Il trasferimento degli yazidi nel campo AFAD crea le condizioni per un nuovo massacro Reviewed by Momizat on . Centinaia di yazidi sono fuggiti dalle loro terre quando le bande di ISIS hanno invaso Shengal e sono rimasti nei campi istituiti dalla municipalità del DBP a Y Centinaia di yazidi sono fuggiti dalle loro terre quando le bande di ISIS hanno invaso Shengal e sono rimasti nei campi istituiti dalla municipalità del DBP a Y Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Il trasferimento degli yazidi nel campo AFAD crea le condizioni per un nuovo massacro

Il trasferimento degli yazidi nel campo AFAD crea le condizioni per un nuovo massacro

Il trasferimento degli yazidi nel campo AFAD crea le condizioni per un nuovo massacro

Centinaia di yazidi sono fuggiti dalle loro terre quando le bande di ISIS hanno invaso Shengal e sono rimasti nei campi istituiti dalla municipalità del DBP a Yenişehir a Diyarbakir da quando sono stati esiliati nel campo di Midyat dopo che l’AKP ha occupato le municipalità con gli amministratori fiduciari.

Il deputato di HDP di Mardin Ali Atalan ha affermato che il trasferimento degli yazidi nel campo con gli arabi siriani, molti dei quali sono membri di ISIS e di Al Nusra, ha aperto le porte ad un nuovo massacro e ha aggiunto che essi avevano creato uno spazio di vita alternativo per gli yazidi.

Gli yazidi erano felici con la municipalità del DBP

Ali Atalan ha affermato che circa 20 mila yazidi dislocati in vari campi nel Kurdistan del nord dopo che le bande di ISIS hanno attaccato Shengal e che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni, e ha affermato che la maggior parte degli yazidi sono tornati a Shengal dopo la sua liberazione. Atalan ha dichiarato che circa 1200 yazidi che non sono tornati indietro erano rimasti nel campo istituito dalla municipalità e ha detto che gli yazidi avevano condizioni di vita accettabili.Atalan ha menzionato soddisfazione degli yazidi con le pratiche comunali degli ultimi due anni e mezzo e ha affermato: “Le pratiche del Comune sono stati apprezzati dalla nostra gente yazida, gli yazidi che vivevano lì non volevano andaresene”

L’AKP ha deliberatamente mandato gli yazidi nel campo con gli jihadisti

Atalan ha dichiarato che la prima cosa che ha fatto dopo che hanno occupato le municipalità di Diyarbakir tramite gli amministratori fiduciari è stata quella di rimuovere gli yazidi presenti in questo campo e ha proseguito: ” La popolazione yazida sa bene che l’AKP non è diverso dall’ISIS, questo è il motico per il quale hanno resistito per un lungo periodo alla deportazione da questo campo. Perchè sapevano che i campi dove sarebbero stati mandati erano quelli dove i sostenitori e le bande di ISIS erano presenti. Perciò non ci volevano andare, ma gli amministratori fiduciari li hanno mandati con la forza nel campo di Midyat con i sostenitori di ISIS abbattando il campo.”

Atalan ha anche condiviso informazioni sul campo AFAD a Midyat dove sono stati esiliati e ha affermato: ” Questo è un campo con i sostenitori di ISIS e Al Nusra in particolare. I residenti del campo sono inseriti in ambienti jihadisti che nutriscono inimicizia totale verso gli yazidi.Akp sta aprendo la strada consapevolmente a un massacro mandando gli yazidi in questo campo.”

L’AKP ha trasformato il campo delle Nazioni Unite in una base militare

Atalan ha affermato che anche i rifugiati nel campo di Nusaybin istituito realizzato interamente con le risorse dell’ONU sono stati trasferiti nel campo di Mydiat e ha aggiunto che lo Stato turco ha trasformato il campo originariamente per i rifugiati in una base militare e perciò ha commesso un crimine.il deputato di HDP ha affermato che lo Stato turco ha posizionato soldati e unità speciali di guerra nel campo rifugiati e ha dichiarato che tutto ciò è contro le convenzioni internazionali, chiedendo che venga assunta l’iniziativa necessaria.

L’AKP nutre inimicizia contro gli yazidi proprio come ISIS

Atalan ha affermato che l’atto degli amministratori designati mostra che l’AKP nutre molta ostilità verso gli yazidi ed il loro destino come ISIS.”L’AKP ha mostrato ostilità contro la nostra gente yazida e ha evacuato il campo a Diyarbakir, e ha messo gli yazidi accanto ai sostenitori di ISIS,dice il deputato di HDP, e ha aggiunto che gli yazidi sostengono il popolo ed il movimento curdoe che davanti a questa operazione ostile degli amministratori fiduciari è stato importante e significativo.

Ha inoltre dichiarato che gli yazidi dicono apertamente che non credono al governo dell’AKP e non vogliono andare in un posto da loro deciso e questo è un esempio importante per la trasformazione e l’aumento della consapevolezza nella società yazida e ha sottolineato che si tratta di uno sviluppo importante e buono.

Gli yazidi vengono torturati ed il campo è chiuso

Atalan ha sottolineato che il campo yazida è stato assunto in gestione da un ordine militare che questo ordine militare è stato solamente imposto agli yazidi, aggiungendo che il personale del campo ha un approccio dispregiativo verso la popolazione yazida che a volte è giunto in un ambito di tortura. Ha inoltre dichiarato che il campo AFAD è chiuso al pubblico e ha affermato: “Come deputato yazida, io non posso entrare in questo campo.Il campo è isolato dal mondo esterno. Quale è lo scopo di tutto questo? Lo scopo è quello di nascondere le pratiche imposte agli yazidi.

La nostra alternativa è pronta

Atalan ha affermato che la migliore decisione per gli yazidi è quella di tornare a Shengal, e ha anche spiegato le alternative designate al posto della crudeltà dei campi delle forze dello Stato per coloro che non fanno ritorno.Ha inoltre parlato delle alternative per gli yazidi attualmente nel campo rifugiati: Abbiamo un progetto di villaggio per la nostra gente yazida dove essi possono vivere insieme e rimanere separati. Nell’ambito di questo progetto, stiamo creando spazi dove essi possono vivere in differenti villagi yazidi o in un singolo villaggio. nel distretto di Beşiri di Batman che può ospitare gli yazidi attualmente nel campo. Le condizioni materiali per questa alternativa sono state soddisfatte, se vogliono possono vivere in questo villaggio o in diversi villaggi.Ci stiamo procurando gli aiuti. necessari per questo”.

Il deputato ha anche citato l’unità delle quattro parti del Kurdistan e ha sottolineato che il Kurdistan del nord è la madre terra per la popolazione yazida e che possono viverci per tutto il tempo che vogliono.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top