Jineolojî è la pietra angolare della scienza del 21° secolo Reviewed by Momizat on . Jineolojî ha fatto eco nel mondo e ha un impatto particolare nel nord e nell'est della Siria. Zozan Sima ha sottolineato che la rivoluzione è stata caratterizza Jineolojî ha fatto eco nel mondo e ha un impatto particolare nel nord e nell'est della Siria. Zozan Sima ha sottolineato che la rivoluzione è stata caratterizza Rating: 0
You Are Here: Home » ACADEMIA » Jineolojî è la pietra angolare della scienza del 21° secolo

Jineolojî è la pietra angolare della scienza del 21° secolo

Jineolojî è la pietra angolare della scienza del 21° secolo

Jineolojî ha fatto eco nel mondo e ha un impatto particolare nel nord e nell’est della Siria. Zozan Sima ha sottolineato che la rivoluzione è stata caratterizzata dalla natura e dal colore delle donne. Pertanto, c’era bisogno della scienza delle donne: Jineolojî. Ora tutto il mondo comprende che la rivoluzione è Jineolojî.

Dopo che il leader curdo, Abdullah Ocalan, dedicò una sezione del suo libro “Sociologia della libertà” a Jineolojî, divenne la ragione per tutte le donne di cercare la libertà. Così iniziò la scrittura del libro di Jineolojî nel maggio del 2015. Questo libro rappresenta la base del Jineolojî.

Dopo la rivoluzione del Rojava, iniziata il 19 luglio 2012, le donne del Rojava hanno iniziato a pubblicare Jineolojî. Durante il periodo 2013-2014, tutte le aree della Siria settentrionale hanno acquisito familiarità con il concetto di Jineolojî attraverso conferenze. Nel 2015 sono stati aperti un’accademia e un’istituzione.

In qualità di membro dell’Accademia di Jineoloj, Zozan Sima ha spiegato ad Hawar come funzioni il meccanismo di questo lavoro e di come provare a svilupparlo nel nord e nell’est della Siria.

Zozan ci dice che la pre-rivoluzione era un’arena di donne, ci parla del lavoro sociale delle donne negli anni Novanta e della lotta che si sviluppò, osservando di come tutto ciò sia l’eredità della resistenza delle donne che raggiunge il livello più alto con la rivoluzione del Rojava e il rapido sviluppo di Jineolojî nella regione. “Dopo la rivoluzione del Rojava c’erano le accademie sociali, militari e culturali, quindi abbiamo deciso di organizzare dei corsi su Jineolojî ed è stato necessario impartire loro lezioni generiche. Inizialmente, abbiamo addestrato 300 donne; coosì queste stesse donne che hanno ricevuto l’addestramento, hanno poi fatto le loro lezioni nell’ accademia.”

“L’obiettivo è analizzare la società attraverso il pensiero delle donne: per raggiungere una soluzione, c’era bisogno di esperienza. Questa era l’arena della rivoluzione e la rivoluzione era caratterizzata dal colore delle donne. Dopo una ricerca psicologica di tre anni, fatta sui tre cantoni, siamo state in grado di identificare la storia, la cultura, le differenze della società e delle donne. Abbiamo visto che è possibile approfondire il nostro lavoro e questo è il motivo per cui abbiamo deciso di aprire i centri di ricerca.

L’Accademia di Jineoloj ha aperto cinque centri: il primo è stato inaugurato il 17 luglio 2017 nel cantone di Afrin, il secondo è stato avviato il 13 settembre 2017 nella città di Dêrik, nel cantone di Qamishlo mentre il terzo è stato inaugurato nella città di Manbij il 3 gennaio 2018; il quarto ad Hasakah l’11 gennaio 2019, mentre l’ultimo è stato aperto il 6 marzo 2019.

Le aspettative stanno aumentando
Zozan Sima ha notato che l’apertura dei centri non era sufficiente e che c’erano grosse lacune: “Ovunque stessimo tenendo le lezioni, le aspettative continuavano ad aumentare, quindi abbiamo dovuto cercare di dare di più, ma abbiamo affrontato grandi difficoltà. Ci sono molte differenze nella società così come durante la persecuzione delle donne; inoltre non ci sono molti centri, a parte Jineolojî, in grado di dare consapevolezza ed insegnare la capacità di risoluzione delle differenze, quindi ci sono molte aspettative nei centri Jineolojî “.

Il dipartimento di Jineoloj è stato aperto
Una di queste proposte e aspettative è l’apertura di un dipartimento Jineolojî. Dopo l’apertura delle università, le insegnanti donne hanno proposto l’apertura di una sezione del curriculum di Jineoloj, quindi un dipartimento dell’Università di Rojava è stato aperto alla fine del 2017. Ora ci sono due classi.

Jineolojî interessa anche le donne europee

Dopo la rivoluzione delle donne nel mondo, molte donne dall’Europa, all’America e da altri paesi hanno attraversato il Rojava: uno dei punti che più è rimasto impresso nelle loro menti è Jineolojî.

Zozan Sima ha sottolineato che molte donne internazionali hanno trovato risposte alle loro ricerche grazie a Jineolojî; il XXI secolo è il secolo della libertà delle donne, della lotta e della rivoluzione delle donne, come si può notare con le rivolte che si stanno dando in tutto il mondo contro l’oppressione delle donne, le quali rivelano ora le contraddizioni fondamentali nel mondo. “Tutti volevano sapere qual è il segreto dei successi politici, militari e legali delle donne kurde. Ora tutti sanno che il successo è la rivoluzione di Jineoloj, quindi si sono avvicinati verso Jineolojî”.

Come risultato, tutte le donne in Europa, America e altri paesi lavorano sotto l’egida dell’Istituto André Wolf; donne internazionali hanno lavorato nel campo di Jineolojî per quasi un anno e si stanno preparando ad aprire l’Istituto André Wolf. All’interno di questo contesto, le donne della regione hanno condotto ricerche sulla storia delle donne, sugli ostacoli contro di esse, facendo ricerche sul concetto di Jineolojî. Ora vogliono diffondere questa ricerca anche nei loro paesi.

Jineolojî ha insegnato alle nuove generazioni

Affinché l’ideologia dell’uguaglianza di genere e della vita libera siano condivise tra le nuove generazioni nella società, l’Accademia Jineoloj ha deciso di impartire lezioni di Jineoloj anche nelle scuole medie inferiori, così che i libri di testo su Jineolojî sono stati distribuiti alle classi di 10, 11 e 12 anni nelle scuole di Al-Hasakah, Qamishlo e Kobani.

I soggetti stanno aumentando

“Ora che abbiamo sviluppato un programma, stiamo continuando la nostra ricerca analizzando la storia delle donne a Şengal e lo stato della psicologia delle donne nel nord della Siria”, ha detto. Oltre alla storia delle donne, all’economia ed alla condivisione della vita libera, abbiamo iniziato a cercare la storia delle donne arabe, abbiamo scritto libri in diverse lingue e sono state pubblicate delle riviste in Bakur Kurdistan Jineolojî. Pertanto, auguriamo a tutti i movimenti femminili e ai movimenti delle donne di riconsiderare la fisiologia, la storia e la religione e di trarne beneficio. Stiamo andando in Medio Oriente e anche una canzone o un tatuaggio sulla fronte delle madri sarà una fonte per noi. Non solo Jineolojî è la base della scienza del 21° secolo ma riflette altresì le aspettative di tutte le donne nel mondo. Speriamo di essere una risposta”.

L’Accademia Jineoloji nella Siria settentrionale e orientale pubblica il libero pensiero e l’uguaglianza nella società attraverso 4 metodi (centri Jineolojî, scuole, istituto Wolf ed il dipartimento Jineolojî).

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top