L'”Esercito Nazionale” di Erdoğan si rivela un gruppo di ladri di polli Reviewed by Momizat on . Le gang lasciate libere dalla Turchia in Afrin, chiamate "Esercito Nazionale", commettono severi crimini di guerra da un lato e rubano dalla popolazione dall'al Le gang lasciate libere dalla Turchia in Afrin, chiamate "Esercito Nazionale", commettono severi crimini di guerra da un lato e rubano dalla popolazione dall'al Rating: 0
You Are Here: Home » EFRIN » L'”Esercito Nazionale” di Erdoğan si rivela un gruppo di ladri di polli

L'”Esercito Nazionale” di Erdoğan si rivela un gruppo di ladri di polli

L'”Esercito Nazionale” di Erdoğan si rivela un gruppo di ladri di polli

Le gang lasciate libere dalla Turchia in Afrin, chiamate “Esercito Nazionale”, commettono severi crimini di guerra da un lato e rubano dalla popolazione dall’altro. Le gang si sono filmate rubare polli e tacchini.

L'”Esercito Nazionale” che la Turchia ha formato da bande come al-Nusra, ISIS e Ahrar al-Sham per l’invasione di Afrin ruba dalle case accessibili dal confine.

Le bande dell’ISIS pubblicarono una fatwa (opinione legale basata sull’Islam) dicendo che “Le proprietà dei curdi sono halal (lecite per l’Islam) per i membri dell’ISIS”, e similmente le bande sotto il controllo della Turchia stanno saccheggiando i villaggi situati sul confine.

In un video pubblicato su uno dei loro account sui social media, le gang che il presidente Tayyip Erdoğan chiama “Esercito Nazionale” si vedono entrare in una casa del villaggio Sorkê, del distretto Rajo di Afrin, rubando i polli e i tacchini della popolazione. Parlano tra di loro dicendo che gli animali rubati sono “Proprietà dei curdi, e quindi halal”. Dicono di essere arrivati ad Afrin e che l’area è molto ricca, che ci sono 200 lattine di olio d’oliva dentro e che “La proprietà del nemico è halal in guerra”. La gang ruba molti polli e tacchini dalla casa e se ne va in macchina.

Molti cittadini che vivono sul confine dichiarano che le loro case sono state saccheggiate dalle gang e che i loro animali sono stati rubati.
Le bande ISIS istituirono una fatwa per cui “La proprietà dei curdi è halal” durante l’invasione di Kobanê, e ne hanno saccheggiato i villaggi. Il regime di Erdoğan e le bande organizzate stanno attaccando in modo diretto i civili dal 20 gennaio, con il lancio degli attacchi d’invasione. Più di 150 civili, tra cui dozzine di donne e bambini, sono stati uccisi. Le stesse forze sono state viste torturare i corpi.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top