Migliaia di persone si sono radunate a Istanbul in solidarietà con lo sciopero della fame Reviewed by Momizat on . La manifestazione promossa per chiedere la fine dell'isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, ha anche invitato tutti a sostenere lo sciopero del La manifestazione promossa per chiedere la fine dell'isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, ha anche invitato tutti a sostenere lo sciopero del Rating: 0
You Are Here: Home » Liberta per Öcalan » Migliaia di persone si sono radunate a Istanbul in solidarietà con lo sciopero della fame

Migliaia di persone si sono radunate a Istanbul in solidarietà con lo sciopero della fame

Migliaia di persone si sono radunate a Istanbul in solidarietà con lo sciopero della fame

La manifestazione promossa per chiedere la fine dell’isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, ha anche invitato tutti a sostenere lo sciopero della fame guidato dalla co-presidente del DTK e dalla deputata Hakkari Leyla Güven.

Si èsvolta la manifestazione “Lavoro, pace, libertà” organizzato dall’HDP nella piazza della libertà Bakırköy a Istanbul. Promossa per chiedere la fine dell’isolamento del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan, la manifestazione ha anche invitato tutti a sostenere lo sciopero della fame guidato dalla co-presidente del DTK e dalla deputata di Hakkari Leyla Güven. Lo sciopero della fame si è diffuso a Hewlêr, in Europa, nelle prigioni in Kurdistan e in Turchia. Decine di migliaia si sono uniti alla manifestazione. La folla si è incontrata all’Obelisco Incirli la mattina presto con le bandiere dell’HDP, foto dei deputati HDP in carcere e di Leyla Güven e delle persone in sciopero della fame. La polizia ha fatto tre punti intorno all’area di raduno e confiscato i gagliardetti dell’HDP.

Il co-presidente dell’HDP Sezai Temelli, Deputati HDP Gülistan Koçyiğit, Oya Ersoy, Hüda Kaya, Züleyha Gülüm, Dilşat Canbaz Kaya, Dilay Dirayet Taşdemir, Musa Piroğlu, Garo Paylan, Zeynel Özen, Ahmet Şık hanno partecipato alla manifestazione come molti partiti politici e civili rappresentanti dell’organizzazione sociale. Sono stati scanditi i seguenti slogan “Bijî Serok Apo”, “Leyla Güven è la nostra dignità” “Bijî berxwedana Leyla”.

Temelli: la pace e la giustizia arriveranno con la fine dell’isolamento

Il co-presidente dell’HDP Sezai Temelli ha parlato dopo un minuto di silenzio in memoria di coloro che hanno perso la vita nella lotta per la libertà e la democrazia. “Ciao Istanbul, – ha detto Temelli – la nostra lotta per la democrazia, la pace e la libertà continua e la nostra lotta continua.”
Affermando che l’ingiustizia si è diffusa in tutto il paese, Temelli ha inviato saluti alle persone in sciopero della fame in Europa, Hewlêr, in prigione e a Leyla Güven, che ha messo in pericolo la sua vita per la giustizia. Enfatizzando che pace, giustizia e democrazia arriveranno solo dopo la fine dell’isolamento a Imrali, Temelli ha affermato che è necessario “alzare la voce prima che sia troppo tardi”.

Temelli si è rivolto alla folla dicendo: “intensificheremo la nostra lotta per la democrazia e la pace. Perché abbiamo un desiderio, un’idea e questo è ciò che ci unisce. Il nostro desiderio è una nazione democratica di pace e libertà in una terra comune. Abbiamo iniziato con queste idee e fondatol’ l’HDP. Abbiamo invitato tutti a partecipare a questa lotta. Il nome di ciò per cui lottiamo è la democrazia radicale, la pace. È il futuro della Turchia. Saluto la persona che per prima ha avuto questa idea, saluto Imrali, saluto Öcalan.”

Diventiamo la voce di Leyla Guven

Temelli ha sottolineato che le persone che vogliono la pace e la democrazia in questo paese dovrebbero lottare per porre fine all’isolamento di Ocalan. Ha continuato: “L’unico problema del governo è la guerra, si stanno nutrendo di sangue. Sviluppano questa ostilità, oppressione, violenza. Questo è il loro metodo per rimanere al potere, aumentare la violenza. Dobbiamo fermare tutto questo. Ecco perché dobbiamo porre fine all’isolamento. Dovremmo essere la voce di Leyla Guven ora. Se non lo fermiamo ora, questo paese subirà un dolore maggiore, sarà trascinato in una crisi più grande”.

La giustizia ha abbandonato le aule dei tribunali

Il co-presidente dell’HDP ha poi ribadito che l’HDP non accetta il sistema giudiziario che è prevenuto e agisce in base agli ordini impartiti dal partito al potere. Ricorda che la Turchia non ha applicato la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo e che Selahattin Demirtas dovrebbe essere rilasciato. Facendo riferimento alle condanne pronunciate su Gültan Kışanak e Sebahat Tuncel ha detto: “Il potere dominante sta ignorando la legge. La giustizia ha abbandonato l’aula. Non riconosciamo queste decisioni”.

Lasciare che il popolo della Siria decida sul proprio futuro

Temelli ha ricordato le parole di odio del governo sulla Siria “. Diciamo che i popoli della Siria dovranno decidere il futuro della Siria. Si libereranno dei mercenari di DAESH e decideranno il loro futuro insieme.”
Le elezioni locali mostreranno ciò che il popolo vuole
Temelli ha sottolineato che “la violenza contro le donne continua. Questo potere dominante produce nuovi discorsi di odio ogni giorno. Salveremo le nostre città. Non solo recupereremo i comuni usurpati con le amministrazioni forzate dal governo, ma costruiremo anche la democrazia locale. Distruggeremo il blocco dell’AKP-MHP ovunque in Turchia “. Le elezioni previste per il 31 marzo, ha dichiarato Temelli, sono molto importanti per salvare questo paese da questo regime. “Siamo qui con tutte le nostre differenze contro questa mentalità di un uomo solo alpotere. Invitiamo tutti ad unirsi a noi in questa lotta”.

Taşdemir: L’isolamento è un crimine contro l’umanità
Dilek Dirayet Taşdemir, portavoce del Consiglio delle donne dell’HDP e deputata di Ağrı, ha dichiarato in kurdo: “L’isolamento è un crimine contro l’umanità. L’alleanza AKP-MHP continua a portare avanti questo crimine. La voce di Leyla Güven e dei suoi amici si è diffusa in tutto il mondo. L’isolamento è un crimine contro l’umanità. Hanno paura delle idee di Öcalan. “

Şenoğlu: La strada per la verità è lunga, ma cammineremo fino a quando non raggiungeremo il nostro obiettivo.

Il portavoce dell’HDK Sedat Şenoğlu ha detto che la chiave per la pace si trova a Imralı e ha aggiunto: “Leyla Guven ha intrapreso la strada della verità e questo percorso non può essere bloccato. Questa è una lunga strada, ma la percorreremo fino a quando non avremo raggiunto il nostro obiettivo “.

Leyla Guven: Lunga vita alla fratellanza dei popoli

Dopo gli interventi, Leyla Guven si è unita alla manifestazione da casa sua ad Amed via Skype. “Vi saluto tutti con la forza della resistenza della prigione di Amed – ha detto – e voglio esprimere il mio rispetto e amore per la vostra resistenza nella nostra lotta. Meno male che esisti!
Lunga vita alla fratellanza dei popoli “.

Sei persone prese in custodia
La manifestazione si è conclusa con la musica. È stato riferito che Emine Bozkurt, Ömer Aslan, Özkan Yiğit, İdris Bozkurt, Helin Yılmaz e Kübra Altun sono stati presi in custodia non appena la manifestazione si è conclusa.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top