Maside Ocak: sono passate 700 settimane, la mia speranza non è svanita Reviewed by Momizat on . Maside Ocak è stata arrestata e sua madre Emine, 82 anni, è stata picchiata dalla polizia durante l'attacco alle Madri del sabato. Tra le decine di Madri del Sa Maside Ocak è stata arrestata e sua madre Emine, 82 anni, è stata picchiata dalla polizia durante l'attacco alle Madri del sabato. Tra le decine di Madri del Sa Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Maside Ocak: sono passate 700 settimane, la mia speranza non è svanita

Maside Ocak: sono passate 700 settimane, la mia speranza non è svanita

Maside Ocak: sono passate 700 settimane, la mia speranza non è svanita

Maside Ocak è stata arrestata e sua madre Emine, 82 anni, è stata picchiata dalla polizia durante l’attacco alle Madri del sabato.

Tra le decine di Madri del Sabato e amici presi in custodia sabato, per il settecentesimo raduno che chiedeva giustizia e verità per le persone scomparse, c’erano Maside Ocak e sua madre, Emine.

Emine Ocak è una delle due madri che hanno iniziato l’azione delle madri del sabato, nel 1995. Suo figlio Hasan è scomparso a Istanbul dopo essere stato arrestato dalla polizia. La sorella di Hasan, Maside Ocak, che è stata rilasciata sabato sera, ha condiviso ciò che ha vissuto nel suo account sui social media.

Scrive:

“So che siete stati tutti molto preoccupati. Non so cosa scrivere di oggi. Il riassunto del giorno per me:

Mia madre all’età di 82 anni è stata spintonata e messa contro gli scudi della polizia, le sue braccia piene di lividi,

Siamo stati trascinati sul veicolo di detenzione, ho visto il brutale pestaggio di mio nipote Adilcan, ma non potevo lasciare mia madre e correre da lui,

Stavano piegando il braccio di Gamze Elvan per romperlo,

La polizia in borghese ha ordinato che la signora anziana non fosse messa nel veicolo di detenzione,

Mia madre ha detto: “Hai preso i miei figli, prendi anche me,” ed è stata espulsa dal veicolo dove ha cercato di salire,

Siamo stati tenuti nel veicolo in manette di plastica per ore …

Hayri Tunç oggi ha fotografato la stessa foto di mia madre portata via dalla piazza Galatasaray che Ahmet Şık aveva scattato nel 1997. Nulla è cambiato da allora a oggi. Siamo stati detenuti nel 1997, due generazioni di noi, oggi sono tre le generazioni da prendere in custodia.

Quando sono tornata a casa e ho acceso il computer, ho visto delle belle persone respingere la violenza inflitta al mio caro fratello Arat, e le persone continuano a dire “Siamo qui, mamma, non sei sola” alle Madri del sabato per ore dopo che eravamo stati arrestati.

Ho una parola da dire:

Sono passate 700 settimane, la speranza non è svanita …”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top