“KOMUN ACADEMY è online! Reviewed by Momizat on . La Komun Academy, un’accademia per la modernità democratica, è online. Questo sito è un tentativo di comunicare l’ideologia, le prospettive e i dibattiti del mo La Komun Academy, un’accademia per la modernità democratica, è online. Questo sito è un tentativo di comunicare l’ideologia, le prospettive e i dibattiti del mo Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » “KOMUN ACADEMY è online!

“KOMUN ACADEMY è online!

“KOMUN ACADEMY è online!

La Komun Academy, un’accademia per la modernità democratica, è online.

Questo sito è un tentativo di comunicare l’ideologia, le prospettive e i dibattiti del movimento di liberazione curdo con internazionalisti in tutto il mondo per creare una piattaforma di dibattiti rivoluzionari per la costruzione di alternative contro il sistema e la vita nella modernità capitalista. L’accademia invita tutte e tutti, in particolare movimenti sociali e politici e collettivi a partecipare e condividere la loro conoscenza, esperienze e visioni per un mondo di giustizia e libertà.

L’accademia annuncia quanto segue:

“KOMUN ACADEMY è online!

Siamo felici di annunciare la nostra/vostra nuova accademia online per la modernità democratica: Komun Academy.

La Komun Academy, uno spazio virtuale impegnato nel reale, nasce dal bisogno di ri-costruire la connessione tra conoscenza e vita.

La Komun Academy non esiste unicamente per impegnarsi in discussioni teoriche o svolgere ricerca dal bordocampo – rifiutiamo di considerare le forme di vita come oggetti di studio.

La Komun Academy mira piuttosto a produrre conoscenza dall’interno, insieme a e per i movimenti alla ricerca di un’altra modernità – una modernità democratica, per usare il concetto di cui ci ha muniti Abdullah Öcalan.

Il paradigma democratico, ecologico e di liberazione delle donne di Abdullah Öcalan costituisce la base stessa della nostra accademia e della sua produzione di conoscenza, al servizio delle moltitudini di soggettività in lotta contro razzismo, patriarcato, fascismo, colonialismo e sfruttamento.

Basta riconoscersi in questa lotta all’interno della e contro la modernità capitalista per partecipare alla nostra accademia, nella quale la gerarchia tra insegnante e studente ha lasciato il posto a una continua co-formazione di entrambi nell’interesse della comunità piuttosto che in quello dello Stato o del capitale.

Quindi questo annuncio è anche un invito alla partecipazione”.

Potete visitare il sito sotto https://komun-academy.com/
Facebook: https://www.facebook.com/Komun-Academy-2036601723326319/
Twitter: @KomunAcademy

Perché Komun Academy?

Nel corso della storia, sistemi di gerarchia e dominio hanno usato mitologia, religione, filosofia e scienza per costruire le fondamenta ideologiche dei loro ordini costituiti e civiltà di violenza e potere. L’avvento della città-Stato nell’antica Mesopotamia ha portato con sé una rottura radicale tra esseri umani e natura, donne e uomini, Stato e società. Con la centralizzazione del potere nelle mani dello Stato, la monopolizzazione dell’economia e la caduta della donna, il corso della storia umana si è spostato a favore di sistemi di élites autoritarie. Vediamo il risultato di 5.000 anni di storia nell’attuale sistema internazionale di capitalismo canceroso, nella catastrofe ecologica, nella guerra globale contro le donne, nella violenza etnica e religiosa e nella progressiva distruzione del senso di comunità che aveva reso possibile la bellezza della creatività umana, della cultura e dell’arte.

Derubare la comunità della produzione di conoscenza è stato uno degli strumenti principali del sistema dello Stato per soggiogare il popolo sotto il suo dominio. Attraverso l’uso della dicotomia soggetto-oggetto che definisce la relazione tra entità in un modo gerarchico (come lo Stato contro la società, la mente contro il corpo, l’umanità contro la natura, gli uomini contro le donne), lo Stato ha reclamato il monopolio sui meccanismi che danno significato e sui sistemi di pensiero, mettendo la conoscenza al servizio del profitto. Quindi mentre la società, in particolare lavoratrici e lavoratori, artiste e artisti, donne, giovani, comunità indigene, ecc… ha storicamente prodotto conoscenza e cultura, è stata derubata di questi valori. La società è stata alienata dalle terre, foreste e montagne portando a un’ostilità nei confronti della natura che è risultata in urbanizzazione esasperata, industrialismo e catastrofe ecologica, così come a una scienza basata su controllo, disciplina e distruzione. In questo contesto, la connessione tra conoscenza e vita è stata persa. Dato che la storia ufficiale è stata scritta dai dominatori, la storia degli oppressi e la storia di resistenza, in particolare quella delle donne, non è stata ancora scritta.

È chiaro che per liberarci da sistemi di violenza e oppressione dobbiamo prima di tutto preparare le condizioni per una liberazione della mente. Senza la mente libera, emancipata dal pensiero che propaga autorità, riduzione in schiavitù, discriminazione, e capitale, non possiamo raggiungere una vita più ricca di significato, giusta e libera.

Come brevemente accennato più sopra, la prospettiva positivista e linear-progressivista della modernità capitalista ha portato a molte ingiustizie, deformazioni e fenomeni che contrastano con il significato della vita.

Le conquiste e i valori di tutti gli esseri umani, compresa la comunità umana, nel corso della storia sono separati gli uni dagli altri o resi omogenei. Per esempio segregando il momento dal futuro nella sua analisi della storia, il positivismo ha un modo di far partire tutto da se stesso. Invece di vedere la relazione tra donna-uomo, natura-essere umano, Stato-società, individuo-società, ecc… in un modo equilibrato, organico, che non impedisca sfere di libertà, il sistema sostituisce l’essenza di queste relazioni con una mentalità di potere e dominio che risulta nell’estrema riduzione in schiavitù e oppressione. In situazioni concrete, questo costituisce uno stato di guerra perpetuo attraverso lo Stato e il nazionalismo sponsorizzato dallo Stato – fino al punto che una crisi nelle visioni e nell’individuazione di soluzioni prevale in Medio Oriente e altrove.

La Komun Academy mira a trovare soluzioni sia a problemi locali, specifici sia alle contraddizioni universali (questioni legate a libertà umana, oppressione delle donne, crisi ecologiche, sfruttamento capitalista, supremazia razziale, colonialismo, imperialismo della conoscenza, povertà, guerra, etc…) attraverso la prospettiva proposta dal paradigma democratico, ecologico, di liberazione delle donne di Abdullah Öcalan, con il Confederalismo Democratico come suo sistema politico. Vogliamo dare il nostro contribuito allo smantellamento della Modernità Capitalista e dei suoi pilastri ideologici attraverso il nostro contributo alla Modernità Democratica attraverso una nozione basata sulla libertà del sapere, dell’apprendere e dell’istruire.

Come unità fondamentali del Confederalismo Democratico, le accademie popolari costituiscono il lavoro preliminare della mentalità sociale in favore della libertà. Queste unità potremmo perfino definirle come accademie di villaggio, per garantire la capacità della società di diventare consapevole dei suoi bisogni e di organizzarsi intorno ad essi attraverso una mentalità etico-politica. La Komun Academy non è fatta solo per impegnarsi in discussioni teoriche, ma illustra le implementazioni pratiche e le mobilitazioni di questo paradigma in esperienza vissuta. Perché un paradigma che non ottiene l’unità e l’interazione tra teoria e pratica non solo fallirà, ma potrebbe addirittura lavorare al servizio del sistema.

La Komun Academy non mira all’idealismo che fa appello solo a un piccolo settore all’interno della società. Lavora in invece per rappresentare le lotte vere che si organizzano intorno a questo paradigma in tutto il mondo. Vogliamo essere l’agorà di madri, lavoratrici e lavoratori, operaie e operai, di chi lotta, dei e delle ribelli, della gioventù e dei e delle militanti!
In questo senso, la concezione di accademia della Komun Academy costituisce l’opposto dell’accademia come viene concepita dallo status quo. Piuttosto che produrre scienza per gli Stati, le élites e il profitto, la Komun Academy mira a riconnettere giustamente la conoscenza con la comunità.

La Komun Academy inoltre rifletterà lotte pratiche del ritorno della società alla sua essenza ugualitaria e liberazionista. Contro la terza guerra mondiale, l’ascesa del populismo di destra, il conflitto di classe, il fascismo patriarcale e le catastrofi ecologiche, le discussioni vedranno la diversità come ricchezza, organizzeranno la vita comune e svilupperanno una mentalità al di fuori dello Stato e del potere.

Nello spirito della democrazia radicale come una delle dimensioni del Confederalismo Democratico, la Komun Academy sa che la vostra critica, partecipazione, suggerimenti, interpretazioni e contributi saranno molto importanti. Dato che le energie dell’individuo e della società si nutrono a vicenda, il contributo di ogni individuo allargherà la sfera di libertà delle discussioni.
Bi xêr hatin! Benvenute e benvenuti alla Komun Academy!

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top