KCK si rivolge a chi crede che “UN ALTRO MONDO È POSSIBILE” Reviewed by Momizat on . L’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) con una dichiarazione scritta sottolineato che "Per contrastare questo genocidio messo in atto dalle potenze globali L’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) con una dichiarazione scritta sottolineato che "Per contrastare questo genocidio messo in atto dalle potenze globali Rating: 0
You Are Here: Home » Liberta per Öcalan » KCK si rivolge a chi crede che “UN ALTRO MONDO È POSSIBILE”

KCK si rivolge a chi crede che “UN ALTRO MONDO È POSSIBILE”

KCK si rivolge a chi crede che “UN ALTRO MONDO È POSSIBILE”

L’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) con una dichiarazione scritta sottolineato che “Per contrastare questo genocidio messo in atto dalle potenze globali a livello internazionale dobbiamo intraprendere una grande resistenza a livello internazionale e una grande lotta per la democrazia radicale”.

La copresidenza del KCK si rivolge così agli attivisti, inviando un messaggio alle 3 lunghe marce che da Basilea, Lussemburgo e Mannheim giungeranno a Strasburgo. Nel comunicato si legge: “Il popolo curdo sta attraversando un processo molto importante. In effetti, l’era in cui ci troviamo è in un certo senso simile al Medioevo, quando le pratiche, i principi feudali e i re imponevano la loro volontà ai popoli, alle ideologie, alle donne e ai giovani. E questo è ciò a cui stiamo assistendo oggi. Siamo ancora nell’era dei massacri e del genocidio. In questa cosiddetta era moderna, il massacro dei tempi moderni e il genocidio contro i curdi è anche un genocidio culturale-artistico-politico-morale”.

La dichiarazione del KCK evidenzia inoltre che “Per contrastare questo genocidio messo in atto dalle potenze globali a livello internazionale dobbiamo intraprendere una grande resistenza a livello internazionale e una grande lotta per la democrazia radicale”.

Il KCK ricorda che “il presidente Apo è stato imprigionato nell’isola di Imralı come risultato di una cospirazione delle potenze globali internazionali perché era il leader di questa resistenza, di questa lotta. Questa è stata la ragione dell’odio mostrato dalle forze globali internazionali contro il presidente Apo”.

“Le potenze internazionali vogliono una nuova cospirazione”
Il comunicato del KCK continua: “Il presidente Apo ha resistito per 20 anni alle forze globali, alla modernità capitalista e ai nemici della democrazia e della libertà, senza compromettersi”.

Notando l’importanza della rivoluzione del Rojava, il KCK afferma: “Sappiamo molto bene che la rivoluzione del Rojava non è solo una rivoluzione curda che cerca di realizzare una rivoluzione comunitaria. La rivoluzione del Rojava è una rivoluzione internazionalista. Tutti gli intellettuali, i politici, gli scrittori comprendono cosa significa questa rivoluzione nell’età di oggi. Per proteggere la rivoluzione del Rojava è necessario porre fine all’isolamento contro Ocalan “.

Un altro mondo è possibile, guarda il Rojava
Rivolgendosi direttamente alle lunghe marce, il KCK ne enfatizza il valore e ribadisce: “Voi state attualmente portando avanti un’azione importante. Con le tre lunghe marce state dicendo all’Europa, agli Stati Europei, al cosiddetto Consiglio neutrale d’Europa e al CPT quale sia la verità e del fatto che dovrebbero assumersi le proprie responsabilità. Oggi state chiamando tutti i popoli delle nazioni e state dicendo loro che un altro mondo è possibile.
Sì, un altro mondo è possibile. E per dimostrarlo abbiamo la rivoluzione del Rojava sotto i nostri occhi”.

L’isolamento finirà
Il documento del KCK ha aggiunto: “Oggi i giovani, che guidano la rivoluzione del Kurdistan, stanno marciando dalla Germania a Strasburgo. Un altro gruppo sta marciando dal Lussemburgo. Sono curdi, turchi e molte altre nazionalità. Cammineremo, parleremo, parteciperemo alle trincee di resistenza in tutto il mondo e noi vinceremo. Indipendentemente dalla dimensione del tradimento, aldilà di qualunque pressione dello stato fascista turco, non ho importanza quale sia il fascismo dell’AKP-MHP di Erdoğan e il concetto di massacro, loro non possono spezzare la volontà dei compagni internazionalisti che partecipano a queste significative manifestazioni.

Sia l’isolamento che il fascismo saranno sconfitti e il popolo kurdo e i popoli del mondo vinceranno. Salutiamo per la vostra determinazione, la devozione alla rivoluzione, alla democrazia e alla libertà.

Un altro mondo è possibile.”

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top