Le donne ad Afrin non possono uscire senza indossare il Burqa Reviewed by Momizat on . le pressioni e le pratiche forzate sono messe in atto a Raqqa capitale dichiarata di Daesh, sono state attuate ad Afrin da parte dell’esercito turco e dall’Eser le pressioni e le pratiche forzate sono messe in atto a Raqqa capitale dichiarata di Daesh, sono state attuate ad Afrin da parte dell’esercito turco e dall’Eser Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » Le donne ad Afrin non possono uscire senza indossare il Burqa

Le donne ad Afrin non possono uscire senza indossare il Burqa

Le donne ad Afrin non possono uscire senza indossare il Burqa

le pressioni e le pratiche forzate sono messe in atto a Raqqa capitale dichiarata di Daesh, sono state attuate ad Afrin da parte dell’esercito turco e dall’Esercito Libero Siriano (FSA) Fonti locali in città riferiscono che le alle donne è stato vietato uscire senza indossare il Burqa ed è stato consentito loro di uscire solo se un uomo le accompagna.

Le pratiche adottate ad Afrin ,controllata dall’esercito turco e dall’Esercito libero siriano (FSA), sono le stesse alle pratiche attuate a Raqqa dichiarata capitale da parte di Daesh. La tortura e e pratiche forzate attuate a Raqqa sono state implementate ad Afrin. Le immagini che sono state inviate alla nostra agenzia mostrano donne che indossano il Burqa, con un uomo che le accompagna verso il centro di Afrin sottoposta al controllo dell’esercito turco e dall’Esercito Libero Siriano dal 18 marzo.

Sono stati uccisi più di 300 civili
L’esercito turco e L’Esercito Libero Siriano hanno lanciato un operazione il 20 gennaio 2018 ed hanno chiamato questa operazione che ha ucciso più di 300 civili, in larga parte donne e bambini “Operazione ramoscello d’ulivo”. La popolazione di Afrin non ha lasciato le proprie abitazioni per 58 giorni nonostante siano state utilizzate contro di loro armi pesanti. Il 18 maggio l’esercito turco e i combattenti del ELS sono entrati nel centro della città di Afrin e la maggior parte della gente ha dovuto migrare per non trovarsi davanti ad un massacro.

Secondo il rapporto preparato dal Consiglio Democratico siriano, più di 300 civili, comprese 56 donne e 46 bambini, sono stati uccisi e 448 civili sono rimasti feriti negli attacchi su di Afrin. I filmati e le fotografie mostrano come l’esercito turco e i combattenti dell’ELS saccheggiano il centro della città di Afrin e depredano le residenze e i negozi appartenenti ai civili.
Il Congresso ha reso Afrin una parte della provincia turca

Il 19 marzo si è svolto un incontro chiamato ” Congresso della liberazione di Afrin”. Hasan Şindi è stato eletto come portavoce del congresso. Il congresso ha reso di fatto Afrin parte della provincia curda.

Le donne vengono rapite e sottoposte ad aggressioni sessuali

La pressione sulla popolazione che vive nel centro di Afrin e nei suoi villaggi è aumentata dopo che un nuovo governo è stato costituito in città.Nell’ultimo periodo, i rapporti affermano che le donne sono state rapite e sottoposte a violenza sessuale da parte dei membri delle bande.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top