La delocalizzazione degli yazidi nel campo di Fidanlik Reviewed by Momizat on . Gli yazidi (Ezidi) hanno sperimentato nel 2014 il genocidio da parte dell’ISIS nella loro patria, Sinjar/Iraq. Dopo questo massacro, migliaia di loro sono dovut Gli yazidi (Ezidi) hanno sperimentato nel 2014 il genocidio da parte dell’ISIS nella loro patria, Sinjar/Iraq. Dopo questo massacro, migliaia di loro sono dovut Rating: 0
You Are Here: Home » ANALISI » La delocalizzazione degli yazidi nel campo di Fidanlik

La delocalizzazione degli yazidi nel campo di Fidanlik

La delocalizzazione degli yazidi nel campo di Fidanlik

Gli yazidi (Ezidi) hanno sperimentato nel 2014 il genocidio da parte dell’ISIS nella loro patria, Sinjar/Iraq. Dopo questo massacro, migliaia di loro sono dovuti emigrare verso la Turchia e sono stati messi in campi a Diyarbakir, Batman, Mardin, Sirnak e Urfa. Uno di questi campi è quello di Fidanlık, che è affiliato con il comune di Diyarbakır Yenişehir. Nella prima fase, quasi sette migliaia di persone sono state sistemate in questo campo. Durante i due anni e mezzo, i comuni di Diyarbakır e di Yenişehir hanno sostenuto tutte le spese del campo, senza alcun sostegno da parte del governo centrale. Quando il centro di Sinjar è stato liberato dall’ISIS in data 13 novembre 2015, la stragrande maggioranza degli yazidi è tornata a Sinjar, ma 1.029 persone sono rimaste al campo di Fidanlık. Gli yazidi, che non hanno alcuno status giuridico in Turchia come altri rifugiati in fuga dalla Siria, Iraq e altri paesi del Medio Oriente, hanno vissuto nel campo senza alcun diritto legale.

La situazione del campo di Fidanlik si è complicata quando i co-sindaci del comune di Diyarbakır Yenişehir sono stati arrestati il ​​6 dicembre 2016. Un giorno dopo il loro arresto, un burocrate del governo è stato nominato al comune per sostituire i relativi co-sindaci. Il 9 dicembre 2016 la Direzione della Gestione di Disastri ed Emergenze (AFAD) ha dichiarato che il campo sarebbe stato chiuso e gli abitanti rimasti nel campo sarebbero stati distribuiti in diversi campi di AFAD. Dopo pochi giorni, il capo della provincia di Diyarbakir AFAD ha informato gli abitanti del campo che dovevano trasferirsi in uno dei campi AFAD, chiedendo loro di scegliere tra Midyat, Nusaybin, Maraş, Antep e Malatya. Tuttavia, gli abitanti del campo hanno rifiutato e hanno insistito per rimanere al campo di Fidanlık.

La prima pratica del fiduciario che ha sostituito i sindaci è stato quella di interrompere le relazioni tra gli yazidi e la gente di Diyarbakir, la quale ha sostenuto gli yazidi nel campo fin dall’inizio. Questa pratica di isolamento e di delocalizzazione è una nuova politica inaccettabile. AFAD, che opera sotto le direttive dell’ufficio del primo ministro, ha la responsabilità di provvedere al benessere delle persone yazide e di tutti gli altri rifugiati in Turchia. Tuttavia, questa pratica di isolamento e di delocalizzazione ha causato preoccupazione, insicurezza, impotenza e rabbia tra la gente yazida.

Il primo giorno del 2017, il governo ha iniziato il posizionamento degli yazidi del campo di Fidanlik in quello di Midyat, contro il consenso e la volontà degli abitanti del campo.

La comunità internazionale democratica, le istituzioni che si occupano di migrazione e di rifugiati, in particolare, dovrebbero aumentare la consapevolezza e agire su queste nuove politiche di AFAD rivolte ai rifugiati yazidi. Dovrebbero sollecitare il governo turco ad essere sensibile alle esigenze e alle richieste dei rifugiati yazidi e fornire loro una vita umana.

Hişyar Özsoy, Parlamentare, Vice Co-Presidente dell’HDP Responsabile degli Affari Esteri

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top