IHD: Condanniamo l’operazione contro la società civile e gli accademici Reviewed by Momizat on . L’Associazione dei diritti umani (IHD) ha rilasciato una dichiarazione e ha chiesto che i 13 accademici e i rappresentanti della società civile siano rilasciati L’Associazione dei diritti umani (IHD) ha rilasciato una dichiarazione e ha chiesto che i 13 accademici e i rappresentanti della società civile siano rilasciati Rating: 0
You Are Here: Home » DIRITTI UMANI » IHD: Condanniamo l’operazione contro la società civile e gli accademici

IHD: Condanniamo l’operazione contro la società civile e gli accademici

IHD: Condanniamo l’operazione contro la società civile e gli accademici

L’Associazione dei diritti umani (IHD) ha rilasciato una dichiarazione e ha chiesto che i 13 accademici e i rappresentanti della società civile siano rilasciati. L’Associazione dei diritti umani ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Il 16 novembre 2018 la mattina presto, il decano della facoltà di legge dell’Università Bilgi Dr. Turgut Tarhanlı, il docente alla facoltà di matematica all’Univesrsità Boğaziçi Prof. Dr. Betül Tanbay, il produttore e scrittore Çiğdem Mater, gli impiegati dell’associazione culturale Anadolu Meltem Aslan Çelikkan, Yiğit Ekmekçi, Hakan Altınel e Asena Günal sono stati arrestati durantele irruzioni nelle loro abitazioni. Nessun dettaglio è stato ottenuto oltre a quello che il fascicolo investigativo risale al 2014.”

“Con la presente desideriamo segnalare che condanniamo questo trattamento contro il difensore dei diritti umani, il Dr. Turgut Tarhanlı che ha condotto a lungo una lotta per lo stato di diritto e ha ha formato molti giuristi, così come contro gli altri detenuti, che è stato perpetrato in considerazione dell’identità di difensori dei diritti di questi individui.

“ Vorremmo ancora una volta osservare che la detenzione individui rispettati attraverso incursioni nelle loro case, con l’intento di criminalizzarli, su istruzioni dei pubblici ministeri, piuttosto che convocarli nonostante la notifica e prendere le loro dichiarazioni difensive di cui all’articolo 145 del PCC, è illegale e dovrebbe essere sospeso.”

“Il trattamento di Tarhanlı e degli altri arrestati indica l’attuazione arbitraria della legge in Turchia e illistra anche il potere politico può minacciare così chiunque desideri tramite l’imposizione di pressione attraverso la magistratura.

“Chiediamo al potere politico di cessare tali metodi nell’imporre pressione e chiedere l’immediata liberazione dei detenuti”.

Cosa è successo?

Il 16 novembre è stata lanciata un operazione contro due accademici dell’Università Boğaziçi e l’Università di İstanbul Bilgi e esponenti della soietà civile . É stato riferito che mandati d’erresto sono stati rilasciati per 20 persone.

Come parte dell’operazione le seguenti 13 persone sono state poste in detenzione:

Prof. Dr. Betül Tanbay della facoltà di matematica all’Univesità Boğaziçi e Accademico per la Pace firmatario della dichiarazione “Non saremo parte di questo crimine”; Prof. Dr. Turgut Tarhanlı, decano della facoltà di legge dell’Università Bilgi di ; Dirigente consiglio direttivo Anadolu Kültür Yiğit Ekmekçi; membro del consiglio direttivo Ali Hakan Altınay; Coordinatrice di Anadolu Kültür Asena Günal; ex direttore generale e co-direttore generale del Centro Truth Justice Memory Center Meltem Aslan; Bora Sarı di Anadolu Kültür; Ayşegül Güzel, Filiz Telek, Yiğit Aksakoğlu, Yusuf Cıvır, Hande Özhabeş e il produttore Çiğdem Mater. (EMK/SD)

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top