Le confessioni degli ufficiali del MIT sul Massacro Parigi Reviewed by Momizat on . I due alti ufficiali catturati dalle HPG hanno confessato che il Massacro di Parigi è stato pianificato dall’agenzia di intelligence turca con l’approvazione de I due alti ufficiali catturati dalle HPG hanno confessato che il Massacro di Parigi è stato pianificato dall’agenzia di intelligence turca con l’approvazione de Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Le confessioni degli ufficiali del MIT sul Massacro Parigi

Le confessioni degli ufficiali del MIT sul Massacro Parigi

Le confessioni degli ufficiali del MIT sul Massacro Parigi

I due alti ufficiali catturati dalle HPG hanno confessato che il Massacro di Parigi è stato pianificato dall’agenzia di intelligence turca con l’approvazione delle più alte autorità.

La KCK ha reso note le confessioni di due alti ufficiali del MIT catturati dalle HPG nel Kurdistan Meridionale mentre stavano pianificando l’eliminazione dei leader della KCK.

Nell’anniversario del Massacro di Parigi, la KCK ha reso note le confessioni di Erhan Pekcetin e Aydın Gunel relativamente agli assassinii.

Entrambi hanno affermato che il massacro è stato pianificato dall’agenzia di intelligence turca ed è stato approvato dalle più alte autorità turche.

Uno degli ufficiali catturati del MIT, Erhan Pekcetin, ha affermato: “Ci sono registrazioni audio trapelate su internet. Quando le ho sentite per la prima volta, ho compreso che l’assassinio è stato pianificato e condotto da Ugur Kaan Ayik, il nostro capo al Dipartimento per le Attività dei Separatisti Etnici; Oguz Yuret, un direttore dell’ufficio distaccato; l’agente Ayhan Oran e altri tre del nostro organico. Questo perché li ho riconosciuti dalle registrazioni audio.”

“Si sono incontrati con un informatore chiamato Omer Guney in un albergo di Ankara. Le registrazioni audio sono state prese nell’albergo.”

“Questo tipo di assassinii è [molto] delicato. Richiede una decisione presa da ufficiali di alto rango e soltanto pochi quadri ne sono a conoscenza.”

“La nota d’azione dovrebbe arrivare sulla scrivania del direttore dell’agenzia. Non credo che deciderebbe da solo, chiederebbe al presidente. Questo perché tali azioni possono creare problemi a livello internazionale. Era un periodo in cui erano in corso i negoziati di pace. La nota d’azione è stata preparata probabilmente dal direttore dell’ufficio distaccato, non da Ayhan Oran. Dopo è quindi arrivata sulla scrivania di Ugur Kaan Ayık. Il suo superiore è Sabahattin Asal, che era vicedirettore dell’agenzia; possibilmente la nota è arrivata a lui. Sabahattin Asal era presente ai negoziati di pace insieme con Muhammed Dervisoglu. Dopo la nota è arrivata possibilmente sulla scrivania di Haluk Ozcan, il vicedirettore del Dipartimento per gli Affari Generali. Alla fine è arrivata sulla scrivania del direttore. Ecco come una nota d’azione viene trasferita all’interno dell’agenzia. Quest’azione non era del tipo che poteva essere condotta da un vicedirettore. Sarebbe arrivata fino al direttore per ottenere l’approvazione.”

Aydin Gunel ha riconosciuto le firme sui documenti trapelati relativi al Massacro di Parigi: “O. Yuret è la firma di Oguz Yuret. Oguz Yuret è il capo del Dipartimento Regionale del MIT a Van. Era il direttore del Dipartimento Operativo a quel tempo.

U.K. Ayik è Ugur Kaan Ayik. È il capo del Dipartimento per le Operazioni Speciali al momento. Era il capo del Dipartimento per le Attività dei Separatisti Etnici all’epoca.

S. Asal è Sabahattin Asal. È il vicedirettore del Dipartimento per le Informazioni Strategiche. Era un vice nel Dipartimento per le Attività dei Separatisti Etnici nel 2012. Queste sono le firme sulla nota d’azione.”

Gli ufficiali hanno anche fornito informazioni relative a come fu organizzato l’assassinio e a come furono preparati i viaggi di Omer Guney, il sicario: “Ho sentito che i servizi di intelligence francesi ci mandarono una nota quando venne fuori il biglietto aereo per Parigi di Omer Guney nella fase dell’assassinio. So che loro (i francesi) chiesero spiegazioni e non ci fu risposta. La Direzione di Sicurezza francese mandò anche una lettera alla propria controparte turca. La Direzione di Sicurezza turca avviò un’indagine e scoprì l’agenzia di viaggi in cui fu acquistato il biglietto grazie al Numero di Notifica di Pagamento. Quest’agenzia si trova in una palazzina nel quartiere di Yenimahalle ad Ankara. Non l’ho mai vista. Noi telefoniamo soltanto e loro ci procurano i biglietti. Ci danno il Numero di Notifica di Pagamento. Anche quel biglietto è stato acquistato da lì, dalla nostra agenzia. Non è [un’agenzia] della nostra organizzazione, ma il suo ufficio si trova nelle palazzine del MIT. Il biglietto di ritorno di Omer Guney è stato acquistato da lì.”

Gli ufficiali hanno parlato della promozione di chi c’era dietro all’assassinio: “Ugur Kaan Ayik è stato nominato rappresentante a Doha e dopo promosso a capo del Dipartimento per le Operazioni Speciali. Oguz Yuret è il capo dell’Ufficio Regionale a Van. Ayhan Oran è stato licenziato dall’agenzia.”
ANF

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top