Murat Karayilan: i turisti non dovrebbero venire in Turchia Reviewed by Momizat on . Murat Karayilan, comandante del quartier generale delle forze di difesa popolare, ha parlato domenica sera degli attuali sviluppi in Kurdistan in un programma s Murat Karayilan, comandante del quartier generale delle forze di difesa popolare, ha parlato domenica sera degli attuali sviluppi in Kurdistan in un programma s Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Basur » Murat Karayilan: i turisti non dovrebbero venire in Turchia

Murat Karayilan: i turisti non dovrebbero venire in Turchia

Murat Karayilan: i turisti non dovrebbero venire in Turchia

Murat Karayilan, comandante del quartier generale delle forze di difesa popolare, ha parlato domenica sera degli attuali sviluppi in Kurdistan in un programma speciale su Stêrk TV.Pubblichiamo alcuni estratti della trasmissione.

Piano di sterminio strategico

La lotta di liberazione curda è entrata in una nuova fase. Questa fase deve essere compresa correttamente in tutte le parti del Kurdistan. Lo stato turco sta attaccando la lotta di liberazione del Kurdistan e lo status di tutto il popolo curdo. Questo attacco globale e strategico ha l’obiettivo di commettere un genocidio contro il popolo curdo. Lo status raggiunto nel Kurdistan meridionale e occidentale e le conquiste per le quali il popolo curdo ha combattuto ovunque dovrebbero essere distrutti. Ai curdi è stato impedito di avere la propria identità. Questo è l’obiettivo principale di questa strategia, che prevede diverse fasi tattiche. Siamo di fronte a una nuova situazione.

Espansione neo-ottomana come strategia segreta

Lo stato turco afferma che l’operazione di Heftanin è una delle più grandi operazioni negli ultimi anni. Ha reso noto alcuni obiettivi, ma non tutti. C’è anche una strategia segreta. Ne parliamo continuamente e anche altri ne parlano. Questa strategia segreta prevede l’occupazione dell’area ottomana “Misak-i Milli” (patto nazionale). Solo gli aspetti tattici sono resi pubblici.

Cosa sta succedendo? La politica del Kurdistan meridionale è messa sotto pressione, si vuole impedire il raggiungimento dell’unità nazionale curda. Le forze curde vengono usate mettendone l’una contro l’altra. Il Rojava e il sud, il sud e il nord vogliono essere messi l’uno contro l’uno contro l’altro per impedire un’unità. Questo è uno degli obiettivi ovvi.

Dalla zona cuscinetto all’occupazione della regione

Quali sono gli ulteriori obiettivi? Secondo le sue stesse dichiarazioni, lo Stato turco vuole stabilire una “zona cuscinetto” da 35 a 40 chilometri nel Kurdistan meridionale. Questo è stato spiegato in anticipo, ma non è la strategia generale.Si vuole occupare Heftanin, ma questo è solo l’inizio dell’operazione pianificata. L’occupazione dello scorso anno di Lelikan a Xakurke è stata la preparazione per questo. Ora, Heftanin dovrebbe essere presa dall’altra parte del Kurdistan meridionale.Successivamente, entrambe le aree saranno collegate, da Derkar via Batufa, Bamernê, Kanîmasî ad Amêdî, Dêrelok, Şîladizê e Sidekan. Questo è l’obiettivo che viene nominato abbastanza apertamente. Questa zona è da occupare. Lo stato turco non sostiene nemmeno che si tratti di un’occupazione temporanea. Le strade vengono costruite in tutte le aree occupate e viene installato un sistema separato che rende l’occupazione permanente.

Come si comporta il governo del Kurdistan meridionale?

A questo punto è importante come reagiscono le forze circostanti. L’Iraq ha mostrato un certo atteggiamento, l’ambasciatore turco è stato richiamato ed è stata rilasciata una dichiarazione. Apparentemente l’Iraq si è anche lamentato della Turchia alle Nazioni Unite. Anche l’Arabia Saudita, l’Egitto e la Lega araba hanno rilasciato dichiarazioni, ma l’opinione delle potenze internazionali nella regione non è ancora nota.

Ciò che gli Stati Uniti hanno da dire al riguardo rimane poco chiaro. La Turchia può procedere a loro insaputa? Qual è l’atteggiamento del governo della Regione autonoma del Kurdistan nei confronti del piano turco di istituire una zona cuscinetto e occupare una parte del Kurdistan meridionale?

Il tempo della cooperazione con la Turchia è definitivamente finito, perché lo stato turco effettua un attacco dopo l’altro. Nessuno dovrebbe essere ingannato nell’usare il PKK come giustificazione. Quando lo scorso anno si è verificata l’invasione di Serêkaniyê [Ras al-Ain, nel nord della Siria] Nechirvan Barzani ha affermato che la Turchia non ha problemi con i curdi, solo con il PKK. Vorrei dire all’onorevole Barzani: per favore, vai a Serêkaniyê e guardati attorno, come stanno i curdi? Ci sono ancora curdi lì o no? Tutte le loro proprietà sono state saccheggiate o no? Il loro onore è stato violato o no? I jihadisti di Ghouta o altrove non sono mai stati ospitati nelle loro case? E come stanno i curdi ad Afrin? Lì sta avvenendo un genocidio, tutti i curdi sono stati espulsi, le loro proprietà sono state confiscate. Lo stesso sta accadendo in Serêkaniyê.

Resistenza e terra bruciata a Heftanin

L’operazione a Heftanin è l’inizio di una strategia globale. Una feroce guerra dura da giorni. I nostri compagni stanno mettendo in campo un’eroica resistenza. Lo stato turco sta usando tutti i mezzi tecnologici con obici, aerei da combattimento, droni da ricognizione ed elicotteri Cobra, vogliono distruggere ogni luogo. Haftanin è stata bombardata così intensamente che ovunque sta già bruciando. Gli scontri si svolgono in tre aree. Prima dell’inizio dell’operazione, i nostri tre compagni Şahin, Çiya e Tolhildan sono stati uccisi vicino al villaggio di Keşan perché denunciati dai collaboratori. Durante l’operazione, i nostri compagni Mazlum ed Egîd sono stati uccisi. Il contatto con un gruppo di quattro persone è andato perso. I combattimenti continuano e non sappiamo come andrà a finire.

Ciò che l’ISIS non è riuscito ad ottenere

Vorrei attirare l’attenzione su un altro punto: l’ISIS ha commesso un genocidio a Shengal (Sinjar) e ha voluto perpetrare un massacro a Maxmur. Questi posti adesso vengono bombardati dall’aeronautica turca. L’obiettivo è lo stesso. Lo stato turco ha prima voluto distruggere l’intero sud e il sistema federale del Kurdistan meridionale attraverso l’ISIS a Shengal, Maxmur e oltre. Tuttavia, l’ISIS è stato sconfitto e non è stato in grado di raggiungere questo obiettivo. Pertanto, lo stato turco lo sta facendo da solo.

Azioni militanti in Turchia

Nel Kurdistan settentrionale stanno avendo luogo azioni. La guerriglia sta adottando provvedimenti così come le unità di autodifesa. Questo è buono. Mostra che la propaganda turca è sbagliata. Il regime fascista dell’AKP / MHP sta conducendo una guerra psicologica molto ampia. Le azioni delle unità di autodifesa contro agenti, collaboratori e l’economia del nemico in Kurdistan e le metropoli della Turchia non sono male, ma non sono sufficienti. Ci deve essere di più.

Nessuno dovrebbe fare una vacanza in una zona di guerra

Tra noi e lo stato turco sta avvenendo una guerra globale. La nostra gente è colpita dal terrore statale. Non vogliamo che persone provenienti da Europa e Russia vengano in Turchia come turisti in questo momento. Dovrebbero essere consapevoli che lo stato turco sta conducendo una politica di genocidio contro il popolo del Kurdistan. Il denaro che i turisti spendono in Turchia diventa un proiettile rivolto contro il popolo curdo. Ecco perché non dovrebbero venire in Turchia. Se lo fanno e subiscono danni, non ne siamo responsabili.

Non sto dicendo che li prenderemo di mira, ma qui c’è una guerra in corso. Se entrano in zona di guerra e subiscono danni, non possiamo assumercene la responsabilità. Ad ogni modo, il Coronavirus è là fuori in questo momento e nessuno sta arrivando, ma anche se la situazione si calmasse, nessuno dovrebbe venire. Questo paese è in guerra con il nostro popolo e stiamo legittimamente resistendo.

 

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top