Le HPG rivendicano attacco a base militare Reviewed by Momizat on . Le HPG hanno eseguito attacchi in contemporanea contro sei postazioni militari nel Kurdistan del nord. Solo a Şemzînan sono rimasti uccisi 17 soldati dell’eserc Le HPG hanno eseguito attacchi in contemporanea contro sei postazioni militari nel Kurdistan del nord. Solo a Şemzînan sono rimasti uccisi 17 soldati dell’eserc Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Le HPG rivendicano attacco a base militare

Le HPG rivendicano attacco a base militare

Le HPG rivendicano attacco a base militare

Le HPG hanno eseguito attacchi in contemporanea contro sei postazioni militari nel Kurdistan del nord. Solo a Şemzînan sono rimasti uccisi 17 soldati dell’esercito turco, 37 sono rimati feriti e nove soldati sono dispersi.

Le HPG hanno rivendicato un attacco di venerdì scorso contro la base militare Süngü nei pressi di Bêsosin (Ortaklar) nel distretto di Şemzînan (Şemdinli).

Come riferisce l’ufficio stampa delle Forze di Difesa del Popolo HPG, la sera del 9 novembre e la mattina del 10 novembre sono state attaccate complessivamente sei basi militari dell’esercito turco e l’ufficio del governatore della provincia di Şirnex (Şırnak) nel Kurdistan del nord.

Efficace offensiva della guerriglia delle HPG a Şirnex
“In questa offensiva rivoluzionaria, nella quale sono state usate tattiche e tecniche nuove, al nemico sono state inflitte grandi perdite”, afferma la dichiarazione delle HPG e continua dicendo “Come sempre lo Stato turco fascista nasconde le perdite che ha subito in queste azioni contemporanee. Solo nell’attacco contro la base militare di Süngü nei pressi del villaggio di Bêsosin non è stato possibile nascondere [la situazione], qui è stato citato un numero di sette morti e 25 feriti.

Secondo informazioni a nostra disposizione, ricevute ieri mattina da fonti nostre, ci sono stati 17 morti, 37 feriti e nove dispersi nelle file dell’esercito turco. Questi numeri mostrano che anche in altri luoghi devono esserci state grandi perdite.

L’azione è dedicata ai martiri Atakan Mahir e Zekî Şengalî e a tutte le amiche e tutti gli amici caduti di recente.”

In una presa di posizione pubblicata dal governatore della provincia poco dopo l’attacco, si afferma che “mentre veniva fatto fuoco da un cannone sull’area usata a scopi militari, si è verificata una detonazione” che avrebbe solo ferito personale militare. Il Presidente turco Erdoğan sabato ha parlato di sette soldati uccisi e 25 feriti.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top