Il 1 Maggio – la Giornata delle Lavoratrici e dei Lavoratori e della Solidarietà Reviewed by Momizat on . Attualmente stiamo vivendo le conseguenze della globalizzazione neoliberista che conferisce al capitale potere illimitato, genera in tutto il mondo disuguaglian Attualmente stiamo vivendo le conseguenze della globalizzazione neoliberista che conferisce al capitale potere illimitato, genera in tutto il mondo disuguaglian Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Il 1 Maggio – la Giornata delle Lavoratrici e dei Lavoratori e della Solidarietà

Il 1 Maggio – la Giornata delle Lavoratrici e dei Lavoratori e della Solidarietà

Il 1 Maggio – la Giornata delle Lavoratrici e dei Lavoratori e della Solidarietà

Attualmente stiamo vivendo le conseguenze della globalizzazione neoliberista che conferisce al capitale potere illimitato, genera in tutto il mondo disuguaglianze, sfruttamento, espulsione e distruzione degli spazi vitali ecologici e porta avanti guerre. Questa disuguaglianza ha conseguenze drammatiche e produce vittime in tutto il mondo.

Attraverso povertà, guerra e terrore attualmente milioni di persone sono costrette a lasciare il proprio Paese. Davanti alle porte dell’Europa incontrano un vento di odio e discriminazione. Anche in Germania nella società vengono alimentate paure.

L’incomprensione porta all’esclusione e impedisce una convivenza sociale pacifica. La politica (economica) responsabile delle drammatiche condizioni di vita delle persone, che a livello mondiale promuove inesorabile sfruttamento e espulsione – o quanto meno lo accetta e lo tollera – invece non viene messa in discussione e così vengono oscurate le reali cause della fuga. È questo che rende possibile che condizioni difficili nella società vengano strumentalizzate da partiti e organizzazioni di destra e che le divisioni sociali vengano rese sempre più profonde. È necessario opporre a questo con determinazione i valori della democrazia, dell’uguaglianza e della pace, mostrare solidarietà internazionale e rivendicare con forza un ordinamento sociale democratico e partitario.

La situazione precaria di molte persone in Italia non è iniziata con l’arrivo dei profughi. È stata causata dalla disoccupazione, dal lavoro precario e dai bassi salari, così come da disagi sociali come la povertà in vecchiaia, la riduzione dell’istruzione e l’assenza di alloggi e asili a prezzi sostenibili. Quindi è il risultato di una politica neoliberista senza scrupoli che viene messa in pratica a livello mondiale e genera impoverimento sociale. Anche in Turchia, al più tardi dalle elezioni parlamentari del giugno 2015 e soprattutto dalla consultazione referendaria del 16 Aprile 2017, la società viene sistematicamente divisa, mentre contemporaneamente in tutto il Paese vengono demoliti con queste i diritti sociali delle persone e i diritti umani vengono calpestati. Interi quartieri nelle zone di insediamento curde nel sudest del Paese vengono sigillate, bombardate e rase al suolo. Centinaia di civili hanno perso la vita a causa di questi attacchi, centinaia di migliaia sono stati costrette a fuggire. Anche il diritto ad esprimere liberamente le proprie opinioni e il diritto alla libertà di riunione vengono limitati sempre di più. Le tradizionali manifestazioni sindacali del 1 maggio anche quest’anno sono state vietate già in anticipo.

Anche in Iraq e in Siria la Turchia è una forza belligerante che dall’inizio della guerra sostiene organizzazioni come Stato Islamico ISIS e gruppi legati ad Al Qaeda come Jabhat-al-Nusra e Ahrar-al-Sham perché combattono contro l’amministrazione autonoma democratica a Şengal (nord-Iraq) e nel Rojava (nord-Siria).

Il progetto del Rojava e della democrazia diretta nella regione sono ispirati dalle idee di Abdullah Öcalan che ormai non entusiasmano solo la popolazione curda della regione, ma anche quella yazida a Şengal e nel territorio circostante. Per questo ISIS attacca frequentemente, in unità di azione con la Turchia, oltre i confini turchi città nel Rojava e a Şengal.

Gli yazidi a Şengal e la popolazione del Rojava vogliono condurre nella loro millenaria zona di insediamento una vita pacifica, multi-etnica, con parità di diritti. La Turchia invece agisce con i suoi nuovi attacchi aerei come quello della notte del 25 Aprile 2017 e agisce contro gli yazidi a Şengal e contro la popolazione del Rojava proprio nello spirito della milizia terroristica dell’ISIS e, dal nostro punto di vista , la Turchia è l’aviazione dell’ISIS.

Il clan Barzanî e il capo dell’AKP Erdogan perseguono un obiettivo comune: la distruzione dell’autodeterminazione dei curdi in particolare nel Rojava e a Şengal – e con questo la distruzione dei modelli di amministrazione autonoma lì in corso – per espellere e spopolare l’intera regione, per poter mettere la regione sotto il proprio controllo; questo significa occupare il Rojava e Şengal da parte di un regime di un solo uomo, nel quale non vengono tollerate opposizioni e strutture democratiche.

La lotta per migliori condizioni di lavoro e di vita è una lotta, comune, internazionale e solidale, che va condotta a livello globale. Giustizia e uguaglianza sono nell’interesse di tutti e possono affermarsi solo con una lotta comune. Per una vita migliore, una distribuzione più giusta e per una convivenza democratica, le lavoratrici e i lavoratori e i profughi devono opporsi insieme alla politica neoliberista. Si tratta di lottare insieme per diritti economici, politici e sociali e di esercitare in questo modo pressione internazionale sui decisori politici.

Il 1 maggio non è solo una lotta delle lavoratrici e dei lavoratori per la giustizia, la libertà e la democrazia. Ma anche per i valori della democrazia, dell’uguaglianza e della pace, per mostrare solidarietà internazionale e rivendicare con forza un ordinamento sociale democratico e paritario e la lotta per migliori condizioni di vita e di lavoro. Questa è una lotta comune, internazionale e solidale che va condotta a livello globale. Giustizia e uguaglianza sono nell’interesse di tutte e tutti noi e si possono ottenere solo insieme.

Bijî 1’e Gulanê – Viva il 1 Maggio!
Bijî piştgiriya gelan – Viva la Solidarietà tra i Popoli!
Bijî tekoşîna azadî û demokrasî – Viva la Lotta per la Libertà e la Democrazia!

Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia- UIKI Onlus
Scarica in PDF UIKI 1 maggio 2017

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top