L’esercito turco ha usato armi chimiche a Dersim? Reviewed by Momizat on . Esiste il sospetto che le Forze armate turche (TSK) hanno utilizzato armi chimiche nei più recenti attacchi aerei condotti due giorni fa nelle zone rurali di Ov Esiste il sospetto che le Forze armate turche (TSK) hanno utilizzato armi chimiche nei più recenti attacchi aerei condotti due giorni fa nelle zone rurali di Ov Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » L’esercito turco ha usato armi chimiche a Dersim?

L’esercito turco ha usato armi chimiche a Dersim?

L’esercito turco ha usato armi chimiche a Dersim?

Esiste il sospetto che le Forze armate turche (TSK) hanno utilizzato armi chimiche nei più recenti attacchi aerei condotti due giorni fa nelle zone rurali di Ovacik,distretto di Dersim. Il Comando del quartier generale delle Forze di Difesa del Popolo(HSM) due giorni fa ha annunciato che l’esponente del Consiglio del comando Baran Dersim (İsmail Aydemir) e i guerriglieri Erdal Reşo (Abdurrahman Akçin), Cîlo Kop (Resul Balıkçı) e Botan Gevda (Sedat Arslan) sono caduti nei citati attacchi.

Tuttavia i corpi di tre di loro sono attualmente all’Istituto di medicina forense di Elazığ e uno di loro risulta disperso.Le famiglie dei quattro guerriglieri si sono recate a Ovacık per identificare i corpi ma non li hanno potuti riconoscere.

I corpi sono irriconoscibili

Anche il deputato di HDP di Dersim Alican Öncü che ha visto i corpi dei guerriglieri ha affermato:”Le famiglie non hanno potuto riconoscere i corpi che erano completamente bruciati e trasformati in una specie di carbone.Uno dei corpi non aveva la testa,e un altro era completamente bruciato ad eccezione di una piccola parte sul mento.”

Le famiglie hanno richiesto dettagli dell’autopsia

Osservando che le famiglie non hanno potuto ottenere i risultati dell’autopsia eseguita sui corpi a Ovacik Öncü ha dichiarato:”Le famiglie hanno dato un campione di sangue per il test del DNA.I corpi sono stati inviati all’istituto di medicina forense di Elazığ,ma l’identificazione verrà fatta soltanto dopo l’Eid Al-Adha a causa delle vacanze per le festività.Le famiglie hanno chiesto anche i dettagli del rapporto sull’autopsia per avere chiaro se i loro ragazzi sono stati uccisi da armi chimiche o no.”

Oltre alla situazione dei corpi,i dettagli che Öncü ha fornito sugli attacchi aerei rafforzano i dubbi sull’utilizzo di armi chimiche proibite dalle norme internazionali.

Per la prima volta in 40 anni l’esercito turco ha usato velivoli antincendio

Secondo le informazioni fornite da Öncü, a seguito dei bombardamenti che sono durati due giorni,l’esercito turco ha utilizzato velivoli antincendio.Questo è accaduto per la prima volta durante gli ultimi 40 anni di guerra in Kurdistan.

Il Parlamentare di HDP Öncü ha dichiarato che:”Negli ultimi 40 anni sono stati effettuati centinaia di bombardamenti sulle montagne e sui villaggi,ma le forze dello stato non hanno mai condotto una lotta antincendio in nessuno di questi.Questa è stata la prima volta che il fuoco nella zona è stato estinto nel cuore della notte dagli aerei turchi senza aspettare le ore del mattino.”

Alla domanda perchè è successo questo Öncü risponde:”Non lo so, ma questo primo impegno antincendio da parte dello stato sostiene i nostri sospetti.Potrebbero aver spento il fuoco per attenuare l’effetto delle armi chimiche. “

Le famiglie soffrono una seconda tortura

Öncü ha sottolineato che accanto ai corpi tenuti all’Istituto di medicina forense di Elazığ,ci sono altri corpi che attualmente si trovano all’istituto di medicina forense di Malatya che devono ancora essere identificati nello stesso modo in quanto il test del DNA deve essere ancora concluso.”L’allungamento delle procedure,che normalmente si concludono in due giorni,fanno soffrire le famiglie di una seconda tortura.

Sottolineando che il palazzo conducendo questa guerra non conosce morale,le regole di guerra e nemmeno le tradizioni dello stato stesso, il parlamentare di HDP di Dersim ha dichiarato:”La crudeltà dello stato ha raggiunto il punto di non riconoscere persino le tradizioni dello stato stesso.I corpi dei guerriglieri caduti sono sottoposti a tortura,e alle loro famiglie non è consentito di prenderli e di seppellirli.Come abbiamo visto a Cizre,le madri hano tenuto i corpi dei loro ragazzi nei frigoriferi nelle loro case.Non c’è un caso del genere in tutto il mondo. Stanno facendo una cosa simile a Dersim ora. “

A.DEMIR

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top