La popolazione di Sur fa appello alla solidarietà contro la demolizione Reviewed by Momizat on . Durante una visita del Movimento delle Donne Libere (TJA) i residenti dello storico distretto di Sur a Diyarbakir hanno fatto appello al sostegno e alla solidar Durante una visita del Movimento delle Donne Libere (TJA) i residenti dello storico distretto di Sur a Diyarbakir hanno fatto appello al sostegno e alla solidar Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » La popolazione di Sur fa appello alla solidarietà contro la demolizione

La popolazione di Sur fa appello alla solidarietà contro la demolizione

La popolazione di Sur fa appello alla solidarietà contro la demolizione

Durante una visita del Movimento delle Donne Libere (TJA) i residenti dello storico distretto di Sur a Diyarbakir hanno fatto appello al sostegno e alla solidarietà alla resistenza contro la demolizione delle loro abitazioni. I membri del Movimento delle Donne Libere (Tevgera Jinên Azad, TJA) e la Piattaforma contro la demolizione di Sur hanno effettuato una visita di solidarietà con i residenti dei quartieri di Alipaşa e Lalebey che stanno resistendo contro la demolizione delle loro abitazioni da parte dello Stato, già deprivati delle forniture di elettricità e di acqua.

Le donne nei quartieri demoliti dichiarano che la polizia dislocata nel loro ambiente di vita le stanno minacciando, e colpiscono le loro abitazioni quando si trovano al loro interno. “Vogliono che evacuiamo le nostre case entro lunedì. Tutti dovrebbero mettere in atto la resistenza contro la demolizione di Sur. Stiamo resistendo da mesi per non essere allontanati dalle nostre case dalle minacce e dall’uso della forza. Coscienziosamente e moralmente, tutti dovrebbero dare voce a questo urlo.”

La donna 60enne Azize Akay che è una delle residenti che resistono da mesi alla demolizione continua a vendere semi di girasole nel mezzo della devastazione del loro ambiente di vita. Akay afferma: ” Non lasceremo Sur per la vita dei nostri nipoti, continuerò a vendere semi di girasole e a lottare per loro.”

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top