Il sogno dell’AKP di una zona cuscinetto: ‘facciamo di tutto per scoppiare una guerra! Reviewed by Momizat on . Ricordiamo la registrazione audio di pochi mesi fa che getta una luce inquietante sugli avvenimenti di ieri a Kobane! Circa quattro mesi fa è stata pubblicata u Ricordiamo la registrazione audio di pochi mesi fa che getta una luce inquietante sugli avvenimenti di ieri a Kobane! Circa quattro mesi fa è stata pubblicata u Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Il sogno dell’AKP di una zona cuscinetto: ‘facciamo di tutto per scoppiare una guerra!

Il sogno dell’AKP di una zona cuscinetto: ‘facciamo di tutto per scoppiare una guerra!

Il sogno dell’AKP di una zona cuscinetto: ‘facciamo di tutto per scoppiare una guerra!

Ricordiamo la registrazione audio di pochi mesi fa che getta una luce inquietante sugli avvenimenti di ieri a Kobane!

Circa quattro mesi fa è stata pubblicata una registrazione audio nella quale discutono l’allora Ministro degli Esteri della Turchia Ahmet Davutoglu, il dirigente del servizio di inteligence della Turchia Hakan Fidan e altri dirigenti dello Stato per un intervento in Siria.

Nell’audio si parlava di organizzare un finto attacco da parte della Siria contro la Turchia e consegnare armi e altri materiali per la logistica con i TIR; L’aggressione di ISIS contro Kobane è sostenuta dallo stato Turco e dal governo dell’AKP.

Si sa che questo piano è stato avviato prima delle elezioni amministrative in Turchia. L’idea della zona cuscinetto è stata messa a punto un paio di mesi fa.

In quel periodo la Turchia stava cercando una scusa come un attacco alla “tomba dello shah Solomon” per intervenire nella zona.

Nel momento in cui l’audio è stato pubblicato sull’account Youtube “secim gudumu”, si è reso evidente il piano per intervenire in Siria da parte dello stato Turco.

Nella registrazione audio si ascolta l’incontro tra il Ministro degli Esteri della Turchia A. Davutoglu, il rappresentante del Ministero degli Esteri della Turchia Feridun Siniroglu, il secondo generale del servizio militare della Turchia Yasar Guler e il dirigente del servizio di intelligence della Turchia Hakan Fidan.

Nell’incontro si discute di pretesti per intervenire e si parla di trovare un pretesto come “un’attacco da parte della Siria alla Turchia”.

Sinirlioglu afferma che l’attacco di ISIS potrebbe giustificare un intervento internazionale di terra, mentre Hakan Fidan dice che “potrebbe far esplodere tante bombe anche all’interno del confine del nostro paese”.

Dopo di loro, il secondo generale Yasar Guler approva l’idea di H. Fidan e aggiunge che devono consegnare le armi ai gruppi. Nell’incontro discutono di addestrare eserciti privati in Siria e di consegnare loro le armi.

Nel corso della discussione il secondo generale del servizio militare della Turchia parla ad alta voce con il Ministro degli Esteri e con il rapresentante del servizio di intelligence.

Vertice di Stato per preparare la Guerra.
Il dialogo provacatorio Ahmet DAVUTOGLU (ex ministro degli affari esteri), Hakan FIDAN (MIT- Sottosegretario del Intelligency), Feridun SINIRLIOGLU (Sottosegretario del Ministero) E Yaşar GULER (2.Generale del Capo di Stato Maggiore)!

Mentre la discussione si dilunga sulla logistica e sulla consegna delle armi, il rappresentante del servizio di inteligence Fidan racconta “abbiamo già consegnato 2000 (duemila) camion”.

Nell’audio continuamente si cercano pretesti per l’intervento e Fidan condivide: “Generale! Posso mandare quattro persone dei miei dall’altra parte a lanciare 8 bombe nella zona di nessuno. Questa è la cosa più facile, così possiamo trovare una scusa per intervenire”.

Nell’audio si fa anche il nome del Primo Ministro della Turchia Erdogan.

Davutoglu condivide: Erdogan ha detto che gli scontri in Siria si potrebbero utilizzare come propaganda per la campagna elettorale per le elezioni amministrative.

Questi dialoghi sono stati pubblicati sulla stampa turca; subito dopo il governo dell’AKP ha vietato il sito “youtube” e “twitter”.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top