Lo Stato turco ha ucciso 20 civili a Derelok e Zap negli ultimi 8 mesi Reviewed by Momizat on . Con gli attacchi dello Stato turco nella regione di Reshawa nel Derelok e nelle vicinanze del villaggio di Etute a Zap nei quali sono rimasti uccisi 6 civili, i Con gli attacchi dello Stato turco nella regione di Reshawa nel Derelok e nelle vicinanze del villaggio di Etute a Zap nei quali sono rimasti uccisi 6 civili, i Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Lo Stato turco ha ucciso 20 civili a Derelok e Zap negli ultimi 8 mesi

Lo Stato turco ha ucciso 20 civili a Derelok e Zap negli ultimi 8 mesi

Lo Stato turco ha ucciso 20 civili a Derelok e Zap negli ultimi 8 mesi

Con gli attacchi dello Stato turco nella regione di Reshawa nel Derelok e nelle vicinanze del villaggio di Etute a Zap nei quali sono rimasti uccisi 6 civili, il conto è diventato più pesante. Lo Stato turco ha ucciso 20 civili nel corso di un anno.

Lo Stato turco invasione ha bombardato per 3 ore la regione del Reshawa a Derelok, nei pressi della zona di Zap e i villaggi nei pressi del Kure Jaro con aerei da combattimento il 23 gennaio.
A seguito dei bombardamenti si è scoperto che 2 civili sono stati uccisi nel villaggio di Etute nei pressi del monte Kure Jaro e che 4 civili sono stati uccisi nella regione di Reshawa.

NOMI DEGLI UCCISI
Le identità dei civili uccisi dagli attacchi aerei turchi contro Derelok, Zap e Avashin sono state individuate.
Sitki Sinci Rekani, Hekim Kiryaderi, Sidat Sidan, Ciger Sidan e Ali Sidan, due fratelli e un cugino, sono caduti martiri negli attacchi.
Civili di nomeIsmet Sitei, Saban Dihuki, Faxir Sarki sono caduti martiri a Geliye Balinde, lungo il fiume Avashin dietro a Sheladize.
3 fratelli del clan Doski di nome Tahir Nerwe Sito, Mecid Nerwe Sito, Ramazan Nerwe Sito sono caduti martiri nell’attacco aereo dello Stato turco nel loro villaggio di Nerwe.
I civili Remezan Mihemmed Abdurrahman, Ismail Hesen e Dilowan Salih del clan Eredine hanno perso la vita a Amadiya nell’attacco contro il villaggio di Eredine.
2 civili sono stati uccisi nel villaggio di Etute in un attacco mentre andavano a pesca nella regione del Reshawa il 23 gennaio.

LA POPOLAZIONE HA MANIFSTATO
Dopo i funerali dei 6 civili uccisi a Reshwa e Etute, la popolazione di Derelok e Sheladize ha fatto una manifestazione di protesta e contro il governo regionale e contro quello iracheno che sono rimasti in silenzio sugli attacchi dello Stato turco. Le proteste hanno portato lo Stato turco a fermare gli attacchi e a ritirarsi dalle zone occupate.

COMANDANTE PESHMERGA: NOI UCCIDEREMO GLI INVASORI!

La protesta più grande contro il massacro a Reshawa, Derelok e Etute, Zap, è arrivata da un comandante peshmerga che ha detto: “Non importa di quale partito facessero parte i morti. Erano curdi e lo Stato turco ha fatto un massacro. Colpiremo i veicoli del MIT che attraversano il nostro territorio con gli RPG-7 e li manderemo via dalle nostre terre.”

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top