La Turchia vorrebbe lanciare un attacco contro Afrin? Reviewed by Momizat on . La Turchia continua a minacciare e a lanciare attacchi contro la regione di Afrin, ma Afrin, fin dall'inizio della crisi siriana, ha resistito agli attacchi del La Turchia continua a minacciare e a lanciare attacchi contro la regione di Afrin, ma Afrin, fin dall'inizio della crisi siriana, ha resistito agli attacchi del Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » La Turchia vorrebbe lanciare un attacco contro Afrin?

La Turchia vorrebbe lanciare un attacco contro Afrin?

La Turchia vorrebbe lanciare un attacco contro Afrin?

La Turchia continua a minacciare e a lanciare attacchi contro la regione di Afrin, ma Afrin, fin dall’inizio della crisi siriana, ha resistito agli attacchi dell’occupazione turca e dei suoi mercenari mentre il comandante delle unità di protezione del popolo (YPG) Mahmoud Berxwedan ha dichiarato che “chiunque tenta di avvicinarsi al territorio di Afrin non potrà essere in grado di uscire in sicurezza”.

Un resoconto su Afrin
Afrin è una delle città del Rojava, ed è il centro del cantone di Afrin nella regione di Afrin che si trova nell’angolo estremo nord-occidentale del confine siriano-turco, è delimitato da ovest da Iskenderun, a nord dalla linea ferroviaria che unisce Maydan Ikbes a Kilis, ad est dalla pianura di Azaz e a sud dalla cittadella di Semaan.

Afrin è una zona montuosa con un’altezza di 700-1269 metri, il picco più alto è (Girê Mezin) che è considerato una parte dei monti Taurus in Siria. L’area di Afrin è di circa 3850 km2. In altre parole, occupa circa il 2% dello spazio siriano.

Afrin è anche diversificata nella sua geografia, tra cui le pianure e le alte montagne. Il fiume Afrin che scorre in Siria a circa 85 km la attraversa. Questo fiume è considerato una delle fonti di acqua più importanti dell’area.

Afrin dista circa 63 km da Aleppo ed ha una popolazione di circa 50.000 abitanti. Oltre a ciò è costituito da sette distretti; Shara, Shiah, Jindrese, Rajo, Bulbul, Mabata e Sherawa oltre a 366 villaggi. La popolazione di Afrin e dei suoi distretti è di circa 523.258 secondo le statistiche del governo siriano nel 2012 e il numero di curdi raggiunge il 90%.

Afrin nella crisi siriana
Poiché la crisi siriana è iniziata nella primavera del 2011 ed è durata fino alla metà del 2012, Afrin ha lottato dal punto di vista organizzativo e militare contro il regime.

Poco dopo la rivoluzione del 19 luglio nel 2012 in Rojava, la fiamma della libertà di Afrin si è rapidamente rivolta contro il regime dominante e ha continuato in modo sistematico senza danneggiare la popolazione civile. Cosi dichiera la sua liberazione dal regime il 21 luglio.

Fino alla fine del 2012 e all’inizio del 2013 Afrin ha eliminato i servizi di sicurezza Baathisti, ad Afrin è stato completamente abolito, ed è iniziata la fase di ristrutturazione istituzionale e organizzativa e gestendo in modo autonomo il popolo secondo il concetto dell’Autonomia Democratica e della Nazione Democratica.

I principali attacchi dei mercenari contro il cantone di Afrin
Dopo che Afrin è stata liberata dai servizi di sicurezza siriana, il Partito di giustizia e sviluppo (AKP) della Turchia ha iniziato a sfruttare le bande mercenarie per lanciare attacchi contro il cantone Afrin.

Nel 2013 le bande mercenarie turche hanno iniziato a lanciare attacchi sul villaggio di Qastal Jindo dalla città Azaz, con il comando del mercenario Ammar Dadekhi che ha guidato la Brigata Asephet al-Shemal (North Tempest) ma i tentativi non sono riusciti.

Nel settembre del 2013 i mercenari di IS in alleanza con i gruppi mercenari della coalizione siriana hanno lanciato attacchi su vasta scala sulla regione di Jendrisse del Dier Blaout, Diwa e Jalma. Questi massicci attacchi sono continuati per quasi un mese. Nonostante la disparità negli armamenti i mercenari non hanno fatto un solo passo avanti di fronte al coraggio e alla resistenza delle Unità di difesa del popolo e delle unità di difesa delle donne.

Gli attacchi contro Afrin non si sono fermati, ma sono aumentati nel distretto di Sherawa, guidati dal mercenario Abdul Qadir Saleh, comandante di Lewa al-Tawheed a Aleppo, che è stata una delle più grandi fazioni del cosiddetto Free Army Siria e uno dei gli attacchi più violenti della regione.

Respingere gli attacchi verso la liberazione in risposta alla chiamata del popolo

Come risultato degli attacchi dei mercenari contro il popolo nelle aree di al-Shahba, in risposta alla chiamata dei popoli delle aree di al-Shahba (unità di difesa del popolo e delle donne Jaish al-Thuwar, le forze tribali e altre forze della regione di Afrin ) la popolazione si è ribellata per liberare le aree di al-Shahba.

All’inizio del 2016 le forze sopra menzionate hanno lanciato una campagna per liberare le zone di al-Shahba per liberarle dai mercenari. Hanno liberato decine di villaggi e città.

Malgrado la liberazione dei villaggi e delle città nelle aree di Shahba, l’occupazione turca ha cominciato a lanciare attacchi su larga scala su queste aree e gli attacchi più violenti sono stati portati contro il villaggio di Ain Daqna guidato dai mercenari di Jaish all-Sona Esercito sunnita) che ha portato la Turchia da Homs a Azaz in un giorno e centinaia di mercenari sono stati uccisi in una battaglia storica.

L’esercito di occupazione turco e i suoi mercenari nei dintorni del cantone Afrin continuano a lanciare attacchi, ma senza alcun risultato a causa della resistenza dei figli del sole e della Siria settentrionale.

La legittima autodifesa è la risposta più importante contro gli attacchi di Afrin

“In realtà non esiste un organismo vivente in natura senza auto-difesa”. Ogni essere vivente protegge la propria esistenza reagendo e proteggendosi. Gli organismi viventi proteggono la propria esistenza con conoscenza e consapevolezza e la storia dello sviluppo dell’autodifesa sono parte della storia dell’umanità “, afferma Abdullah Öcalan, leader del popolo kurdo.

L’autodifesa si basa sulla società organizzata, la società organizzata è la società che protegge la sua esistenza al livello più alto, il sistema di autodifesa deve essere organizzato in tutte le società.

Da questo principio e dalla filosofia che Abdullah Ocalan ha elaborato per il popolo, il popolo di Afrin ha iniziato velocemente a rafforzare la propria autodifesa per proteggersi da ogni attacco.I residenti del cantone in piccoli gruppi hanno iniziato ad autodifendersi con la formazione sull’uso delle armi per sostenere le forze che proteggono Afrin. È stato addestrato un totale del 50% della popolazione; inoltre da quando i battaglioni di autodifesa sono stati organizzati gli abitanti della regione hanno continuato a seguire questo approccio.

La Turchia può lanciare attacchi contro Afrin?

Dopo che l’occupazione turca ha preso il territorio siriano di Idlib, la Turchia continua ad attaccare ogni tanto la regione di Afrin, ma la regione di Afrin non si è mai sottomessa agli invasori grazie alla struttura integrata, alla coesione e alla coesistenza del suo popolo in contrasto con il resto delle città siriane, insieme al cantone di Kobani è stata la migliore prova della forza della via della resistenza.

Innanzitutto la Turchia è ben consapevole del fatto che Afrin è altamente fortificata indipendentemente dalla sua natura montuosa, questo fattore aiuta la resistenza. In secondo luogo, qualsiasi attacco turco significa una guerra aperta con le unità di difesa del popolo e le unità di difesa delle donne che risponderebbero su tutti i fronti. In terzo luogo, il fattore diverso è che Afrin non è Kobani poiché dispone di porte aperte che possono fornire il proprio aiuto su molti assi e risponderà agli attacchi dei mercenari turchi come vogliono.

Qualsiasi attacco da parte del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo sulla regione Afrin porterà ad una guerra aperta tra i gruppi mercenari e l’occupazione turca da un lato e le Forze Democratiche siriane (SDF), dall’altra parte. Di conseguenza le forze democratiche siriane non si fermeranno e lanceranno anche grandi attacchi sull’asse di Jarablus, al-Bab, al-Rai e Azaz e questo è ciò che la Turchia teme.

Il comandante delle unità di difesa del popolo, Mahmoud Berxwedan, ha dichiarato in un’intervista a Ronahi TV che la presenza dell’esercito turco nel territorio siriano è occupazione, avvertendo allo stesso tempo che “chiunque cerca di avvicinarsi alla terra di Afrin non sarà più in grado di uscire.”

Ha anche elogiato le posizioni del popolo Afrin e ha detto che la gente non rinuncerà alla propria terra. “Nel loro dizionario non c’è altro che resistenza e lotta in forte contatto con la terra e l’onore. Fin dall’inizio della rivoluzione in Rojava sono stati circondati da eroi e eroine su tutti i fronti. I residenti di Afrin sono ben preparati per qualsiasi attacco contro di loro. Tutte le cospirazioni che sono state fatte contro di loro e chiunque cerca di invadere Afrin finirà come Daesh. Il popolo di Afrin ha la forza e la determinazione per sconfiggere lo stato turco e i suoi mercenari “.

di HS-HH

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top