“Mi chiamo Kurdistan”: “Combattiamo non solo per la nostra famiglia, ma per tutte le famiglie” Reviewed by Momizat on . di Lorenzo Giroffi - C'era una volta il Kurdistan. Oggi, di quel paese, resta un popolo. Circa 40 milioni di persone sparpagliate tra Truchia, Iraq, Iran, Siria di Lorenzo Giroffi - C'era una volta il Kurdistan. Oggi, di quel paese, resta un popolo. Circa 40 milioni di persone sparpagliate tra Truchia, Iraq, Iran, Siria Rating: 0
You Are Here: Home » VIDEO » “Mi chiamo Kurdistan”: “Combattiamo non solo per la nostra famiglia, ma per tutte le famiglie”

“Mi chiamo Kurdistan”: “Combattiamo non solo per la nostra famiglia, ma per tutte le famiglie”

“Mi chiamo Kurdistan”: “Combattiamo non solo per la nostra famiglia, ma per tutte le famiglie”

di Lorenzo Giroffi – C’era una volta il Kurdistan. Oggi, di quel paese, resta un popolo. Circa 40 milioni di persone sparpagliate tra Truchia, Iraq, Iran, Siria: si chiamano curdi e si battono perché vi possa essere un’unione dei popoli più che un’unione degli Stati. Il nome che solitamente si associa al loro è quello del PKK, il partito dei lavoratori del Kurdistan. Il loro più tenace oppositore è il presidente turco, Erdogan, che ha indetto ufficialmente elezioni anticipate per il prossimo 1. novembre e che, pur dichiarando ufficialmente guerra al sedicente Stato islamico (IS), non è riuscito a dissipare i sospetti sui suoi reali obiettivi tra i quali spiccano, appunto, i curdi.

Noi, da oggi e per le prossime tre settimane, ogni giovedì, con Lorenzo Giroffi visiteremo il Kurdistan. Lui che ci aveva già portati nel Donbass ora ci porterà sui monti della guerriglia (1); nei campi profughi della guerra siriana (2) e al confine turco-siriano (3). Un viaggio in una diaspora che ha fatto – e sta facendo – anche la nostra cronaca, la nostra storia.

‘Siamo per l’unione di popoli, non di Stati’.

GUARDA AL VIDEO

http://www.rsi.ch/play/tv/popupvideoplayer?id=5949265

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top