Leyla Güven: continuo fino a quando non avrò risposta! Reviewed by Momizat on . La deputata Leyla Güven in sciopero della fame contro l’isolamento di Öcalan, in un messaggio di saluto ha dichiarato: „Continuerò la mia azione fino a quando a La deputata Leyla Güven in sciopero della fame contro l’isolamento di Öcalan, in un messaggio di saluto ha dichiarato: „Continuerò la mia azione fino a quando a Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Leyla Güven: continuo fino a quando non avrò risposta!

Leyla Güven: continuo fino a quando non avrò risposta!

Leyla Güven: continuo fino a quando non avrò risposta!

La deputata Leyla Güven in sciopero della fame contro l’isolamento di Öcalan, in un messaggio di saluto ha dichiarato: „Continuerò la mia azione fino a quando avrò avuto una risposta. Io so che questa è una lotta giusta e che vinceremo.“

La deputata del Partito Democratico dei Popoli (HDP) in carcere, Leyla Güven, ha inviato un messaggio di saluto alla conferenza avvita dal Movimento delle Donne (TJA) „La nostra organizzazione è la nostra libertà“ ad Amed (Diyarbakir), alla quale ha partecipato un gran numero di donne. Nella sala della conferenza erano esposte le immagini delle politiche curde assassinate a Silopi, Sêvê Demir, Pakize Nayır, Fatma Uyar e delle rivoluzionarie curde assassinate a Parigi Sakine Cansız, Fidan Doğan e Leyla Şaylemez.

Güven: Io so che vinceremo
La deputata Leyla Güven oggi al 24° giorno di sciopero della fame. Ha inviato un messaggio saluto alla conferenza. Il messaggio recita: “Saluto la vostra conferenza. Saluto le donne che mi sostengono e che prendono parte alla mia resistenza. Io voglio salutare in particolare le Madri per la Pace. Io ho iniziato questa azione per protestare contro la repressione e l’isolamento nei confronti del popolo curdo. Continuerò l’azione fino a quando avrò ottenuto una risposta. Io so che questa è una lotta giusta e che vinceremo.“

Le donne continuano lo sciopero della fame a Hewlêr
Lo sciopero della fame a Hewlê è giunto all’undicesimo giorno e le donne hanno assunto la protesta. Lo sciopero della fame lanciato a Hewler sotto la guida dell’ufficio di rappresentanza del Kurdistan Bashurê di HDP è giunto all’undicesimo giorno e le donne hanno assunto la protesta.

La protesta lanciata dopo che la Co-presidente del Congresso democratico della società (DTK) e deputata di HDP Leyla Guven ha avviato lo sciopero della fame è giunto all’undicesimo giorno. La rappresentante di HDP Bashurê Kurdistan Muzeyen Gunes ha dichiarato: “Continueremo il nostro sciopero della fame che abbiamo lanciato contro l’isolamento imposto al leader Apo e per sostenere con determinazione la protesta di Leyla Guven. Continueremo finché non avremo notizie dal leader Apo. Gunes ha sottolineato che Öcalan ha un ruolo molto importante per le donne.

10 scioperanti della fame arrestati nella sede di Mersin di HDP

La sede di HDP a Mersin, dove oggi è stato lanciato uno sciopero della fame di 3 giorni, è stato perquisito dalla polizia. Oggi di buon ora uno sciopero della fame è stato lanciato nella sede di HDP di Mersin in solidarietà con la Co-presidente del DTK ( Congresso della società democratica) e deputata di HDP (Partito democratico dei popoli) di Hakkari, Leyla Guven, che è giunta alla terza settimana di sciopero della fame contro l’isolamento aggravato imposto al leader del popolo curdo. Abdullah Öcalan.

Mentre proseguiva lo sciopero della fame, le forze di polizia hanno fatto irruzione nella sede di HDP. Tutte le strade che portano alla sede di HDP sono state bloccate dalla polizia e chiuse al traffico; agli avvocati è stato impedito di entrare nella sede. 10 persone sono state arrestate dopo che sono terminate le perquisizioni. Tra gli arrestati anche il Co-presidente della sezione provinciale di HDP Zuhal Önen.

Il deputato di HDP di Mersin Rıdvan Turan, che si trovava sul luogo ha affermato che: “I nostri amici sono al momento arrestati per motivi inventati. Le perquisizioni proseguono nella sede che è sottoposta ad un blocco.”

É stato riferito che la polizia ha chiamato oggi i dirigenti di HDP minacciandoli dicendo loro:”Diteci i nomi di coloro che sono in sciopero della fame. Diversamente perquisiremo la sede e procederemo ad arresti.” Gli avvocati hanno affermato che 10 persone che hanno preso parte allo sciopero della fame sono stati arrestati per presunta appartenenza ad organizzazione illegale nelle indagini dell’ufficio della Procura.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top