Turchia, che a sua volta è aggravata dal pregiudizio contro la loro identità etnica e linguistica, portando a un’ulteriore emarginazione rispetto ai loro diritti civili, politici, economici, sociali e culturali. La continua detenzione dei membri eletti di HDP progressista e filo-curdo, il terzo partito più grande del Paese, e la persecuzione e le molestie nei confronti dei suoi membri sono un altro esempio chiave di questa repressione.

La delegazione ha preso atto della legge antiterrorismo recentemente adottata, che conserva numerosi aspetti del recente decreto di emergenza e dei suoi effetti dannosi sui diritti umani e le libertà fondamentali. La legge limita le garanzie del processo equo, prolunga la durata della detenzione preventiva e consente il continuo licenziamento di funzionari pubblici, a causa di presunti legami con organizzazioni terroristiche.

La delegazione ha riscontrato che la legge antiterrorismo è eccessivamente ampia e vaga, così come la definizione di “terrorismo”. La legge viene spesso utilizzata per azioni penali motivate politicamente contro oppositori politici, difensori dei diritti umani e giornalisti, in particolare per presunte “appartenenze a un’organizzazione terroristica”.

Come hanno concluso gli avvocati dell’ufficio legale di Asrın, che rappresentano Öcalan, questa legge è “più politica che legale”. La delegazione era inoltre particolarmente preoccupata per una nuova legge (n. 6722), che garantiva di fatto l’immunità antiterrorismo dalle azioni giudiziarie per le atrocità condotte nel corso delle loro operazioni nella maggioranza curda nel sud-est della Turchia.

La delegazione ha preso atto della Revisione periodica universale delle Nazioni Unite della Turchia nel gennaio 2020, in cui è stato registrato, tra l’altro, che 44.690 persone erano in prigione per accuse legate al “terrorismo”, tra cui giornalisti, attivisti politici, avvocati, accademici (tra cui coloro che hanno firmato un appello per la pace nel 2016), i difensori dei diritti umani e altri a seguito del tentativo di colpo di stato, superando ampiamente lo scopo legittimo di indagare i responsabili e consegnarli alla giustizia. [1]

Öcalan e leadership politica

Un’ondata di scioperi della fame ha attraversato la Turchia, l’Europa, il Kurdistan iracheno e il Canada nel 2019, coinvolgendo nel pieno della campagna oltre cinquemila prigionieri e sostenitori. La richiesta centrale era la fine del completo isolamento illegale di Öcalan e la reintroduzione delle visite legali e familiari. Non vi sono state visite legali dal 2011 e visite politiche dall’aprile 2015 quando il governo di Erdoğan ha concluso unilateralmente il processo di pace.

Pervin Buldan, co-presidente di HDP, ha spiegato che, “durante il fallito colpo di stato di luglio 2016, gli elicotteri sono stati visti sorvolare su İmralı e c’era grande preoccupazione di sapere se Öcalan fosse ancora vivo. Per parecchio tempo abbiamo organizzato diverse attività e incontri privati con il Ministero della Giustizia, ma non siamo stati in grado di fare alcun progresso. Abbiamo sottolineato l’importanza e la sensibilità della questione per il popolo curdo, ma non vi è stata alcuna risposta significativa. Gli scioperi della fame sono stati una reazione diretta a questa mancanza di risposta. Leyla Güven, deputata e co-presidente del Congresso della società democratica, ha preso l’iniziativa. Ha finito lo sciopero della fame dopo oltre 200 giorni. “

Pervin Buldan ha parlato della mancanza di sostegno politico dall’Europa. Ha detto: “È stato doloroso per noi assistere al silenzio in Europa. Öcalan è una figura molto importante in relazione al processo di pace, nonché vittima della repressione personale. Il silenzio generalizzato in Europa è molto doloroso … Ha spinto per i negoziati e il dialogo, la necessità di una risoluzione politica. Cerca modelli politici per la coesistenza ma allo stesso tempo una garanzia per l’esistenza curda all’interno di quel modello. “

Eren Keskin, importante avvocato per i diritti umani, ha dichiarato: “l’isolamento è stato intenso. Sono stata un difensore dei diritti umani per 30 anni e non ho visto un periodo in cui la violenza dello stato è stata apertamente legittimata come lo è ora. Gli anni ’90 furono un periodo di profonda tortura e violenza, ma lo stato lo negava e cercava di nasconderlo. Ora dicono apertamente “l’abbiamo fatto”, persino pubblicizzando la propria violenza sui social media “. Ha continuato a raccontare l’esperienza di uno dei suoi clienti che non la vedeva da molti anni e che poi è stata improvvisamente presentata con una foto su Instagram di un ufficiale che lo decapitava.”Ha continuato a sottolineare che la libertà di espressione è sottoposta a una pressione maggiore che mai. “Fuori da queste mura non si può dire” Libertà per Öcalan “.

Lo sciopero della fame ha avuto successo in quanto il governo ha concesso il principio delle visite, ma in seguito ha annullato questa concessione, consentendo solo cinque visite legali e tre visite familiari. Successivamente il completo isolamento fu improvvisamente e arbitrariamente reimposto. Gli avvocati che rappresentano Öcalan hanno riferito alla delegazione che dall’agosto 2019 non c’erano stati contatti con lui e nessuna notizia sulle sue condizioni.

Gli avvocati hanno descritto le condizioni fisiche e psicologiche di Öcalan quando hanno visitato nell’agosto 2019: il suo spirito intatto e la sua energia alta. Hanno detto che ha inviato i suoi saluti a tutti coloro che lottano per la sua libertà e per un aumento della diffusione delle informazioni su di lui. Ha espresso il suo rispetto e amore per gli scioperanti della fame, ma ha sottolineato che li voleva vivi e in salute … Voleva spiegare la sua posizione, la sua posizione come non condizionale ma come storica che porta al futuro, una visione legata alla questione curda .

“La mio programma è pacifica e per una soluzione democratica non solo alla questione curda, ma anche per la regione in generale”. Ha concluso: “La mia posizione è la stessa del 2013 all’inizio del dialogo; se sono seri su una soluzione, sono qui e pronto”.

Gli avvocati hanno inoltre spiegato che nel 1999 Öcalan aveva incaricato il Partito dei lavoratori del Kurdistan, il PKK, di lasciare la zona di confine e di riunirsi per i gruppi di pace, ma era in quel momento che il PKK era elencato come organizzazione terroristica, durante un periodo di la pace. Il sistema europeo e gli Stati Uniti seguirono l’esempio e la strategia di elencare il PKK come organizzazione terroristica era completa.

La decisione della Corte belga

Il 28 gennaio 2020 la Corte di cassazione belga ha stabilito che il PKK non dovrebbe essere classificato come un’organizzazione terroristica ma come parte legittima di un conflitto. Dovrebbe pertanto essere soggetto al diritto internazionale umanitario e non alla legislazione antiterroristica. Gli avvocati di Asrin ritengono che ora ci sia spazio per presentare casi simili in altri paesi, compresa la Gran Bretagna.

Jan Fermon, l’avvocato belga che ha guidato la riuscita difesa degli attivisti curdi, ha dichiarato: “Questo è un verdetto finale che è di grande importanza nella discussione sul PKK in corso da molto tempo. Trovo che il verdetto sia conforme al diritto internazionale. È una sentenza giusta. Spero che contribuirà a una soluzione politica alla questione curda a livello europeo. La sentenza del tribunale ha aperto una nuova porta dalla parte dell’Europa. Ha spianato la strada a una profonda concentrazione su una soluzione politica “.

Il Partito Democratico dei Popoli (HDP)

La delegazione ha visitato il quartier generale di HDP ad Ankara e ha incontrato Pervin Buldan, co-presidente e Hişyar Özsoy, vicepresidente. Discutevano del profondo effetto psicologico del continuo isolamento del movimento curdo come esemplificato dall’isolamento aggravato di Öcalan. Alla delegazione è stato riferito che gli avvocati di Asrın avevano trasmesso l’analisi di Öcalan sull’HDP durante la loro visita nell’agosto 2020. Egli vede l’HDP “come una terza via, una struttura ombrello per tutti gli oppressi, tutti coloro che sono” alterati “. All’inizio c’erano persone che lo consideravano con dubbi, quelli che erano ancora nazionalisti in prospettiva. Ma l’importanza di HDP è stata chiara con il successo elettorale senza precedenti nel 2015. ”

Nel 2015 l’HDP ha vinto il 13% dei voti e sono stati eletti 80 parlamentari dell’HDP, superando la soglia per la rappresentanza nell’Assemblea nazionale e facendo perdere la maggioranza parlamentare all’AKP al potere. La percentuale di voti è stata ridotta al 10% nelle successive elezioni anticipate del novembre 2015, ma ha comunque rappresentato un importante passo avanti per un partito filo-curdo.

Il 20 maggio 2016 l’Assemblea nazionale ha approvato un emendamento costituzionale in base al quale l’immunità parlamentare è stata revocata in tutti i casi in cui erano state presentate all’Assemblea nazionale richieste di revoca dell’immunità prima della data di adozione dell’emendamento. Ciò ha interessato un totale di 154 membri dell’Assemblea nazionale, di cui 55 provenienti dall’HDP. In varie date, 14 membri del parlamento dell’HDP, tra cui Demirtaş, sono stati sottoposti a detenzione preventiva come oggetto di indagini penali.

L’accusa nei confronti di Demirtaş era originariamente costituita da trentuno serie di accuse o “file” che sono stati uniti come 2016/24950. L’accusa è arrivata a circa 501 pagine. Altre accuse sono state riunite anche nelle fasi avanzate del procedimento.

Le prove provengono in gran parte dal testo degli interventi pronunciati dal sig. Demirtaş in pubblico, nella sua posizione di co-presidente dell’HDP. La Corte Europea dei Diritti Umani ha dichiarato, con sei voti contro uno, che c’era stata una violazione dell’articolo 18 (limitazione dell’uso delle restrizioni ai diritti) in combinato disposto con l’articolo 5 § 3.

Ha stabilito che era stato stabilito oltre ogni ragionevole dubbio che le estensioni della detenzione di Demirtaş, in particolare durante due campagne cruciali, vale a dire il referendum e le elezioni presidenziali, avevano perseguito l’ulteriore scopo predominante di reprimere il pluralismo e limitare la libertà del dibattito politico, che era al centro del concetto di società democratica [2]

Da allora, la repressione contro l’HDP è continuata a tutto gas. Vedi i commenti completi sull’HDP nel rapporto della delegazione 2017. [3]

Pervin Buldan ha confermato che i copresidenti fondatori dell’HDP Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ rimangono in prigione nel febbraio 2020, insieme a circa 5.000 amministratori e attivisti dell’HDP e diverse decine di sindaci eletti. Gli avvocati di Demirtaş hanno continuato la sfida alla sua detenzione nella Grande Camera della CEDU nel 2019 e una decisione è prevista per marzo 2020. Buldan ha dichiarato che l’HDP sarebbe pronto a fare pressione sul governo se non attuassero la sentenza positiva attesa.

Nel sud-est della Turchia, la democrazia locale è stata effettivamente sospesa mentre il governo espande una campagna per sostituire i sindaci eletti democraticamente con nominati del governo o “Guardiani”. Il governo ha ora il controllo di 94 comuni vinti nelle elezioni locali del 2014 dal partito gemello dell’HDP, il Partito Democratico delle Regioni d (DBP). L’HDP ha affermato che oltre 50 co-sindaci sono rimasti incarcerati per accuse di terrorismo motivate politicamente dopo la loro rimozione dalla carica eletta. La volontà democratica del popolo è stata annullata.

La situazione dei diritti umani in Turchia

La delegazione ha tenuto riunioni con una vasta selezione di gruppi per i diritti umani e organi sindacali, tra cui l’Associazione per i diritti umani, l’Associazione degli avvocati libertari, la Fondazione per i diritti umani della Turchia, l’Associazione degli avvocati per le libertà e la Confederazione dei sindacati del pubblico impiego (KESK), la Fondazione medica turca, l’Unione degli operatori sanitari e l’Associazione degli avvocati progressisti.

La delegazione ha appreso che sono rimaste le serie preoccupazioni sollevate nelle relazioni İmralı del 2017 e del 2019, con i difensori dei diritti umani in Turchia soggetti a molestie, minacce, sorveglianza, violazioni dei loro diritti alla libertà di espressione, associazione e riunione, molestie giudiziarie tra cui azione penale, attacchi violenti, detenzione arbitraria prolungata e maltrattamenti. Erano stati presi di mira per il loro lavoro nel denunciare l’impunità per le gravi violazioni dei diritti umani, la difesa dei diritti sessuali, l’indagine sulle reti ultra-nazionaliste, la difesa dei diritti dei lavoratori e / o la difesa del diritto all’obiezione di coscienza.

La Turchia ha presentato una Revisione periodica universale al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite che ha concluso le sue osservazioni nel gennaio 2020. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha riscontrato che negli ultimi due anni, attraverso successivi stati di emergenza, lo spazio per il dissenso in Turchia si era notevolmente ridotto, con i giornalisti incarcerati per reati di terrorismo.

L’Alto Commissario ha inoltre invitato le autorità a considerare le voci critiche o dissenzienti – compresi difensori dei diritti umani, accademici e giornalisti – come validi contributi al dialogo sociale, piuttosto che forze destabilizzanti.

Le fasi finali del processo di alcuni dei 16 attivisti della società civile per il “tentativo di rovesciare il governo”, per i loro presunti ruoli durante le proteste nel Gezi Park 2013, si sono svolte mentre la delegazione era in Turchia. Hanno notato il crudele ri-arresto degli imputati poco dopo la loro assoluzione alla conclusione del processo. Questo processo è stato, come osservato dall’Alto Commissario, emblematico di molti altri processi privi di standard internazionali di un processo. L’Ufficio dell’Alto Commissario ha riferito in merito alla chiusura arbitraria delle organizzazioni della società civile, comprese le organizzazioni non governative e i media di spicco dei diritti umani; detenzione arbitraria di persone arrestate in base allo stato delle misure di emergenza; l’uso della tortura e dei maltrattamenti durante la detenzione preventiva; e restrizioni dei diritti alla libertà di espressione e di movimento. [4]

I rappresentanti della Fondazione Medica hanno dichiarato alla delegazione che, a loro avviso, “i principi dei diritti umani sono stati eliminati in Turchia. Ora non c’è modo di difendere i diritti o di vivere una vita che sia in qualche modo critica o contraria al governo. L’attivismo per i principi democratici ora ci esclude automaticamente dalle professioni, compresa la professione medica. Questa esclusione si estende ai familiari di coloro che hanno legami con organizzazioni per i diritti umani. I medici sono stati licenziati per il rispetto dei diritti delle persone in prigione. “

Hanno detto alla delegazione che i medici non sono più tenuti ad aderire alle associazioni mediche; non esiste alcun controllo sull’etica o sulle pratiche di lavoro. Ciò sta portando a gravi carenze: gli standard nazionali e internazionali di assistenza professionale non sono più garantiti. “

L’Associazione medica ha rilasciato una dichiarazione stampa sull’invasione turca di Afrin nel gennaio 2018, affermando la loro preoccupazione che l’invasione costituisse una grave minaccia per la salute pubblica. A seguito di questa dichiarazione, la sede dell’associazione e le case dei membri del consiglio esecutivo sono state saccheggiate e il personale è stato perseguito e condannato a 20 mesi di reclusione. Il rappresentante ha commentato: “anche negli anni ’80 non abbiamo visto incursioni come questa, ma ora viviamo in un vero clima di paura”.

Anche il comitato esecutivo dei sindacalisti (KESK) ha rilasciato una dichiarazione su Afrin e ha subito un destino simile, con l’intero comitato esecutivo sottoposto a processo. Il gruppo Accademici per la Pace è composto principalmente da membri della KESK e unisce oltre 2.000 persone a sostegno della pace nel sud-est della Turchia. Sono tra i 1128 firmatari di una petizione rilasciata nel gennaio 2016 che chiede la fine della violenza nella regione. Nella petizione, i firmatari hanno affermato che stavano condannando sia la violenza dello stato contro i curdi sia la continua violazione da parte dello stato turco delle proprie leggi e dei trattati internazionali.

I rappresentanti della KESK sono stati lieti di riferire che una conferenza internazionale dei sindacati convocata in Turchia nel 2019 è stata boicottata non solo da tutti i sindacati turchi indipendenti (rappresentati da KESK), ma anche dalla stragrande maggioranza di altri sindacati stranieri, con solo quattro delegazioni presenti . Questo atto di solidarietà internazionale è stato molto apprezzato.

Madri del Sabato

In una riunione nel centro di Istanbul, i rappresentanti delle Madri del Sabato, parenti delle vittime che fanno campagna per giustizia per sparizioni e omicidi da parte di sospetti perpetratori di stato, hanno spiegato perché la loro campagna settimanale è durata per oltre 700 settimane.

“Dalla fondazione della Repubblica di Turchia le persone sono state poste in detenzione, ma negli anni ’90 la politica è cambiata con l’emergere di un modello diffuso di sparizioni sistematiche. Ciò non è accaduto solo ai curdi, ma alle persone in tutta la Turchia provenienti da diversi ceti sociali. Ciò che queste persone condividevano era la dissidenza in un modo o nell’altro. Politici curdi, persone che si sono rifiutate di diventare guardie di villaggio, giornalisti, sindacalisti, insegnanti, avvocati, persone di diverse etnie e visioni del mondo. Tutti condividevano il desiderio di una Turchia democratica “.

La stragrande maggioranza di questi crimini è stata trattata con totale impunità, nonostante il peso delle ripetute sentenze contro la Turchia nella Corte Europea dei Diritti Umani e il fatto che in base al diritto nazionale e internazionale la Turchia ha il dovere di indagare e punire gli autori di gravi violazioni dei diritti umani, un dovere che non possono essere sostituito da norme di limitazione o altri ostacoli legali nazionali.

I parenti, tuttavia, non si sono dimenticati e dal 1995 si sono incontrati in piazza Galatasaray ogni sabato tenendo in mano le foto dei loro cari e posando garofani in assenza di luoghi di sepoltura noti. La Piazza si è trasformata in un luogo di memoria e di lotta e si è identificata indelebilmente con le Madri del Sabato. Nell’agosto 2018 il governo ha vietato il raduno e ha brutalmente attaccato i parenti, arrestando molti di loro. La protesta a piazza Galatasaray da allora è stata bandita, ma è riemersa, eternamente irrefrenabile, in un’altro luogo.

La delegazione ha sentito della paura agghiacciante che la portata, l’ambito e la tolleranza ufficiale delle uccisioni e delle sparizioni extragiudiziali degli anni ’90 sarebbero aumentate di nuovo e che almeno sette casi nel 2019 erano già stati completamente documentati. Cinque di questi casi sono stati comunicati al gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate o involontarie e i scomparsi sono stati debitamente trovati a seguito di tali comunicazioni. Il destino e la posizione del sesto individuo rimangono sconosciuti. È stato inoltre appreso che gli individui trovati erano stati sottoposti a tortura e maltrattamenti.

La campagna delle Madri del Sabato è ampiamente intesa come una forma legittima di protesta e genera profonda simpatia. Hanno detto che la repressione nei loro confronti nel 2018 ha avuto un più ampio effetto agghiacciante nella società: se possono essere attaccate, chiunque può esserlo.

La delegazione ha invitato le autorità turche a dimostrare con urgenza il loro impegno a rispettare i divieti assoluti di tortura, maltrattamenti e sparizioni forzate e a garantire indagini rapide ed efficaci sulle forze di sicurezza, i servizi di intelligence e tutti gli altri funzionari pubblici accusati di aver torturato o detenuti maltrattati o privati illegalmente della loro libertà.

 Conclusioni

La delegazione ha rilasciato una dichiarazione pubblica presso l’ufficio legale di Asrin concludendo che: İmralı è un laboratorio di oppressione e democrazia allo stesso tempo. L’isolamento e la mancanza di diritti umani nella prigione di İmralı ha un impatto sulle condizioni dei prigionieri in tutto il resto del paese. Allo stesso tempo, İmralı potrebbe diventare un laboratorio per l’esercizio dei diritti umani altrove in Turchia – e non solo in Turchia perché le idee di Öcalan sono importanti per la soluzione dei conflitti in Medio Oriente in particolare e in tutto il mondo in generale.

Promettiamo la nostra sincera solidarietà a tutti coloro che sono oppressi all’interno delle carceri e fuori dalle mura della prigione, vittime di guerra e aggressività e tutti coloro che sono soggetti all’abuso dei diritti umani.

Ci impegniamo a sostenere la lotta curda per i diritti umani.

Consigli per l’iniziativa

1) È essenziale che lo stato turco continui ad essere sottoposto a pressioni per porre fine all’isolamento di Öcalan. La pressione dovrebbe essere applicata ai meccanismi internazionali in materia di diritti umani, in particolare a quelli del Consiglio d’Europa. Il CPT dovrebbe essere sollecitato a esercitare pienamente le sue capacità investigative nel caso di İmralı. La PACE ( Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa) dovrebbe fare pressione sul governo turco per attuare le raccomandazioni del CPT, le sentenze della CEDU e rispettare la CEDU, a rischio di sanzioni. Anche la commissione giuridica e per i diritti umani dovrebbe dare seguito alle raccomandazioni del CPT. Gli organismi internazionali per i diritti umani dovrebbero essere esortati a dichiarare questo isolamento un crimine contro l’umanità.

2) I governi della comunità internazionale dovrebbero essere sottoposti a pressioni per intervenire contro l’isolamento di Öcalan e altre violazioni dei diritti umani di cui è responsabile il governo turco. Le persone rilevanti, come i membri del parlamento, dovrebbero essere invitate a presentare proposte e sollevare domande sulla situazione in Turchia, a esprimere il loro sostegno vocale per porre fine all’isolamento e a esercitare pressioni sui loro governi affinché agiscano. Le persone dovrebbero anche essere invitate a chiedere a funzionari del governo turco, come il Ministro della Giustizia, una riunione per esprimere le loro preoccupazioni e porre domande, come ha fatto la delegazione nella sua lettera al Ministro della Giustizia. I partiti politici dovrebbero essere sollecitati a collegare il loro partito all’HDP e ad esprimere solidarietà ai parlamentari incarcerati.

(3) Le ONG internazionali, come Amnesty International, devono essere invitate ad adottare provvedimenti immediati contro l’isolamento di Öcalan e la situazione generale in Turchia. Coloro che rifiutano dovrebbero essere pubblicamente biasimati per non aver parlato contro le atrocità dei diritti umani. Le ONG internazionali dovrebbero essere invitate a stringere legami con le ONG e le organizzazioni per i diritti umani in Turchia e tentare di intervenire ove possibile. I medici senza frontiere e altri enti medici dovrebbero essere sollecitati a contattare le autorità turche in cerca di permesso per visitare Öcalan per valutare la sua salute e fornire un servizio medico indipendente ai prigionieri in Turchia.

(4) La solidarietà tra i sindacati deve essere estesa a livello internazionale. I sindacati dovrebbero essere incoraggiati a esprimere ufficialmente la loro solidarietà e ad affiliarsi con i sindacati in Turchia, esprimendosi pubblicamente contro la diminuzione dei diritti dei lavoratori in Turchia e la repressione dello stato sui sindacati e redigendo proposte a sostegno di Öcalan e del movimento curdo . Inoltre, i sindacati dovrebbero condannare i sindacati organizzati dallo stato in Turchia che partecipano all’emarginazione e alla criminalizzazione dei lavoratori e chiedere la loro esclusione dalle confederazioni e conferenze internazionali.

(5) I movimenti sociali in tutto il mondo dovrebbero essere incoraggiati a stabilire legami di solidarietà con il movimento per la libertà curdo e altri gruppi di opposizione in Turchia. Ad esempio, le madri argentine di Plaza de Mayo hanno espresso solidarietà e hanno visitato le Madri del Sabato in Turchia e dovrebbero essere incoraggiate a continuare a farlo. I movimenti internazionali delle donne dovrebbero essere incoraggiati ad esprimere solidarietà al movimento delle donne curde, sotto forma di dichiarazioni scritte, video messaggi e visite in Turchia.

(6) Gli avvocati di tutto il mondo dovrebbero essere incoraggiati a presentare appelli agli organismi internazionali sulla situazione e condannare l’illegalità della politica di isolamento e il trattamento del popolo curdo, come mezzo per esercitare pressioni sullo stato turco. Inoltre, dovrebbero essere incoraggiati a collaborare con avvocati in Turchia, a riunioni sia in Turchia che all’estero, per saperne di più sulle specificità legali della situazione e lavorare insieme per creare obiezioni legali.

7) Dovrebbero essere compiuti sforzi notevoli per sensibilizzare maggiormente sulla situazione turca a livello globale. Ciò può includere campagne di solidarietà, progetti di solidarietà culturale come documentari collaborativi o opere d’arte con artisti in Turchia e campagne per boicottare la Turchia. Dovrebbero anche essere compiuti sforzi per contrastare la narrativa filo-turca nei media mainstream e per rappresentare con precisione il governo autoritario in Turchia che ha represso la libertà politica e civile.

8) Le popolazioni di tutto il mondo dovrebbero essere incoraggiate ad agire. Ciò include la scrittura di lettere ai rappresentanti eletti per mettere pressione ai nostri governi e il governo della Turchia, la scrittura di lettere alle ONG che li spingano a intraprendere ulteriori azioni, la scrittura di lettere di protesta ai funzionari turchi e la scrittura di lettere di sostegno ai prigionieri in Turchia. Le persone dovrebbero anche essere incoraggiate a spargere la voce sulla situazione in Turchia, firmare petizioni e partecipare a campagne di solidarietà.

(9) Altre delegazioni dovrebbero essere organizzate per visitare la Turchia e la regione del Kurdistan, costituite da ogni sorta di persone, compresi politici, accademici, personaggi pubblici e membri dei sindacati. Questi dovrebbero incontrarsi con le organizzazioni in Turchia e tentare di incontrare i funzionari del governo turco, al fine di offrire ai delegati un’esperienza diretta delle condizioni, offrire sostegno agli afflitti e diffondere ulteriormente la consapevolezza della situazione.

26 marzo 2020

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top