Invitiamo tutte le forze democratiche a condannare le presunte esecuzioni dello stato turco Reviewed by Momizat on . Questa azione della Turchia non deve più essere tollerata e le Nazioni Unite, l'Unione Europea, il Consiglio d'Europa e tutti i democratici devono condannare le Questa azione della Turchia non deve più essere tollerata e le Nazioni Unite, l'Unione Europea, il Consiglio d'Europa e tutti i democratici devono condannare le Rating: 0
You Are Here: Home » CRIMINI di GUERRA » Invitiamo tutte le forze democratiche a condannare le presunte esecuzioni dello stato turco

Invitiamo tutte le forze democratiche a condannare le presunte esecuzioni dello stato turco

Invitiamo tutte le forze democratiche a condannare le presunte esecuzioni dello stato turco

Questa azione della Turchia non deve più essere tollerata e le Nazioni Unite, l’Unione Europea, il Consiglio d’Europa e tutti i democratici devono condannare le azioni della Turchia con forza.

Nell’ultima atrocità le forze di sicurezza turche sono accusate dell’esecuzione di cinque presunti membri del Partito dei Lavoratori Kurdistan (PKK) in un villaggio turistico popolare. La polizia ha arrestato sette uomini dopo aver fermato un’auto nelle aree di Ortaca e Seydikemer a Muğla, nella Turchia sud-occidentale il 4 ottobre.

Gli uomini sono stati spogliati e legati con le mani dietro la schiena prima di essere costretti a terra e fotografati in gesto di umiliazione pubblica.

La polizia ha affermato che ciò era necessario per condurre una “ricerca a fondo” prima di trasferire i sospetti al ramo anti-terrorismo.

Il vicepresidente dell’HDP Ahmet Yildirim ha affermato che il Ministro dell’Interno ha confermato che le fotografie sono autentiche. Ulteriori indagini hanno concluso che nessuna arma è stata trovata sui sospetti, anche dopo la ricerca.

Queste azioni sono una violazione dei diritti umani, simile a quelle condotte dallo Stato turco nel distretto di Sur di Diyarbakir e nella città sud-orientale di Cizre, dove nel 2016 le fotografie che mostrano i civili spogliati e torturati sono state esposte nei media locali.

Amnesty International per i diritti umani ha dichiarato nella sua relazione annuale 2017/17 che il diritto non esiste più in Turchia e ci sono prove di “diffusa tortura e altri maltrattamenti”.

Le Nazioni Unite hanno documentato le atrocità commesse dalla Turchia contro la popolazione kurda con migliaia di persone uccise e 500.000 persone dislocate nel sud-est del paese nella “guerra segreta” nei confronti dei curdi.

Il KNK ritiene che gli uomini detenuti potrebbero essere stati assassinati dalle forze statali dopo aver segnalato nei media turchi che “cinque su sette membri del PKK sono stati uccisi” in scontri nel distretto di Köyceğiz di Muğla – un’area popolare con turisti britannici e tedeschi.

Abbiamo serie preoccupazioni su questo incidente avvenuto dopo gli arresti soprattutto perchè le fonti locali hanno segnalato che non ci sono stati scontri nella zona.

Siamo preoccupati che le forze turche abbiano fatto un’esecuzione sommaria di stato e stanno tentando di nascondere la verità, facendo sembrare che le uccisioni sono avvenute in uno scontro a fuoco.

L’ONU, l’Unione europea e il Consiglio d’Europa devono chiedere alla Turchia informazioni urgenti e dettagli sulla sicurezza e il benessere dei detenuti.
Invitiamo tutte le forze democratiche a condannare con forza le continue atrocità e i crimini contro i diritti umani commessi nei confronti del popolo curdo dalla Turchia.

Congresso Nazionale del Kurdistan KNK

Ertuğrul Kürkçü sull’incidente di Muğla: Sospettiamo una esecuzione

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top