Öztürk  Türkdoğan: la gente si dovrebbe schierare contro gli attacchi ai funerali e alle tombe Reviewed by Momizat on . Il Co-presidente dell'Associazione per i diritti umani (IHD) Öztürk Türkdoğan, è intervenuto sull’attacco della polizia contro i Gazi Cemevi e delle cerimonie f Il Co-presidente dell'Associazione per i diritti umani (IHD) Öztürk Türkdoğan, è intervenuto sull’attacco della polizia contro i Gazi Cemevi e delle cerimonie f Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Öztürk  Türkdoğan: la gente si dovrebbe schierare contro gli attacchi ai funerali e alle tombe

Öztürk  Türkdoğan: la gente si dovrebbe schierare contro gli attacchi ai funerali e alle tombe

Öztürk  Türkdoğan: la gente si dovrebbe schierare contro gli attacchi ai funerali e alle tombe

Il Co-presidente dell’Associazione per i diritti umani (IHD) Öztürk Türkdoğan, è intervenuto sull’attacco della polizia contro i Gazi Cemevi e delle cerimonie funebri per Ibrahim Gökçek, esponente di Grup Yorum.

Türkdoğan ha sottolineato che l’attacco della polizia ai cemevi, il luogo di culto di Alevi, è inaccettabile. Ha aggiunto che non mostrare lo stesso rispetto mostrato per le moschee in altri luoghi di culto significa che c’è un problema serio. Ha inoltre osservato che questo tipo di attacchi è un attacco ai principi secolari della Turchia, ma mostra anche che la polizia riceve ordini dalle autorità religiose.

Se non è stato avviato alcun procedimento penale in relazione ai poliziotti responsabili di questi attacchi, ciò significa chiaramente che il governatore e il capo della polizia di Istanbul stanno agendo per motivi religiosi, il che è una situazione molto grave. Non puoi attaccare un funerale perché si tiene nei cemevi.

Se non è stato avviato alcun procedimento penale in relazione ai poliziotti responsabili di questi attacchi, ciò significa chiaramente che il governatore e il capo della polizia di Istanbul stanno agendo per motivi religiosi, il che è una situazione molto grave. Non puoi attaccare un funerale perché si tiene nei cemevi.

Ancora una volta, ha affermato il copresidente dell’IHD, questi attacchi mostrano la discriminazione e la repressione della comunità Alevi. Qualcosa che è già stato condannato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo in più di un’occasione. In Turchia ci sono 20 milioni di Alevi.

Ricordando che è un crimine sequestrare i resti di persone e distruggere tombe, Türkdoğan ha sottolineato che un’indagine deve essere aperta contro coloro che lo fanno. Dichiarando che secondo il codice penale turco gli attacchi a funerali e cimiteri costituiscono il reato di “insulto alla memoria della persona” , Türkdoğan ha affermato che le vittime dovrebbero presentare un’azione penale per gli attacchi.

Öztürk  Türkdoğan ha sottolineato che gli Alevi vengono umiliati attraverso gli attacchi ai cemevi, mentre il popolo curdo viene umiliato attraverso la distruzione delle tombe. Ricordando che l’opinione pubblica ha un limite nella sua resistenza, Türkdoğan ha affermato che questi attacchi dovrebbero essere immediatamente interrotti. Ha sottolineato che il Presidente degli affari religiosi dovrebbe rilasciare una dichiarazione in merito.

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top