HDP: Siamo impegnati a riconquistare le nostre municipalità Reviewed by Momizat on . Pressioni intensificate su HDP alla vigilia delle elezioni amministrative: centinia di detenzioni, arresti e deportazione di osservatori internazionali. Hişyar Pressioni intensificate su HDP alla vigilia delle elezioni amministrative: centinia di detenzioni, arresti e deportazione di osservatori internazionali. Hişyar Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » HDP: Siamo impegnati a riconquistare le nostre municipalità

HDP: Siamo impegnati a riconquistare le nostre municipalità

HDP: Siamo impegnati a riconquistare le nostre municipalità

Pressioni intensificate su HDP alla vigilia delle elezioni amministrative: centinia di detenzioni, arresti e deportazione di osservatori internazionali. Hişyar Özsoy, vice Co-presidente di HDP responsabile per gli affari esteri e deputato di HDP a Diyarbakir, ha rilasciato una nota informativa riguardante le intensificate pressioni su HDP alla vigilia delle elezioni amministrative.

Hisyar Özsoy ha sottolineato che come al solito, le pressioni del governo turco su HDP appena prima delle elezioni amministrative si sono drammaticamente intensificate aggiungendo: “ Queste pressioni sono per paralizzare organizzativamente HDP, e rendere il terreno di gioco persino ancora più irregolare.

Abbiamo visto precedentemente questo schema prima delle elezioni del novembre 2015, nel referendum dell’aprile 2017 e nelle elezioni presidenziali del giugno 2018”.

La dichiarazione prosegue: “ Arresti e detenzioni hanno preso di mira città specifiche per colpire direttamente i risultati delle elezioni. Per esempio,a Iğdır, dove l’AKP, l’MHP e il Partito IYI si sono unito contro HDP, 15 dirigenti e membri di HDP e del suo partito fratello DBP che stavano conducendo la campagna elettorale, sono stati posti in detenzione il 17 marzo e 9 di loro sono stati arrestati dopo un periodo di detenzione di 12 giorni, con la classica accusa di “appartenenza a organizzazione terroristica”. Il 29 marzo, 8 membri di HDP, compreso il co-presidente cittadino, sono stati arrestati ad Adana.

A Van, 24 membri e attivisti di HDP sono stati posti in detenzione e 14 di loro sono stati arrestati. A Sanliurfa, 11 persone sono state arrestate compresi candidati di HDPal consiglio comunale. Il 30 marzo 53 persone sono state arrestate ad Istanbul durante le irruzioni da parte della polizia in 127 abitazioni, la maggioranza di queste persone eran candidati di HDP per i consigli comunali ad Istanbul e nei suoi distretti.

Tutte queste persone erano in una posizione di comando nella campagna elettorale. In totale durante la campagna elettorale, almeno 713 membri e dirigenti di HDP sono stati fermati e 107 di loro sono stati arrestati. E negli utlimi due anni e mezzo, più di 6000 membri e dirigenti di HDP sono stati arrestati- tra i quali co-presidenti, decine di membri del parlamento e sindaci eletti.”

Evidenziando che anche gli osservatori internazionali hanno preso la loro dose di tali pressioni, la dichiarazione continua: “Su invito di HDP, circa 100 persone di diversi paesi europei si sono registrati da noi per monitorare le elezioni. Almeno 12 osservatori internazionali sono stati fermati all’aereoporto Ataturk di Istanbul poiché le autorità li hanno considerati come una minaccia alla “sicurezza nazionale”.

Come hanno dimostrato le nostre precedenti esperienze, gli osservatori internazionali che hanno potuto entrare nel paese, sono stati costretti a lasciare le zone elettorali o sono stati posti in detenzione il giorno delle elezioni”.

Özsoy ha sottolineato che questi fermi e arresti per intimidire l’opinione pubblica si verificano in aggiunta all’utilizzo di risorse pubbliche da parte del governo per la campagna elettorale, al suo monopolio virtuale e la censura sui media, ai divieti arbitrari nella campagna elettorale dell’opposizione, alle minacce aperte contro i leader dei partiti politici, ad un discorso politico pericoloso che polarizza il paese e criminalizza tutte le voci critiche come “ terroristi”. Queste pratiche completamente illegali attestano la debolezza della coalizione AKP-MHP e non la sua forza.

La dichiarazione sottolinea che: “ Nonostante tali pressoni e il terreno di gioco irregolare, HDP è impegnato a riconquistare le sue municipalità che sono state confiscate dai cosiddetti” Kayyim” (burocrati designati dal governo per sostituire i sindaci eletti di HDP) e a ostacolare le ambizioni dell’alleanza AKP-MHP che cerca di costruire e di consolidare un governo dittatoriale nel paese.”

© 2013 UIKI Onlus Team

Scroll to top