Nuovi scenari di guerra dell’AKP prima delle elezioni del 2019 Reviewed by Momizat on . Si desidera attivare un concetto di guerra prima delle elezioni del 2019 come è stato fatto prima delle elezioni del 7 giugno. Il piano per attaccare Afrin è st Si desidera attivare un concetto di guerra prima delle elezioni del 2019 come è stato fatto prima delle elezioni del 7 giugno. Il piano per attaccare Afrin è st Rating: 0
You Are Here: Home » SPECIALE » Rassegna Stampa » Nuovi scenari di guerra dell’AKP prima delle elezioni del 2019

Nuovi scenari di guerra dell’AKP prima delle elezioni del 2019

Nuovi scenari di guerra dell’AKP prima delle elezioni del 2019

Si desidera attivare un concetto di guerra prima delle elezioni del 2019 come è stato fatto prima delle elezioni del 7 giugno. Il piano per attaccare Afrin è stato messo in agenda come approccio alle elezioni del 2019. La pena di morte e le uniformi dei detenuti sono state inserite nel programma con la denominazione “strategia per vincere le elezioni”. È stato anche affermato che la strategia si vuole basare sull’attacco al Rojava.

L’organo di stampa dell’AKP il quotidiano Yeni Şafak ha rilasciato un articolo alle 4 di domenica e lo ha pubblicato oggi sulla pagina principale. Secondo l’articolo, l’attacco non sarà limitato solo nei confronti del cantone di Afrin ma sarà anche nei confronti di Gire Spi ( Tel Abyad) , Manbij, Tel Rifat che sono state liberate da Daes dalle YPG. È stato riferito che la Turchia dichiarerà quelle quattro regioni come una minaccia per la sua sicurezza e affermerà che tutta la popolazione di quelle regioni sono arabi e turcomanni.

Inoltre, è stato segnalato 25 mila forze armate comprese otto mila forze armate turche (TSK) sono pronte per lanciare l’operazione verso quelle città. Il presidente turco e presidente dell’AKP (Partito della Giustizia e dello Sviluppo) Recep Tayyip Erdoğan ha rilasciato una dichiarazione secondo la quale intendono estendere l’Operazione Scudo dell’Eufrate per porre fine al “terrore” in Siria.” Presto faremo nuovi passi su questo “ha annunciato Erdoğan.

Kurtuluş Tayiz, che ha scritto articoli sul quotidiano Taraf appartenente al movimento Fethullah Gülen, e che sta scrivendo sui mezzi di informazione dell’AKP prende di mira anche il Rojava nei suoi articoli. Secondo Tayiz, la Turchia dovrebbe organizzare nuovi attacchi nei confronti del Rojava.Anche l’autore del quotidiano Hurriyet Murat Yetkin ha rilasciato un articolo intitolato: ” Erdoğan è nella fase della decisione”. Yetkin ha affermato che i piani di attacco del Rojava riguardano le elezioni del 2019.Il MHP (Partito del Movimento Nazionale) ha costretto Erdoğan, Binali Yıldırım e Ünal a fare dichiarazioni. Questo dimostra come l’AKP abbia bisogno dell’elettore del MHP per prendere più del 50% dei suoi eletti “ha dichiarato Yetkin.

La Turchia pronta a lanciare un’operazione militare in quattro regioni siriane

Le forze armate turche mantengono pronta una forza di 25.000 unità per l’operazione che deve essere lanciata a Tell Abyad, Manbij, Afrin e Tell Rifaat· Le forze armate turche mantengono una stretta sorveglianza sulle regioni occupate dalla collaborazione tra gli Stati Uniti e l’organizzazione terroristica del Partito dell’Unione Democratica( PYD) affiliata al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) come ad esempio Tell Abyad, Manbij, Afrin e Tell Rifaat.

Queste quattro regioni sono state portate al centro dell’attenzione a causa degli attacchi missilistici e degli attacchi da cannoni alle aree civili e dei tentativi di infiltrazione dell’organizzazione terroristica.

Terroristi da eliminare dalla regione

Sono state valutate tutte le possibilità allo scopo di eliminare il PKK dalla regione, che dal 2014 ha avuto una grande influenza con il sostegno degli Stati Uniti. Il fatto che l’organizzazione terrorista ha aumentato il trasferimento d rifugiati e di terroristi attraverso il confine con i suoi attacchi missilistici e i mortaio le regioni che sono state liberate con l’Operazione Scudo dell’Eufrate, a rivelato l’estensione della minaccia con la Turchia. La Turchia vuole assumere presto misure permanenti al confine dove il PKK vende anche droga ed armi. Tell Rifaat, Manbij e Tell Abyad, dove la popolazione è costituita da arabi e turcomanni, sono le regioni primarie dalle quali la Turchia intende espellere il terrorismo nel prossimo futuro.

Pronta una forza di 25.000 soldati

Una forza di 25.000 soldati è in attesa per una possibile operazione da lanciare contro l’organizzazione terroristica nelle regioni liberate con l’Operazione Scudo dell’Eufrate. Circa 15.000-17.000 soldati dell’Esercito Libero Siriano (FSA) in Siria e 8.000 soldati dell’esercito turco stanno attendendo ordini. Campi di addestramento sono stati istituiti per le FSA a seguito della sicurezza che è stata assicurate nelle regioni liberate con L’Operazione Scudo dell’Eufrate che era iniziata il 25 agosto. Più di 7.000 soldati FSA sono stati addestrati in ordine militare e di conflitto .Rispetto al 2016, la forza di combattimento della FSA è aumentata del 50 per cento con i partecipanti più recenti. Le sedi dell’esercito turco sono state rinforzate con armi e veicoli corazzati che sono stati inviati alla regione negli ultimi tre giorni. Tutte le attività dell’organizzazione terroristica sono sotto sorveglianza, attraverso veicoli aerei senza equipaggio delle forze armate turche,contro le molestie di recente aumentate del PKK/PYD a Manbij, Afrin e Tell Rifaat.

Dichiarazione di Erdoğan: Una possibile pietra miliare

“Siamo determinati a estendere il pugnale che abbiamo messo nel cuore del progetto dell’entità di terroristica attraverso l’Operazione Scudo dell’Eufrate con nuove mosse. Adotteremo misure importanti per attuare le nuove campagne in un futuro prossimo”. Il presidente turco Erdogan ha dichiarato domenica: “Preferiamo piuttosto pagare il prezzo per sventare i piani che prendono di mira il nostro futuro e la libertà in Siria e in Iraq, oltre che sul nostro suolo”. Fonti della regione hanno affermato che questa dichiarazione, che indica l’estensione dell’operazione di scudo dell’Eufrate, potrebbe essere una pietra miliare, e un’operazione globale potrebbe essere lanciata contro le regioni occupate dall’organizzazione terroristica.

Yeni Şafak*
*Yeni Şafak (“Nuova Alba “) è un quotidiano turco conservatore . Il giornale è noto per il suo forte sostegno alla linea del presidente Recep Tayyip Erdoğan e dell’Akp. Esso, insieme ad altre organizzazioni mediatiche in Turchia, è stato accusato di utilizzare il discorso di odio per le minoranze e gruppi di opposizione.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top