Irgat: Ad Imrali stiamo assistendo alla tortura Reviewed by Momizat on . La deputata di HDP Mizgin Irgat ha osservato che è inaccettabile che il comitato per la prevenzione della tortura (CPT) pubblichi la relazione Imrali a due anni La deputata di HDP Mizgin Irgat ha osservato che è inaccettabile che il comitato per la prevenzione della tortura (CPT) pubblichi la relazione Imrali a due anni Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Irgat: Ad Imrali stiamo assistendo alla tortura

Irgat: Ad Imrali stiamo assistendo alla tortura

Irgat: Ad Imrali stiamo assistendo alla tortura

La deputata di HDP Mizgin Irgat ha osservato che è inaccettabile che il comitato per la prevenzione della tortura (CPT) pubblichi la relazione Imrali a due anni dalla loro visita. La deputata di HDP di Bitlis ha parlato con ANF della situazione del leader curdo Abdullah Öcalan.

Mizgin Irgat ha sottolineato che il pesante regime applicato a İmralı è tortura. Sottolineando che i parlamentari non sono stati in grado di incontrare Öcalan dal 2011, Izgat ha evidenziato che il diritto di vedere famiglia e avvocati non può essere sottratto ai prigionieri, indipendentemente dalle circostanze.

Mizgin ha osservato che è inaccettabile che il Comitato per la prevenzione della tortura (CPT) pubblichi la relazione Imrali 2 anni dopo la loro visita

Secondo Mizgin Irgat, il rapporto è stato pubblicato con l’approvazione del governo e ciò pone chiaramente sia il sospetto che il dubbio di manipolazione dell’opinione pubblica.

Essa ha ricordato che dopo il falso colpo di stato militare del 16 luglio 2016, le carceri sono state sottoposte a una pesante riduzione e revoca dei diritti. La deputata dell’HDP ha chiesto perché il CPT non si è sentito di tornare a Imrali per verificare le condizioni, mentre era andato in altre prigioni.

Mizgin Irgat ha sottolineato che è importante alzare la voce contro le continue violazioni arbitrarie di tutti i diritti ad Imrali. Ha sottolineato che il rapporto del CPT è debole e mostra molte lacune. La deputata ha ricordato che “il signor Ocalan non è un condannato ordinario, e l’isolamento applicato a Imrali dimostra che lo Stato è tornato alla sua politica di negazione e distruzione di tutti i codici” .Questa politica viene attuata per cancellare il popolo curdo e il loro status , qualcosa che lo stato turco ha fatto dalla nascita della Repubblica.

La deputata di HDP ha affermato che le speranze di pace e democrazia create durante i negoziati sono state bloccate da questo ritorno a una politica del rifiuto. Le condizioni in İmralı non sono mai state buone, ha affermato la deputata, sottolineando che gli avvocati del sig. Ocalan si trovano di fronte a ricerche straordinarie ei loro diritti sono costantemente violati durante le visite.

Tutte le riunioni di Imrali sono state registrate nonostante la legge afferma che l’incontro tra avvocato e cliente deve essere soggetto a discrezione e privacy. Ora questa illegalità è stata applicata a tutte le carceri dopo l’istituzione dell’OHAL (stato di emergenza). “Sfortunatamente ha affermato la deputata di HDP – Ocalan non ha mai goduto dei suoi diritti ed è stato costantemente sottoposto a un regime di isolamento senza precedenti”.

Mizgin Irgat ha sottolineato che l’alleanza MHP-AKP punta ad aumentare la politica anti-curda oltre i confini nazionali.

Ha affermato che il governo dell’AKP ha sempre affrontato la questione curda in modo molto opportunistico: “Quando l’AKP aveva bisogno di prendere il potere, allora ha iniziato a parlare della necessità di risolvere la questione curda, ma quando si è sentito forte è tornato alla sua politica di rifiuto “.

La parlamentare ha finito col ribadire che in effetti la questione curda e la sua soluzione è la questione più importante nel paese.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top