Liberati dopo aver sofferto un assedio e la fame Reviewed by Momizat on . Hanno vissuto nell’intimidazione, assediati per più di un mese, senza trovare cibo che potesse zittire lo stomaco, senza acqua da bere… Appena liberati, le loro Hanno vissuto nell’intimidazione, assediati per più di un mese, senza trovare cibo che potesse zittire lo stomaco, senza acqua da bere… Appena liberati, le loro Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Rojava » Liberati dopo aver sofferto un assedio e la fame

Liberati dopo aver sofferto un assedio e la fame

Hanno vissuto nell’intimidazione, assediati per più di un mese, senza trovare cibo che potesse zittire lo stomaco, senza acqua da bere… Appena liberati, le loro parole sono state: “Siamo rinati!”
Le Forze Democratiche Siriane (SDF) avanzano su al-Diriya, quartiere sito a ovest di al-Raqqa, liberando 4 famiglie: 3 di queste si trovavano assediate in una casa, sotto il controllo dei mercenari: alla fine, il vento della libertà ha soffiato. Tra le persone liberate, Om Muhamad, di 53 anni, che viveva vicino la Moschea al-Tawhid nel quartiere al-Diriya a ovest di al-Raqqa. I loro volti brillano di sorrisi, mentre ringraziano le SDF che li hanno liberati dall’oppressione del Daesh e dalla morte stessa.

Continua dicendo: “I mercenari hanno rapito mio figlio 15 giorni fa; mio genero, mio zio e mio cugino da 9 giorni, mentre cercavano di raggiungere le postazioni delle SDF.” Mentre racconta la sua storia con le lacrime agli occhi, dice: “Siamo stati sotto assedio per un mese da parte delle bande del Daesh nel quartiere di al-Diriya; non avevamo cibo né acqua, vivevamo di briciole di pane e acqua sporca, dormendo completamente al buio e nella paura totale.”

Abu Muhamad ci racconta che non hanno neanche sentito il gusto dell’Eid, poiché gli affamati e gli assetati non lo possono certo provare. Dice: “Ci hanno portato via tutto.” Riguardo all’essere stata liberata, invece, dice: ”Oggi siamo rinati.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top