I detenuti: l’isolamento continua, proseguiamo con lo sciopero della fame Reviewed by Momizat on . I prigionieri del PKK e del PAJK nelle carceri turche stanno proseguendo con lo sciopero della fame contro l’isolamento del leader del PKK Abdullah Öcalan. I de I prigionieri del PKK e del PAJK nelle carceri turche stanno proseguendo con lo sciopero della fame contro l’isolamento del leader del PKK Abdullah Öcalan. I de Rating: 0
You Are Here: Home » Liberta per Öcalan » I detenuti: l’isolamento continua, proseguiamo con lo sciopero della fame

I detenuti: l’isolamento continua, proseguiamo con lo sciopero della fame

I detenuti: l’isolamento continua, proseguiamo con lo sciopero della fame

I prigionieri del PKK e del PAJK nelle carceri turche stanno proseguendo con lo sciopero della fame contro l’isolamento del leader del PKK Abdullah Öcalan. I detenuti del PKK e del PAJK in Turchia hanno dichiarato proseguiranno con il loro sciopero della fame: “Abbiamo iniziato questo sciopero della fame per far rispettare le condizioni in base alle quali il nostro leader può lavorare e vivere liberamente, e continueremo fino ad allora”.

A nome dei prigionieri, Deniz Kaya ha rilasciato una dichiarazione scritta sulla riunione di ieri del leader curdo Abdullah Öcalan con suo fratello.

Il testo completo della dichiarazione è come segue:
“Stiamo conducendo una campagna di liberazione nella nostra lotta.”Stiamo conducendo una campagna di liberazione nella nostra lotta, questa campagna si svolge con lo slogan “Abbattere il fascismo, rompere l’isolamento e il Kurdistan libero ” e cresce continuamente.Abbiamo iniziato questo sciopero della fame per rafforzare le condizioni in cui il nostro leader può lavorare e vivere liberamente, e continueremo a farlo fino ad allora.Non consideriamo sufficiente l’incontro del 12 gennaio tra il nostro leader e suo fratello, poiché questo incontro non significa la fine dell’isolamento, ma noi prigionieri dei processi PKK e PAJK nelle prigioni della Turchia e del Kurdistan siamo molto felici di sentire del nostro leader, ma dovrebbe essere chiaro che non ci inganna la guerra fascista speciale dell’AKP / MHP. Non va dimenticato che guidiamo la nostra resistenza con la coscienza della libertà basata sul percorso ideologico e filosofico del nostro leader, ecco perché non ci lasciamo ingannare o non vogliamo lasciarci ingannare. La nostra determinazione a continuare lo sciopero della fame è la sua espressione pratica.

La dittatura fascista AKP / MHP usa metodi di guerra speciale per sopprimere e porre fine alla nostra resistenza. Il governo dell’AKP è sempre più nei guai con la nostra resistenza crescente. Permettere la visita a Imralı il sabato è una conseguenza di questi problemi per il governo. Se il governo dell’AKP / MHP vuole dimostrare che non sta semplicemente usando un trucco a buon mercato con la visita, allora non deve limitare il nostro leader alla sua famiglia, ma deve garantirne la continuità e assicurare condizioni di vita e di lavoro libere per lui. Altrimenti, si deve sapere che non saremo ingannati da questa politica a buon mercato. Ieri può esserci stato un incontro del nostro leader con suo fratello, ma questo incontro si è svolto in condizioni di isolamento, il che significa che l’isolamento continua.

Noi detenuti del PKK e del PAJK continuiamo la nostra azione di sciopero della fame ininterrottamente. Al momento, 226 amici sono in sciopero della fame a tempo indeterminato. Allo stesso tempo, uno sciopero della fame a tempo indeterminato con partecipazione variabile si svolge nelle carceri in Turchia e in Kurdistan. Leyla Güven, co-presidente del Congresso democratico della società (DTK) e deputata di ‘HDP per la provincia di Hakkari, è risolutamente in sciopero della fame dall’8 novembre, da 67 giorni. Milioni di persone hanno unito le forze attorno alla nostra realtà e si sono ribellate contro l’isolamento. Vi diciamo che la vostra forza non è sufficiente per mettere milioni in isolamento. In questo senso, invitiamo tutti coloro che sostengono la democrazia, gli scrittori, gli accademici e gli intellettuali a dire basta al fascismo e a resistere Invitiamo tutti i popoli del mondo a dare voce alla resistenza nelle carceri.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top