L’isolamento rende più difficile la ricerca di soluzioni Reviewed by Momizat on . Sono trascorsi più di 21 anni da quando il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan è stato rapito e incarcerato. Il 15 febbraio 1999 una cospirazione internazio Sono trascorsi più di 21 anni da quando il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan è stato rapito e incarcerato. Il 15 febbraio 1999 una cospirazione internazio Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Bakur » L’isolamento rende più difficile la ricerca di soluzioni

L’isolamento rende più difficile la ricerca di soluzioni

L’isolamento rende più difficile la ricerca di soluzioni

Sono trascorsi più di 21 anni da quando il leader del popolo curdo Abdullah Öcalan è stato rapito e incarcerato. Il 15 febbraio 1999 una cospirazione internazionale, in cui fu coinvolta anche la CIA, riuscì a catturare Öcalan che da allora si trova ad Imrali. Da allora, l’accesso limitato dei suoi avvocati al loro cliente è diventato anche una misura della riluttanza dello stato turco a risolvere la questione curda.

Gli avvocati dell’ufficio legale di Asrin descrivono l’isola carceraria di Imrali, dove è detenuto Öcalan, come un sistema di isolamento e un segno della riluttanza del governo turco a cercare una soluzione alla questione democratica e alla questione curda in Turchia e nel nord Kurdistan.

Öcalan ha visto i suoi avvocati 60 volte nel 1999, 37 volte nel 2000, 40 volte nel 2001, 35 volte nel 2002, 21 volte nel 2003, 25 volte nel 2004, 14 volte nel 2005 e 22 volte nel 2006. Innumerevoli richieste di visite sono state respinte per una serie di motivi. Nel 2007, tutte le visite sono state negate per cinque mesi e mezzo a causa del “maltempo” o di una “nave guasta”.

Durante questo periodo, sono state inflitte per tre volte punizioni contro Öcalan. Nel 2008, i suoi capelli sono stati rasati con la forza – un messaggio che il popolo curdo ha letto come una minaccia di sterminio e di conseguenza ha protestato. Öcalan durante questo periodo è stato completamente isolato.

Nessuna visita degli avvocati per 8 anni

Tra il 2008 e il 27 luglio 2011 tutte le richieste per una visita sono state respinte. C’è stato un isolamento totale per 8 anni. Tutte le 618 domande presentate fino al 2017 sono state respinte. Anche 202 domande tra il 2017 e il 2018 sono state respinte a causa di una “misura disciplinare”. Questa punizione era basata su discussioni legali dal 2007 al 2010. Dopo lo sciopero della fame, intrapreso dalla parlamentare di HDP ad Hakkari Leyla Güven che è durato oltre 200 giorni, il 2 maggio 2019 otto anni dopo l’ultima visita Öcalan è stato in grado di vedere il suo avvocato. Dopo il secondo incontro del 22 maggio il grande sciopero della fame, a cui si erano state aggiunte migliaia di persone, è stato annullato il 26 maggio a seguito di un appello di Öcalan.

Ancora una volta le domande non ricevono nemmeno risposta

Anche se le condizioni di isolamento nonostante le visite sono continuate, altri tre incontri potrebbero aver luogo fino al 7 agosto 2019. Da allora, nessuna visita è stata concessa. Delle 105 richieste di visita presentate nel 2019, 5 sono state accettate, 67 ignorate e 23 respinte. Le 38 richieste fatte nel 2020 sono state completamente ignorate.

Impedire una soluzione con Ergenekon

Sono intervenuti su tutto questo tutti gli avvocati dell’Ufficio legale Asrin. Gli avvocati affermano che le basi per il rapimento di Öcalan a Nairobi il 15 agosto 1999 erano già state gettate. Lo stato continua a ignorare una soluzione alla questione curda ancora oggi. Si tratta di mantenere tutto sotto il controllo dello stato e della nazione. L’isolamento di Imrali continua e si intende qualcosa di simile.Ancora una volta è diventato molto chiaro come i politici si aggrappano e continuano ad aggrapparsi al conflitto in corso. In passato l’AKP aveva perseguito questo obiettivo in alleanza con la comunità di Gülen, e oggi lo fa in una coalizione con l’MHP e la rete di Ergenekon. Secondo l’ufficio legale Asrin, coloro che si aggrappano alle operazioni militari, vogliono la guerra e vogliono continuare a garantire la detenzione di migliaia di persone, ma vogliono anche mettere a tacere la voce di Öcalan per mantenere il loro potere.

Colloqui diretti con il CPT

L’ufficio legale ha combattuto a lungo l’isolamento a tutti i livelli legali, sia in Turchia che a livello internazionale, e ha presentato numerose richieste. Riguardano il diritto di telefonare, il diritto di scrivere e ricevere lettere, il diritto a ricevere la visita di parenti e avvocati e il diritto a un’adeguata protezione contro la pandemia. Queste richieste sono state presentate sia alla Procura generale di Bursa che all’amministrazione penitenziaria di Imrali. Il 16 aprile l’Ufficio ha contattato il Comitato per la prevenzione della tortura del Consiglio d’Europa con le stesse richieste. L’ufficio sta al momento aspettando la decisione. Gli avvocati annunceranno, se le condizioni lo permetteranno, di parlare direttamente ai responsabili del CPT.

Diritti durante lo stato di emergenza

L’ultima visita a Imrali è stata a marzo. È stata una visita di famiglia che non poteva essere impedita dallo Stato a causa delle preoccupazioni dell’opinione pubblica sulle conseguenze di un incendio a Imrali. Il 27 aprile c’è stata una conversazione telefonica con le famiglie sulla pandemia. Questa è stata la prima conversazione telefonica che Öcalan è riuscita a svolgere dal suo rapimento nel 1999. In relazione tutto questo l’ufficio legale di Asrin descrive la situazione legale su Imrali come uno “stato di emergenza”, che consente ai detenuti di esercitare i propri diritti solo in caso di epidemie o incendi.

L’isolamento colpisce tutta la società

L’ufficio legale Asrin avverte che il silenzio sull’isolamento su Imrali è estremamente pericoloso per la pace sociale e chiede di esporre la catastrofe legale vissuta a Imrali. . Gli avvocati hanno dichiarato all’agenzia ANF: “La Turchia non è più uno stato costituzionale. In questo senso, tutta l’opinione pubblica deve dichiararsi contraria all’isolamento e protestare contro di esso. Il sistema di isolamento e l’illegalità che crea sono la ragione della mancanza di volontà nel cercare una soluzione alla questione curda. Ciò influisce sulla società nel suo insieme “.

 

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top