Non diminuisce il terrore poliziesco contro HDP: di nuovo arresti Reviewed by Momizat on . Anche a quattro giorni dalle elezioni parlamentari e presidenziali in Turchia e nel Kurdistan del nord non diminuisce l’ondata di repressione contro il Partito Anche a quattro giorni dalle elezioni parlamentari e presidenziali in Turchia e nel Kurdistan del nord non diminuisce l’ondata di repressione contro il Partito Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Non diminuisce il terrore poliziesco contro HDP: di nuovo arresti

Non diminuisce il terrore poliziesco contro HDP: di nuovo arresti

Non diminuisce il terrore poliziesco contro HDP: di nuovo arresti

Anche a quattro giorni dalle elezioni parlamentari e presidenziali in Turchia e nel Kurdistan del nord non diminuisce l’ondata di repressione contro il Partito Democratico dei Popoli. Nella provincia del Kurdistan del nord di Erzîrom (Erzurum) la polizia turca dalle prime ore del mattino perquisisce le abitazioni di numerosi militanti del Partito delle Regioni Democratiche (DBP), partito fratello dell’HDP. Finora sono state arrestate almeno dieci persone.

A Erzîrom l’apparato di sicurezza turco già da tempo procede in modo sistematico contro l’opposizione democratica. Così nelle ultime settimane sono stati arrestati oltre 50 iscritti al partito. Anche le manifestazioni elettorali vengono sabotate dalla polizia.

Le persone arrestate finora sono gli iscritti del DBP Zeynel Mat della direzione distrettuale e Incekan e gli iscritti Osman Özbey, Esat Kabak, Sıdık Uğur, Kazım Erhan, Hafit Karagöz, Fudail Karagöz, Raşit Karagöz e Ayhan Kırtıl.

Bursa

Nella città turca di Bursa la polizia durante retate mattutine ha arrestato Ünal Güneş, Salih Gider, Bayram Öner e Münacat Yalçıner. Non si conoscono le accuse che gli vengono mosse. Sono trattenuti nei posti di polizia del distretto.

Şirnex

Anche nella provincia del Kurdistan del nord di Şirnex (Şırnak) sono piovuti arresti tra gli iscritti dell’HDP. La polizia al mattino nel distretto di Elkê (Beytüşşebap) ha assaltato le abitazioni di Özgür Ulaş, Dündar Cin, M. Ali Akdağ e Jiyan Cin. Finora non è stato possibile conoscere le motivazioni. Anche loro si trovano in custodia di polizia.

 

 

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top