KCK: La distruzione delle tombe persegue una finalità politica Reviewed by Momizat on . La distruzione delle tombe di guerriglia non ha motivi sadici ma politici: far sì che i curdi rinuncino alla loro lingua, cultura e libertà, che sono i loro dir La distruzione delle tombe di guerriglia non ha motivi sadici ma politici: far sì che i curdi rinuncino alla loro lingua, cultura e libertà, che sono i loro dir Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Bakur » KCK: La distruzione delle tombe persegue una finalità politica

KCK: La distruzione delle tombe persegue una finalità politica

KCK: La distruzione delle tombe persegue una finalità politica

La distruzione delle tombe di guerriglia non ha motivi sadici ma politici: far sì che i curdi rinuncino alla loro lingua, cultura e libertà, che sono i loro diritti fondamentali, afferma la KCK.

La presidenza del Consiglio esecutivo dell’Unione delle comunità del Kurdistan (KCK) ha rilasciato una dichiarazione sugli attacchi dello stato turco ai cimiteri in Kurdistan e sulla mutilazione dei cadaveri dei guerriglieri.

La dichiarazione della KCK include quanto segue:

Rispetto per i morti

Il rispetto per i morti è uno dei valori fondamentali dell’umanità ed è violato dallo stato turco in modo brutale e spregevole. Esistono due forze al mondo che agiscono in questo modo: lo stato turco e DAESH (ISIS). Sotto questo aspetto sono fratelli nello spirito. La Turchia è anche l’unico paese al mondo che ha sostenuto DAESH e persegue con esso obiettivi politici comuni. Mentre DAESH agisce in nome della religione in questa azione disumana, il governo fascista AKP / MHP agisce in nome della turchità e del nazionalismo. Ha lucidato il suo nazionalismo con la lacca religiosa ed è diventato un dispotismo eccezionale. Esistono altri governi dispotici e fascisti nel mondo, ma nessuno di essi ricorre ai metodi del blocco AKP / MHP. Questi governi usano la violenza e la repressione per rimanere al potere. Tuttavia, nel caso dello stato turco, c’è anche il fatto che vuole annientare i curdi,raggiungendo un livello disumano che non esiste altrove.In nessun’altra parte del mondo esiste un governo, un potere politico o uno stato che mira a negare un popolo e farlo scomparire per annientamento fisico o culturale.Lo stato turco, che ha commesso un genocidio contro armeni e siriaci all’inizio del XX secolo, ora vuole commettere un genocidio contro i curdi.

L’attacco ai cimiteri è mirato allo sterminio dei curdi

L’attuale governo colonialista bombarda i cimiteri, prende i cadaveri dalle tombe, distrugge ancora le tombe e le trasforma in rovine.Dissacra i cadaveri dei guerriglieri e li rende irriconoscibili con armi, pietre o altri strumenti. Questa procedura caratterizza la volontà di spazzare via i curdi. I curdi che vivono come curdi e combattono per la propria identità non sono tollerati. Il fatto che le tombe di Şêx Said e Seyit Riza siano ancora tenute segrete è in linea con la stessa mentalità delle odierne profanazioni di cadaveri e la distruzione di cimiteri. Questi attacchi non mirano solo ai morti nelle tombe, ma a tutto il popolo curdo.È un attacco contro l’esistenza curda, un attacco contro la volontà curda per la libertà e la lotta.Non c’è altro modo per spiegare la profanazione di tombe e cadaveri.Non ha motivi sadici ma politici: far sì che i curdi rinuncino alla loro lingua, cultura e libertà, che sono i loro diritti fondamentali. Negli anni ’70, lo stato turco pensava di aver seppellito tutti i curdi e il Kurdistan. Dissero che il sogno del Kurdistan era stato seppellito. Abdullah Öcalan viene attaccato perché ha organizzato il PKK, ha iniziato una lotta di guerriglia e ha quindi dimostrato che i curdi non sono sepolti. Vogliono seppellirlo vivo in isolamento. Negando le tombe per i guerriglieri, vogliono seppellire l’esistenza curda nella storia. La profanazione dei corpi di guerriglia e la distruzione dei cimiteri è una politica genocida. Tutti quelli che si definiscono curdi dovrebbero vederlo e prendere posizione contro di esso.

Tutti i popoli della Turchia dovrebbero prendere una posizione

L’attuale ondata di attacchi ci aiuta a conoscere meglio l’entità dell’ostilità curda. Aumenta la nostra rabbia e ci mostra qual è il nostro compito.I martiri attaccati chiamano i giovani curdi ancora più forti a combattere.

Questi attacchi devono diventare un’occasione per organizzarsi meglio e migliorare la lotta per la libertà e la democrazia. Se il nemico vuole spezzare la nostra volontà e costringerci a rinunciare alla nostra identità curda e a una vita libera, dobbiamo ricordare ancora di più la nostra identità e lottare per la libertà con ancora più determinazione. La migliore risposta agli attacchi è intensificare la lotta per un Kurdistan libero e una Turchia democratica e mettere i genocidi colonialisti nel cestino della storia. Tutte le forze democratiche dovrebbero mostrare la loro amicizia sostenendo la lotta del popolo curdo.

© 2020 UIKI Onlus Team

Scroll to top