La detenuta politica curda Zeynab Jalalian in sciopero della fame Reviewed by Momizat on . La detenuta politica Zeynab Jalalian ha contratto il Coronavirus dopo essere stata trasferita il 21 maggio dalla prigione di Urmia al campo di detenzione di Qar La detenuta politica Zeynab Jalalian ha contratto il Coronavirus dopo essere stata trasferita il 21 maggio dalla prigione di Urmia al campo di detenzione di Qar Rating: 0
You Are Here: Home » DONNE » La detenuta politica curda Zeynab Jalalian in sciopero della fame

La detenuta politica curda Zeynab Jalalian in sciopero della fame

La detenuta politica curda Zeynab Jalalian in sciopero della fame

La detenuta politica Zeynab Jalalian ha contratto il Coronavirus dopo essere stata trasferita il 21 maggio dalla prigione di Urmia al campo di detenzione di Qarchak vicino a Teheran. Zeynab ha annunciato di aver fatto lo sciopero della fame e continuerà fino a quando non verrà rimandata nel carcere precedente di Urmia, nel Rojhilat (Kurdistan orientale).

Oggi è il quarto giorno di digiuno di Zeynab Jalalian e le sue condizioni di salute si stanno deteriorando rapidamente poiché le autorità iraniane non le consentono di sottoporsi a controllo medico nonostante abbia contratto il Coronavirus.

Zeyneb Jalalian è in carcere in Iran da 13 anni. Durante questi 13 anni, è stata sottoposta a tutti i tipi di violenza fisica e psicologica. Zeyneb è la prima donna prigioniera politica ad essere condannata all’ergastolo in Iran. Il regime iraniano ha cercato in tutti i modi e con tutti i mezzi di soffocare la volontà politica e lottare per la libertà di Zeynab Jalalian.

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top