Il massacro di Cizre a novembre davanti alla CEDU Reviewed by Momizat on . Le violazioni di diritti durante il coprifuoco a Cizîr (Cizre) nell’anno 2015 a novembre verranno discusse davanti alla Corte Europea per i Diritti Umani (CEDU) Le violazioni di diritti durante il coprifuoco a Cizîr (Cizre) nell’anno 2015 a novembre verranno discusse davanti alla Corte Europea per i Diritti Umani (CEDU) Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » Il massacro di Cizre a novembre davanti alla CEDU

Il massacro di Cizre a novembre davanti alla CEDU

Il massacro di Cizre a novembre davanti alla CEDU

Le violazioni di diritti durante il coprifuoco a Cizîr (Cizre) nell’anno 2015 a novembre verranno discusse davanti alla Corte Europea per i Diritti Umani (CEDU). Come comunica l’avvocato Ramazan Demir, gli accadimenti del periodo del coprifuoco a Cizîr il 13 novembre 2018 verranno discussi davanti alla Corte Europea per i Diritti Umani.

Concretamente nel procedimento si tratta del caso della famiglia di Ömer Elçi e Orhan Tunç. Orhan Tunç nel 2015 era stato colpito da spari delle forze di sicurezza. Dato che l’ambulanza non è riuscita a raggiungerlo è rimasto vittima delle sue ferite. Entrambe le richieste vengono trattate con precedenza.

A Cizîr nella provincia curda settentrionale di Şirnex (Şırnak) nel 2015 durante un coprifuoco proclamato, hanno perso la vita 288 persone. Il coprifuoco è finito con la completa distruzione di quattro quartieri. Circa 3000 edifici sono stati distrutti o danneggiati.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top