Il PJAK e KJAR inviato le donne e i popoli dell’Iran a lottare uniti Reviewed by Momizat on . Il Partito della Vita Libera del Kurdistan (PJAK) ha rilasciato una dichiarazione sulle proteste popolari in corso in Iran e nel Rojhilat (Kurdistan orientale) Il Partito della Vita Libera del Kurdistan (PJAK) ha rilasciato una dichiarazione sulle proteste popolari in corso in Iran e nel Rojhilat (Kurdistan orientale) Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Il PJAK e KJAR inviato le donne e i popoli dell’Iran a lottare uniti

Il PJAK e KJAR inviato le donne e i popoli dell’Iran a lottare uniti

Il PJAK e KJAR inviato le donne e i popoli dell’Iran a lottare uniti

Il Partito della Vita Libera del Kurdistan (PJAK) ha rilasciato una dichiarazione sulle proteste popolari in corso in Iran e nel Rojhilat (Kurdistan orientale) e ha invitato i popoli dell’Iran a stare uniti e lottare insieme. La dichiarazione sul sito web ufficiale del PJAK riporta quanto segue:

“Le proteste che si sono diffuse in tutto il territorio iraniano, a partire da Mashhad e Kermanshah, hanno il potenziale di portare a grandi cambiamenti. Potrebbero portare a una trasformazione democratica per l’intero Iran.

Ci sono coloro i quali consapevolmente o inconsapevolmente legano il dissenso della popolazione solo a ragioni economiche. Ma si deve sapere che la radice di tutte le questioni sono motivazioni politiche. Senza una soluzione democratica e senza applicare metodi di politiche democratiche, nessuna questione in Iran sarà risolta. In questo contesto, ogni manifestazione in Iran per un cambiamento e una trasformazione fondamentali sono legittime.

“Il solo obiettivo nel collegare il dissenso della popolazione a forze esterne è di sopprimere le proteste. Questa delicata e straordinaria lotta, stare insieme e organizzarsi insieme è molto importante per i popoli dell’Iran e le forze della democrazia. Come PJAK, noi facciamo appello al popolo curdo e tutti i popoli dell’Iran nelle file della lotta per la libertà.”

Il KJAR invita le donne a unirsi alle proteste in Iran

Il Movimento delle Donne del Kurdistan Orientale (KJAR) ha invitato tute le donne a unirsi alle proteste in Iran.Il KJAR ha rilasciato una dichiarazione sulle proteste in Iran e ha detto che considerano il movimento una lotta democratica e sollecitato tutte e tutti a schierarsi con la rivolta.

Il KJAR ha accusato lo Stato iraniano di aver seguito una mentalità di ignoranza e annichilimento nei confronti del popolo curdo nel 2017 ma ha evidenziato che questo non è riuscito a fermare le richieste di libertà delle curde e dei curdi. “È per questo che il regime iraniano è così aggressivo,” ha detto il KJAR.

“Come risultato delle politiche anti-democratiche e repressive dello Stato, l’Iran ha un problema di democrazia. La questione della libertà delle donne è seria e questo è un grande problema anche per gli uomini. La gente è più povera. C’è un problema di istruzione. Il sistema politico è unilaterale e antidemocratico. Tutti questi fattori sono arrivati a un punto in cui nessuno ce la fa più. Le proteste che vanno avanti in Iran e nel Kurdistan orientale sono iniziate come un risultato di queste politiche sporche e corrotte” recita la dichiarazione.

Il KJAR ha chiamato le proteste “lotta della popolazione per la democrazia” e ha detto che tutti, in particolare le donne, devono unirsi alle proteste.

“Tutte le donne, tutte le donne organizzate devono alzare la voce contro l’ingiustizia,” ha detto il KJAR.

“L’unica soluzione per l’Iran e il Kurdistan orientale è l’unità democratica della popolazione. (…) Le donne devono prendere la guida della lotta di unità democratica” si afferma nella dichiarazione.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top