Lo stato e i mercenari turchi prendono di mira le donne ad Afrin Reviewed by Momizat on . L'esercito turco occupante e i suoi alleati mercenari continuano a commettere gravi crimini contro i civili nelle aree sottoposte alla loro occupazione. Le donn L'esercito turco occupante e i suoi alleati mercenari continuano a commettere gravi crimini contro i civili nelle aree sottoposte alla loro occupazione. Le donn Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Lo stato e i mercenari turchi prendono di mira le donne ad Afrin

Lo stato e i mercenari turchi prendono di mira le donne ad Afrin

Lo stato e i mercenari turchi prendono di mira le donne ad Afrin

L’esercito turco occupante e i suoi alleati mercenari continuano a commettere gravi crimini contro i civili nelle aree sottoposte alla loro occupazione. Le donne sono il principale obiettivo di questi attacchi.

Gli attacchi e la violenza colpiscono in particolare le donne e la loro brutalità è stata condannata in tutta la Siria nord-orientale. Da marzo 2018 sono stati registrati circa 1.654 crimini contro donne ad Afrin.

Heyhan Ali, membro dell’Organizzazione dei diritti umai di Afrin, ha parlato della brutalità di questi attacchi e ha messo in evidenza il silenzio della comunità internazionale. Heyhan ha sottolineato che i rapimenti e le uccisioni compiuti dallo stato turco e dai suoi mercenari sono aumentati. Ha ricordato il rapimento e l’uccisione della giovane Malak Nabih Khalil, avvenuta solo pochi giorni fa.

Heyhan ha dichiarato: “I bambini sono costretti a sposarsi. Se la famiglia di un bambino si oppone a un matrimonio un tale matrimonio forzato, viene minacciata di morte dai mercenari. In effetti, il matrimonio minorile è aumentato in Afrin. Le famiglie sono costrette a lasciare che i loro figli si sposino perché hanno paura che altrimenti vengano rapiti dai mercenari. Come organizzazione per i diritti umani, abbiamo documentato alcuni crimini commessi da questi mercenari, tra cui molestie, torture e matrimonio forzato “.

Il silenzio incoraggia lo stato turco

Reagendo al silenzio dell’opinione pubblica internazionale, Heyhan ha dichiarato: “Le istituzioni internazionali non dovrebbero solo scrivere rapporti. I reati documentati devono essere perseguiti e i responsabili devono essere consegnati alla giustizia. Restare in silenzio contro i crimini significa garantire che questi crimini continuino effettivamente. Lo stato turco e i suoi mercenari vengono davvero incoraggiati a continuare con questo silenzio. “

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top