I deputati tedeschi: Kurdi minacciati in Germania Reviewed by Momizat on . 22 gennaio 2013 Stanno crescendo le reazioni contro le dichiarazioni del Vice-Presidente Generale dell´AKP e deputato di Karabük Mehmet Ali Şahin, che lunedì ha 22 gennaio 2013 Stanno crescendo le reazioni contro le dichiarazioni del Vice-Presidente Generale dell´AKP e deputato di Karabük Mehmet Ali Şahin, che lunedì ha Rating: 0
You Are Here: Home » SPECIALE » Sakine Fidan Leyla » I deputati tedeschi: Kurdi minacciati in Germania

I deputati tedeschi: Kurdi minacciati in Germania

I deputati tedeschi: Kurdi minacciati in Germania

22 gennaio 2013

Stanno crescendo le reazioni contro le dichiarazioni del Vice-Presidente Generale dell´AKP e deputato di Karabük Mehmet Ali Şahin, che lunedì ha affermato: “Temo che simili eventi possano verificarsi anche in Germania nei prossimi giorni”, riferendosi all´esecuzione delle tre donne kurde Sakine Cansız, Fidan Doğan e Leyla Şaylemez, avvenuta a Parigi il 9 Gennaio.

I deputati del Partito tedesco di Sinistra Andrej Hunko ed Ulla Jelpke hanno rilasciato un comunicato scritto in risposta alle dichiarazioni di Şahin, che hanno valutato come un´indicazione dello schieramento della Turchia con la violenza all´interno della questione kurda e come un messaggio dello stato turco allo stato tedesco in favore di un irrigidimento delle sue politiche contro i Kurdi.

I deputati tedeschi hanno osservato che il Governo turco sta minacciando i Kurdi di tutto il mondo mentre dall´altro lato sta conducendo colloqui con il leader del PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) Abdullah Öcalan. Hanno inoltre invitato le autorità francesi a far luce sugli omicidi ed hanno sottolineato che le indagini sulle esecuzioni dovrebbero essere effettuate anche da altri paesi europei per assicurarsi che essi non abbiano una parte all´interno dei delitti, come lo stato francese.

La Federazione delle Associazioni Kurde in Germania (YEK-KOM) ha valutato le dichiarazioni di Şahin come un´aperta minaccia rivolta ai Kurdi residenti in Germania e come un messaggio al Governo tedesco in favore di “un´avanzamento della sua politica di repressione e criminalizzazione dei Kurdi”.

YEK-KOM ha chiesto inoltre come possa il Governo turco prevedere omicidi progettati per essere commessi in Germania ed ha esortato il Governo tedesco a spiegare i retroscena in merito alle dichiarazioni di Şahin.

 ANF BERLINO

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top