La violenza contro le donne è in aumento nel Kurdistan del Sud Reviewed by Momizat on . Dopo il fallito referendum sull'indipendenza nel sud del Kurdistan un anno fa, la violenza contro le donne è aumentata. L'organizzazione delle donne RJAK chiama Dopo il fallito referendum sull'indipendenza nel sud del Kurdistan un anno fa, la violenza contro le donne è aumentata. L'organizzazione delle donne RJAK chiama Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » La violenza contro le donne è in aumento nel Kurdistan del Sud

La violenza contro le donne è in aumento nel Kurdistan del Sud

La violenza contro le donne è in aumento nel Kurdistan del Sud

Dopo il fallito referendum sull’indipendenza nel sud del Kurdistan un anno fa, la violenza contro le donne è aumentata. L’organizzazione delle donne RJAK chiama per unirsi in una lotta comune.

Il 25 settembre 2017 si è tenuto un referendum sull’indipendenza nel Kurdistan del sud, già controverso fin dall’inizio e di conseguenza fallito catastroficamente . Il 16 ottobre 2017, la milizia sciita Hashd al-Shaabi e l’esercito iracheno hanno preso il controllo di Kirkuk, Tuz Khurmatu, Germiyan, Makhmur e Shengal, mentre i Peshmerga curdi si stavano ritirando.In questo modo il Kurdistan meridionale ha perso gran parte del suo territorio.

Il cambiamento ha anche avuto un impatto negativo sulle donne che vivono nelle varie regioni.L’organizzazione delle donne libere nel Kurdistan (Rêxistina Jinên Azad ên Kurdistanê, RJAK) osserva che ci sono stati casi di violenza contro le donne, specialmente nella regione di Tuz Khurmatu.

“Nella regione del Kurdistan, una donna muore ogni giorno per omicidio o suicidio.Nella società patriarcale, modellata dalla mentalità occupante, le donne sono il principale obiettivo della lotta per il potere, volto a rompere la volontà di libertà delle donne.

La violenza contro le donne non si manifesta solo fisicamente e sessualmente, ma anche negli attacchi degli occupanti contro la cultura e la società “, si legge in una dichiarazione del RJAK.

“Le donne nel Kurdistan meridionale e in Iraq devono prendere posizione contro la violenza sulle donne. Come donne kurde, dobbiamo opporci alle forze occupanti che attaccano noi e il nostro paese. Il Kurdistan sta vivendo un periodo molto critico in cui non possiamo rimanere in silenzio. Chiediamo a tutto il popolo curdo di agire insieme contro la violenza “.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top