Lo slogan “Donne, Vita, Libertà” considerato reato Reviewed by Momizat on . L’Ufficio della Procura di Bitlis ha avviato un’inchiesta nei confronti di Hamza Özkan, dirigente provinciale del Partito Democratico dei popoli (HDP) per avere L’Ufficio della Procura di Bitlis ha avviato un’inchiesta nei confronti di Hamza Özkan, dirigente provinciale del Partito Democratico dei popoli (HDP) per avere Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Lo slogan “Donne, Vita, Libertà” considerato reato

Lo slogan “Donne, Vita, Libertà” considerato reato

Lo slogan “Donne, Vita, Libertà” considerato reato

L’Ufficio della Procura di Bitlis ha avviato un’inchiesta nei confronti di Hamza Özkan, dirigente provinciale del Partito Democratico dei popoli (HDP) per avere cantato lo slogan“Jin, jiyan, azadi” (“Donne, Vita, Libertà) durante una iniziativa.

Hamza Özkan lo scorso anno aveva partecipato a Bitlis ad una iniziativa organizzata contro la violenza contro le donne e aveva gridato lo slogan Jin, jiyan, azadi” (Donne, Vita, Libertà). L’Ufficio della Procura di Bitlis ha aperto un’inchiesta contro Hamza Özkan per aver gridato lo slogan. Hamza ha rilasciato la sua testimonianza alla procura e gli è stato chiesto lo scopo delle attività e perché ha gridato lo slogan “Jin, Jiyan, Azadi”.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top