L’attacco alla democrazia locale continua: 259 mukhtar curdi sospesi dall’incarico! Reviewed by Momizat on . L'attacco continuo del governo turco alla democrazia locale si è spostato in un altro campo in vista delle elezioni programmate per la fine del marzo 2019. Ques L'attacco continuo del governo turco alla democrazia locale si è spostato in un altro campo in vista delle elezioni programmate per la fine del marzo 2019. Ques Rating: 0
You Are Here: Home » ANALISI » L’attacco alla democrazia locale continua: 259 mukhtar curdi sospesi dall’incarico!

L’attacco alla democrazia locale continua: 259 mukhtar curdi sospesi dall’incarico!

L’attacco alla democrazia locale continua: 259 mukhtar curdi sospesi dall’incarico!

L’attacco continuo del governo turco alla democrazia locale si è spostato in un altro campo in vista delle elezioni programmate per la fine del marzo 2019. Questa volta l’obiettivo sono
i “mukhtar” nelle province curde (capi dei villaggio e dei quartieri eletti). Dopo che il presidente Erdogan li aveva indicati come il prossimo obiettivo affermando ” Ci sono Mukhtars che cedono alle minacce del PKK, noi non li possiamo dimenticare”, il Ministro degli Interni “ha lanciato un indagine” sui mukthar nelle province curde.

Il 15 ottobre 2018, il Ministero degli Interni ha sospeso dall’incarico 103 mukhtar dei villagggi e 156 di quartiere con l’accusa di “essere membro” o di “avere legami con organizzazione terroristica”. Come espresso dalla dichiarazione del Ministro, questa decisione è stata adottata senza definire nessuna procedura amministrativa o giudiziaria nei confronti dei mukhtar.

Il Ministro ha fatto riferimento alle leggi n° 442 e N° 4541 che regolano l’amministrazione dei villaggi e dei distretti per giustificare la sospensione. Tuttavia queste leggi non conferiscono nessuna autorità al Ministro degli Interni. Secondo l’articolo 41 della legge N°4541, un mukhtar può essere sospeso o rimosso da un governatore del distretto e del governo, se lei/lui non eseguono gli interessi del del villagi o altri incarichi assegnati dalla legge. Queste sospensioni sono completamente illegali.

Come le recenti detenzoni dei dirigenti e dei membri di HDP, la sospensione dei Mukhtar rappresenta chiaramente un altra iniziativa di preparazione per la campagna elettorale amministrativa dell’AKP al governo. Il governo dell’AKP ha già cancellato la maggior parte delle strutture e delle istituzioni della democrazia locale nelle province curde sostituendo 98 sindaci curdi eletti con commissari governativi, arrestando la maggior parte di loro.

La sospensione dei Muhtar è un altro passo nella stessa direzione- un altra grave violazione del diritto di voto e di essere eletti. Il governo dell’AKP aumenterà le pressioni illegali sulle opposizioni, mentre ci avviciniamo alle elezioni amministrative. Questo non ci sorprenderà. Manipolare la gente attraverso la paura e l’intimidazione e paralizzare l’HDP e le altre forze di opposizione democratica con le detenzioni, gli arresti, le dimissioni e le sospensioni dall’incarico prima delle elezioni sembra l’unico mezzo nelle mani del governo prima delle elezioni per ottenere questo risultato. L’attacco dell’AKP, tuttavia, non è un segno di forza, ma di paura, debolezza e fragilità. Come nelle precedenti elezioni, la volontà democratica dei nostri popoli sopravviverà sicuramente a tali politiche repressive illegali del governo.

Hişyar Özsoy Vice-Copresidente di HDP responsabile per gli affari esteri- deputato di Diyarbakir

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top