IHD: 4 morti, 7.681 feriti, 2.841 arrestati in Manifestazioni a Gezi Reviewed by Momizat on . La Sede dell’Associazione per i Diritti Umani  (IHD) ha pubblicato un rapporto sulle violazioni dei diritti verificatesi durante le proteste per il Gezi Park in La Sede dell’Associazione per i Diritti Umani  (IHD) ha pubblicato un rapporto sulle violazioni dei diritti verificatesi durante le proteste per il Gezi Park in Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Bakur » IHD: 4 morti, 7.681 feriti, 2.841 arrestati in Manifestazioni a Gezi

IHD: 4 morti, 7.681 feriti, 2.841 arrestati in Manifestazioni a Gezi

IHD: 4 morti, 7.681 feriti, 2.841 arrestati in Manifestazioni a Gezi

La Sede dell’Associazione per i Diritti Umani  (IHD) ha pubblicato un rapporto sulle violazioni dei diritti verificatesi durante le proteste per il Gezi Park in tutto il Paese dal 27 maggio al 24 giugno.

Secondo il rapporto 7.681 persone sono rimaste ferite, cinque sono morte e 2.841 detenute; tra queste 70 sono rimaste in custodia cautelare in seguito all’intervento della polizia durante le dimostrazioni.

Parlando alla conferenza stampa tenutasi dall’IHD per comunicare la relazione, il Presidente dell’IHD Öztürk Turkdogan ha criticato fortemente il rilascio del funzionario di polizia che il 1 ° giugno nella capitale, Ankara, ha sparato alla testa di Ethem Sarısülük, uno dei partecipanti alla manifestazione, con un proiettile di gomma. Turkdogan ha definito la decisione della Corte come inaccettabile.

Il rapporto dell’IHD, letto da Turkdogan, comprendeva i dati compilati dal Sindacato dei Medici Turchi (TTB) secondo i quali. entro il 20 giugno, durante le proteste in 13 città, quattro persone sono state uccise e altre 7.832 sono rimaste ferite.

La relazione ha elencato le cifre redatte dal TTB come segue:

* Istanbul: 4.478 feriti di cui 21 gravi. Una persona è morta, quattro sono ancora in condizioni critiche. Sei persone hanno subito un trauma cranico, sei hanno perso la vista.
* Ankara: 1.539 feriti, 21 gravi. Una persona è morta, sette hanno subito un trauma cranico, quattro hanno perso la vista.
* Smirne: 800 feriti di cui due gravemente.
* Antakya: Una persona è morta, 162 ferite di cui sei gravemente, cinque hanno subito un trauma cranico.
* Eskişehir: 300 feriti tra cui due sono tenuti nelle unità di terapia intensiva e tre sono in condizioni critiche.
* Adana: Una persona è morta; i feriti sono 162 di cui sei gravemente. Cinque hanno sofferto un trauma cranico.
* Muğla: 50 feriti, uno gravemente.
* Mersin: 17 feriti, uno gravemente.
* Bursa: due feriti, uno ha subito un trauma cranico.
* Balıkesir: 155 feriti.
* Kocaeli: 10 feriti.
* Antalya: 150 feriti, uno gravemente.
* Rize: otto feriti.
Un totale di 7.681 persone ferite, 63 gravemente, e quattro morti.

La relazione ha sottolineato che la polizia ha usato l’acqua pressurizzata non solo per disperdere i manifestanti, ma anche per ferirli. Ha inoltre fatto notare che la polizia ha anche aggiunto sostanze chimiche dentro l’acqua pressurizzata utilizzata durante le proteste, causando ustioni chimiche sui corpi dei manifestanti.

Secondo il rapporto la polizia ha anche usato gas lacrimogeni scaduti contro i manifestanti, e che durante le contestazioni sono stati utilizzati più di 150 mila contenitori di gas lacrimogeni.

Il rapporto dell’IHD ha asserito che la polizia ha usato anche armi da fuoco contro i manifestanti, facendo notare che il peggior incidente con le armi da fuoco è stato quello vissuto dal lavoratore Ethem Sarısülük, la cui morte cerebrale è stata dichiarata dodici giorni dopo essere stato colpito alla testa con un proiettile di gomma, come si vede anche in un video girato sulla scena. L’IHD ha detto che i funzionari della sicurezza hanno anche negato il permesso per la cerimonia funebre che doveva tenersi presso la centrale Piazza Kizilay il 15 giugno, disperdendo con acqua a pressione e gas lacrimogeni le persone che avevano raggiunto il luogo del funerale.

Il rapporto ha affermato che cinque persone, tra cui un ufficiale di polizia, hanno perso la vita durante i disordini e ha aggiunto i seguenti dettagli circa i morti:

“Mehmet Ayvalıtaş, morto il 2 giugno dopo essere stato investito da una macchina che guidava lungo l’autostrada TEM che non si è fermata nonostante tutte le segnalazioni da parte dei manifestanti che si erano radunati nelle vicinanze di 1 Mayıs nel quartiere Ümraniye di Istanbul. Abdullah Cömert (22) è morto nell’ospedale pubblico di Antakya dopo essere stato ferito con un proiettile di gomma sulla testa nel quartiere Armutlu di Hatay il 3 giugno. İrfan Tuna (47), che stava lavorando al turno di notte in un istituto di insegnamento privato nella centrale piazza Kizilay, è morto di infarto il 5 giugno dopo essere stato intensamente esposto ai gas lacrimogeni usati dalla polizia nella piazza il mercoledì.  L’ufficiale di polizia Mustafa Sarı è morto il 5 giugno dopo essere caduto giù da un ponte della metropolitana, a cinque metri di altezza, mentre inseguiva i manifestanti di Adana. Ethem Sarısülük (26) è stato colpito alla testa durante le manifestazioni di protesta ad Ankara il 1 ° giugno. La sua morte cerebrale è stata dichiarata il13 giugno”.

L’IHD sostiene che i giornalisti sono stati anche sottoposti a violenze da parte della polizia mentre  svolgevano il loro lavoro durante le proteste e ha chiesto la fine immediata dell’uso eccessivo della forza e della violenza da parte della polizia contro i manifestanti, il rilascio immediato di tutti coloro che sono stati trattenuti per avere soltanto esercitato il loro diritto alla pacifica associazione, l’apertura di una inchiesta indipendente ed opportuna sui casi di violenza e un processo legale contro i responsabili di tutti gli avvenimenti.

La relazione ha elencato i seguenti numeri per le detenzioni e gli arresti compilati dai rami dell’IHD, dagli ordini degli avvocati e dai sindacati dei medici.

Istanbul; 918 presi in custodia, 33 arrestati
Ankara; 973 presi in custodia, 22 arrestati
Smirne; 485 presi in custodia, 13 arrestati
Mersin; 485 presi in custodia
Antakya, 76 presi in custodia
Elazığ; 6 presi in custodia
İskenderun; 4 presi in custodia
Adana; 425 presi in custodia
Eskişehir; 13 presi in custodia
Kocaeli, 4 presi in custodia, 2 arrestati
Urfa, 1 persona presa in custodia

Un totale di 2.841 persone detenute, 66 ancora in stato di custodia cautelare, e 70 arrestati

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top