I candidati di HDP: riunire tutte le identità Reviewed by Momizat on . Le elezioni del 24 giugno offrono l’opportunità di cambiare il destino della Turchia. La lista di candidati proposta dall’HDP per le elezioni del 24 giugno è fo Le elezioni del 24 giugno offrono l’opportunità di cambiare il destino della Turchia. La lista di candidati proposta dall’HDP per le elezioni del 24 giugno è fo Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » I candidati di HDP: riunire tutte le identità

I candidati di HDP: riunire tutte le identità

I candidati di HDP: riunire tutte le identità

Le elezioni del 24 giugno offrono l’opportunità di cambiare il destino della Turchia. La lista di candidati proposta dall’HDP per le elezioni del 24 giugno è forse la migliore prova del fatto che il partito è davvero impegnato nella stesura di una nuova Costituzione per una nuova Turchia democratica.

Il Nuovo “Contratto Sociale” proposto d HDP nel suo programma elettorale sarà basato sul laicismo liberale, sul pluralismo, sul multilinguismo, sulla multiconfessionalità e la cittadinanza eguale”. Per fare ciò, l’HDP presenta una squadra di candidati provenienti da contesti molto diversi. Perché una Costituzione democratica basata su quei principi, può essere scritta solo da persone che provengono da diversi ambiti della società.

La lista dei candidati riflette le diverse popolazioni presenti nel paese, le diverse credenze religiose, le molteplici identità che condividono questi territori, le diverse sensibilità, e le molte lingue.

Scrivere una costituzione democratica richiede abilità che hanno più a che fare con la pratica che una buona formulazione. E l’HDP (come il suo predecessore ) ha fatto della partecipazione a tutte le fasi del processo decisionale e della governance il suo principale strumento per praticare, nonostante tutti i tipi di repressione da parte dello Stato turco, nuovi modi di convivenza, basati sul rispetto reciproco e dove tutti sono uguali.

Ci sono molte donne candidate nelle liste di HDP: le donne sono un altro pilastro della nuova era che il partito promette di realizzare se l’alleanza fascista dell’AKP-MHP venisse sconfitta il 24 giugno. Perché il 24 giugno vi è una reale possibilità di prendere una boccata d’aria fresca, hanno affermato Pervin Buldan e Sekai Temelli, i co-presidenti dell’HDP, che hanno presentato il programma elettorale.

Un programma elaborato per donne, lavoratori, studenti, agricoltori per realizzare un cambiamento. HDP promette di avviare un processo di transizione la sera del 24 giugno, qualora la popolazione decidesse di votare per la democratizzazione della Turchia. “Abbiamo una tabella di marcia per la democratizzazione – afferma l’HDP – che contiene soluzioni ai problemi riscontrati durante il regime di un solo uomo”.

Naturalmente la questione curda è centrale nel programma di HDP, perché una pace duratura in Turchia dipende dalla soluzione della questione curda. HDP insiste sul fatto che in realtà la soluzione della questione curda è collegata al processo di democratizzazione in Turchia. La pace, afferma il manifesto, non è solo assenza di conflitto, morte e sofferenza. È allo stesso tempo un vero lavoro verso la convivenza.

E per assicurarsi che la pace sia duratura, HDP vuole assicurarsi che tutti i settori della società siano rappresentati nella sua lista (e quindi in Parlamento). Pertanto, guardando i nomi è facile individuare le varie identità che si possono trovare nel territorio turco: curdo, armeno, assiro, arabo e poi yazida, alevita, musulmano.

Persone di tutti gli ambiti della società, donne, studenti, sindacati, accademici, artisti, organizzazioni della società civile, giornalisti e, naturalmente, cittadini, socialisti e politici che sono stati incarcerati a causa del lavoro che stavano portando avanti, tutti hanno trovato un posto in quell che la co-presidente dell’HDP Pervin Buldan aveva definito “una casa comune”.

Il candidato presidenziale di HDP Selahattin Demirtaş rimane in carcere, dopo che la Corte lunedì ha deciso di respingere la richiesta dei suoi avvocati di ottenere il rilascio.
Una decisione chiaramente politica che conferma il timore dell’alleanza AKP-MHP ch vede eroso il suo potere ed il suo consenso.
Queste elezioni parlamentari e presidenziali, indette dall’AKP-MHP, i quali sperano di fermare il declino che stanno già vivendo, si sono rivelate un boomerang per l’alleanza fascista. Se tutti saranno in grado di lasciare da parte gli interessi a breve termine ed egoistici e di unirsi attorno all’HDP, allora la notte del 24 giugno potrebbe essere davvero brillante.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top