HDP presenta il programma elettorale Reviewed by Momizat on . I co-presidenti del Partito democratico dei popoli (HDP) Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ hanno annunciato oggi a Istanbul il programma elettorale del part I co-presidenti del Partito democratico dei popoli (HDP) Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ hanno annunciato oggi a Istanbul il programma elettorale del part Rating: 0
You Are Here: Home » NOTIZIE » Bakur » HDP presenta il programma elettorale

HDP presenta il programma elettorale

HDP presenta il programma elettorale

I co-presidenti del Partito democratico dei popoli (HDP) Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ hanno annunciato oggi a Istanbul il programma elettorale del partito.

Il programma dell’ HDP ha evidenziato i seguenti 12 punti principali; “Siamo donne, siamo giovani,siamo l’arcobaleno,siamo figli,siamo difensori della democrazia,siamo i rappresentanti di tutte le identità,siamo i difensori di un mondo libero,siamo i protettori della natura,siamo i costruttore di un’economia per una vita sicura,siamo lavoratori,siamo operai, Siamo i garanti dei diritti sociali “.

Gli obiettivi del partito sono stati annunciati come segue;

SIAMO DONNE

Stabiliremo il Ministero delle Donne.

Includeremo lavoro in casa nella sicurezza sociale,organizzeremo pacchetti di sostegno sociale in conformità con il principio di giustizia e di uguaglianza.

Apriremo centri diurni in tutti i quartieri per fornire 7/24 di servizio a titolo gratuito e in lingua madre.

Apriremo centri di cura per gli anziani e i centri di riabilitazione per disabili.

Dichiareremo 8 marzo festa nazionale.

SIAMO GIOVANI

Stabiliremo il Ministero della Gioventù, che andrà direttamente incontro alle esigenze dei giovani e sostituirà il Ministero della Gioventù e dello Sport,che assegna una parte sostanziale del suo bilancio per le attività sportive,identifica i giovani con lo sport e tenta di depoliticizzarli.

Apriremo la strada ai giovani,a cui viene imposto uno stile di vita monistico,a vivere insieme liberamente preservando la loro madre lingua,la fede,la cultura,l’orientamento sessuale e l’identità di genere.Provvederemo a rimuovere tutti gli ostacoli per l’organizzazione dei giovani in linea con i loro diritti e le loro decisioni.

Avvieremo “Young Life card” per dare ad ogni giovane di età compresa tra i 15 ed i 25 anni un sostegno di 200 TL per la comunicazione ed il trasporto.

Ridurremo l’età del voto a 16 e l’età per poter essere eletti a 18 anni.

Realizzeremo università libere e democratiche e costruiremo campus senza barriere di uguaglianza di genere.

Provvederemo a rimuovere l’ingiusto sistema di prova che ogni anno determina il futuro di milioni di giovani.Noi consentiremo ad ogni studente di ricevere l’educazione nelle scuole e nei dipartimenti preferiscono,in linea con il loro successo e competenze.

Abolilermo lo YÖK (Consiglio dell’istruzione superiore) e lo sostituiremo con un coordinamento interuniversitario responsabile delle relazioni e del flusso delle informazioni.

Forniremo il budget necessario a livello centrale e locale allo scopo di garantire una sovvenzione non rimborsabile per tutti gli studenti.

Forniremo ambiti di vita liberi per gli studenti universitari tra cui il dormitorio,la lavanderia,la biblioteca ed il centro culturale.

Assicureremo il diritto al lavoro e lo sviluppo di soluzioni per l’occupazione dei giovani che costituite il gruppo sociale principale di fronte al problema della disoccupazione.

Assicureremo la sicurezza sociale per tutti i giovani come un diritto fondamentale.

Provvederemo a rimuovere tutti gli ostacoli alla libertà di informazione per i giovani.

Forniremo Internet libero e senza censure nei centri urbani,mezzi di trasporto di massa e ambiti pubblici.

Riconosceremo il diritto all’obiezione di coscienza.

Consentiremo a tutti i giovani antimilitaristi di godersi il loro diritto più fondamentale.

Attueremo tutte le disposizioni giuridiche necessarie per abilitare il servizio pubblico e sostituire il servizio militare per tutti gli obiettori di coscienza.

Noi crediamo che sia cruciale abolire il servizio militare obbligatorio.

SIAMO L’ARCOBALENO

Porremo fine alla discriminazione di genere e alla repressione contro l’orientamento sessuale.

Permetteremo alle persone LGBT di condurre una vita alla pari,onorevole e umana.

Porremo fine al problema del riconoscimento delle persone LGBT e garantiremo la certezza costituzionale della parità di cittadinanza.

Avvieremo tutte le disposizioni di legge e le politiche sociali che promuovono l’uguaglianza,respingendo le discriminazioni delle persone LGBT.

Costituiremo strutture di gestione locali e centrali per garantire una rappresentanza diretta degli individui LGBT nei meccanismi decisionali amministrativi e politici.

Lotteremo per cambiare la mentalità omofoba e costruiremo campus liberi dalla discriminazione.

Avvieremo un processo di istruzione pubblica per porre fine ad una prospettiva basata sul genere

Costituiremo un meccanismo contro ogni tipo di discriminazione e di violenza.

SIAMO BAMBINI

Stabiliremo “L’osservatorio dei diritti dei bambini e Commissioni di valutazione”affiliate agli enti locali e condizioneremo l’assegnazione di risorse sufficienti per i bambini.

Faremo la revisione e la riorganizzazione di tutte le leggi e gli articoli che riguardano i bambini.

Porremo fine alla povertà dei bambini, la costituzione di banche alimentari in ogni quartiere per garantire tutti i bambini il diritto all’alimentazione,e forniremo i pacchetti alimentari di base gratuiti per ogni bambino.

Non permetteremo il lavoro minorile in modo che i bambini non debbano vivere e lavorare in strada.

Imporremo pene più pesanti per i responsabili della violenza contro i bambini.

Faremo sicuri leggi che aboliscano la violenza contro i bambini a casa,nelle scuole e nelle strade.

Chiuderemo le carceri minorili e stabiliremo “Centri di assistenza e di educazione” per i minori autori di reato.

Faremo proprio il ricordo di Berkins, Uğurs e Ceylans.

SIAMO I DIFENSORI DELLA DEMOCRAZIA

Avvieremo un processo di riforma democratica contro tutti i tipi di presidio militare,civile,burocratico,e le rigorose strutture centralistiche e le leggi antidemocratiche.

Realizzeremo tutti insieme una nuova Costituzione basata sull’umanità, in applicazione della multi-identità,della multi-culturalità,della multi-religiosità e della struttura multi-linguistica della Turchia.

Realizzeremo ovunque in Turchia”l’autonomia democratica” per consentire il raggiungimento della democratizzazione,della pace sociale e di un unità libera e volontaria dei popoli. Gli amministratori locali,tra cui il Governatore,saranno eletti dal popolo.

Garantiremo la democratizzazione del sistema parlamentare e avvieremo il sistema del Co-presidente del consiglio nel caso in cui i partiti di attuazione del sistema della co-presidenza giungano al potere.

Provvederemo a rimuovere tutte le restrizioni e le leggi oppressive contro i diritti e le libertà fondamentali.

Prenderemo in considerazione tutte le azioni democratiche messe in campo per rivendicare diritti legittimi.

Abolilremo tutti gli esiti del golpe militare del 12 settembre tra i quali il Consiglio di Sicurezza Nazionale,i tribunali appositamente autorizzati,lo JITEM (intelligence della gendarmeria e l’unità antiterrorismo) e la contro insurrezione.Tutti i tipi di torture e i maltrattamenti saranno assunti come crimine contro l’umanità.

La Costituzione che prepareremo non potrà mai dare luogo al sistema presidenziale.

Assicureremo la democratizzazione della legge sui partiti politici e le modalità per assicurare la partecipazione diretta dei membri del partito nei processi decisionali.

Rimuoveremo lo sbarramento elettorale e garantiremo la rappresentanza di tutte le parti in linea con il tasso di voti ricevuti.

La discriminazione positiva sarà praticata fino alla parità nella rappresentanza ed è assicurata attraverso quote di genere.

Otterremo una profonda risoluzione della questione curda e la costruzione di una Turchia democratica.

Stabiliremo modelli democratici di decentramento per coinvolgere tutte le identità etniche e per garantire il loro autogoverno.Attraverso le assemblee regionali,faremo passare un sistema di di decentramento.

Difenderemo una risoluzione disarmato e politiche democratiche a prescindere dalle circostanze.

Assicureremo le condizioni per consentire la vita insieme e l’unità volontaria dei popoli ed una vita basata sulla giustizia nella nostra terra comune.

SIAMO I DIFENSORI DEI DIRITTI UMANI

Riorganizzeremo il sistema giudiziario per garantire l’attuazione rapida della legge,in modo imparziale,indipendente e in modo da soddisfare la coscienza pubblica e individuale.Porremo fine alla tutela del Ministero della Giustizia sul HSYK (Supremo Consiglio dei giudici e dei pubblici ministeri).

Garantiremo la parità dell’azione penale e della giurisdizione all’interno del sistema giudiziario.

Porremo fine alle pratiche arbitrarie in casa,sul posto di lavoro,nelle perquisizioni corporee e negli arresti,forniremo un servizio legale gratuito in lingua madre.

Apriremo il carcere alla sorveglianza civile.

Porremo fine a tutte le pratiche contro la dignità umana nelle prigioni.Metteremo fine all’isolamento,alla limitazione dei diritti fondamentali e alla repressione amministrativa,e faremo una riorganizzazione della legge fondamentale della sanzione e dell’esecuzione.

Assicureremo il rilascio immediato dei prigionieri malati.

Condanniamo gli autori dei crimini d’odio e non imporremo alcuna sanzione a nessuno per il loro pensiero e agire politico,rimuoveremo “il reato politico” dalla categoria dei reati.

Invitando tutti a confrontarsi con la storia,costituiremo le”Commissioni per la verità ” in modo da poter far luce su genocidi,stragi,le esecuzioni,le sparizioni e azioni simili.

Daremo inizio ai ritorni.

Restituiremo tutte le proprietà occupate dallo Stato e dagli individui che si sono stabiliti a seguito dei trasferimenti forzati.A coloro i quali vogliono tornare ai loro villaggi sarà fornito un sostegno,anche finanziario,per permettere loro di prendere parte alla produzione.

Porremo fine per motivi di sicurezza alla costruzione di dighe e centrali idroelettriche (HES)e alle nuove politiche di sfollamento forzato causate dalla trasformazione urbana.

Aboliremo il sistema dei guardiani di villaggio,utilizzeremo le guardie di villaggio in altri campi e proteggeremo i loro diritti personali.

Non faremo alcuna concessione sulla libertà di comunicazione e di informazione.

Saremo contro agli interventi che limitano la libertà di stampa e di comunicazione. Non permetteremo ai proprietari degli organi di informazione di essere coinvolti in attività in altri settori.

Metteremo fine alla repressione dello stato sulla cultura e sull’arte.

Lavoreremo insieme con il Ministero della Cultura e costituiremo un Consiglio dell’arte eletto dagli artisti. Qualsiasi decisione sulle politiche della cultura e dell’arte verrà presa insieme a questo Consiglio.

Porremo fine agli ostacoli alla libertà di pensiero sui social media e e ai divieti arbitrari su Internet.

Proteggeremo libertà.

SIAMO PER TUTTE LE IDENTITÀ

Difenderemo “l’uguaglianza dei popoli e la libertà di credo”,assicureremo il diritto di tutti i popoli e di tutte le credenze di esprimersi liberamente.

Assicureremo la garanzia costituzionale ad ogni singola persona,che abbia un credo o meno sulla base della “pari cittadinanza”.

Realizzeremo una prospettiva laica e libertaria di pertinenza per l’umanità.

Metteremo fine all’obbligo delle lezioni di religione che saranno fornite in linea con le elezioni. Aboliremo la Direzione degli Affari Religiosi,lo stato toglierà le mani dalla religione e dalla sfera della fede.

Assicureremo una libertà senza ostacoli di organizzazione a tutti i gruppi di fede e riconosceremo tutti i luoghi di culto degli aleviti,in primis i Djemevis,come un luogo di culto.

A nome dello Stato chiederemo scusa ai popoli di tutti i genocidi e i massacri perpetrati in passato.Restituiremo i beni sequestrati dallo Stato ai loro proprietari e risarciremo i danni materiali causati dallo stato.

Non interverremo sull’aspetto e gli abiti preferiti in linea con le credenze religiose.

Porremmo fine alle politiche razziste e nazionaliste che impongono la superiorità di un popolo,di una religione e di una setta sull’altra.

Lavoreremo per la protezione e il miglioramento di tutte le identità e le culture.

SIAMO DIFENSORI DEL MONDO LIBERO

Lavoreremo in modo che tutti i popoli,in primo luogo quelli del Medio Oriente possano determinare liberamente il loro futuro politico.Assicureremo il rafforzamento dei legami economici, sociali e culturali tra i popoli del Medio Oriente.

Faremo uno sforzo per metter fine alla guerra civile in Siria e per il raggiungimento di una risoluzione basata sulla fratellanza e l’uguaglianza dei popoli.

Daremo priorità all’umanità e alla pace in tutto il mondo.

Ci opporremo alle politiche del governo israeliano del genocidio e dell’occupazione.Garantiremo ogni tipo di sostegno per la fine dell’occupazione della Palestina e per il riconoscimento del diritto del popolo palestinese a fondare uno stato indipendente.

Sosterremo gli sforzi del popolo greco e di Cipro e le proposte di soluzione per porre fine alla divisione dell’isola.

Provvederemo a rimuovere l’embargo economico sull’Armenia e a costruire ponti di amicizia con il popolo armeno.Apriremo incondizionatamente la frontiera Turchia-Armenia chiusa dalla unilateralmente dalla Turchia.Sosterremo lo sforzo per una soluzione del problema Karabag tra l’Armenia e l’Azerbaigian.

Tratteremo i negoziati con l’Unione europea e lavoreremo a pieno titolo nell’ambito dei nostri principi.

Avvieremo la cooperazione con l’obiettivo di sviluppare soluzioni a problemi in tutto il mondo come il razzismo,l’antisemitismo,il traffico di esseri umani (lo sfruttamento delle donne e dei bambini),i problemi delle migrazioni,il traffico internazionale di stupefacenti,gli spostamenti forzati,la xenofobia,l’islamofobia e simili questioni che riguardano valori umani.

Svilupperemo relazioni per la pace,non solo con gli Stati ma anche i popoli del mondo.

SIAMO I PROTETTORI DELLA NATURA

Proteggeremo la natura e il diritto di tutti gli esseri viventi alla vita contro il capitalismo.Realizzeremo di tutti coloro che lottano per lo stesso scopo.

Bloccheremo gli investimenti in materia di energia nucleare.

Fermeremo la distruzione da parte di HES,i progetti di energia termica e nucleare e mineraria che causano la distruzione ecologica e la distruzione delle sfere viventi a causa dei rifiuti industriali e l’inquinamento.

Permetteremo la produzione di energia in loco per soddisfare le necessità della popolazione locale. Daremo priorità alle energie rinnovabili.

Sosterremo la trasformazione in loco contro i progetti di trasformazione urbana che saccheggiano le città.

Non permetteremo il saccheggio di terreni agricoli e foreste,delle zone di pascolo e delle coste.

Annulleremo tutti gli accordi relativi al diritto di utilizzare l’acqua e tutti i progetti che potrebbero causare la devastazione dell’equilibrio ecologico.

Annulleremo le disposizioni,le leggi e le pratiche che fanno si che gli animali vengano uccisi e divengano con le loro pellicce ed i loro corpi parte della accumulazione di capitale.

Noi proteggeremo la natura per le prossime generazioni.

SIAMO I COSTRUTTORI DI UNA ECONOMIA PER UNA VITA SICURA

Garantiremo le necessità di base per una vita umana.

Attraverso un “Pacchetto di garanzie di base” forniremo 10 metri cubi di acqua e 180 kw / h di energia elettrica gratuitamente al mese in ogni casa.Agli inquilini verrà fornito un sostegno all’affitto di 250 TL.

Ai minori e ai giovani fino a 18 anni,ai disabili e ai pensionati verrà fornito il trasporto gratuito.Il trasporto pubblico sarà fornito come servizio no-profit in tutto il paese.

Faremo una lotta determinata contro la povertà e non permetteremo che qualunque cittadino di venga lasciato affamato,senza casa e bisognoso di cure. Il fondo per la disoccupazione verrà utilizzato in adesione al suo scopo.

Il salario minimo sarà aumentato nella prima fase a 1.800 TL.

Garantiremo la giustizia nei pagamenti delle tasse e nella riscossione delle imposte in linea con i guadagni.

Diminuiremo la spesa per la difesa e la sicurezza e l’apriremo al controllo delle gente.

Sottoporremo gli appalti al controllo pubblico e metteremo fine all’economia della corruzione.

Revocheremo il fondo discrezionale

Rilanceremo l’agricoltura e coinvolgeremo tutti i lavoratori agricoli nel campo di applicazione della legge del lavoro e della sicurezza sociale.

Trasformeremo villaggi in centri di vita e di produzione.

Forniremo gratuitamente acqua ed elettricità ai piccoli agricoltori,cancelleremo i loro debiti per l’elettricità e non riscuoteremo tasse per il carburante e per i fertilizzanti utilizzati nella produzione.

Vieteremo gli organismi geneticamente modificati (GDO) nella produzione alimentare,la gestione e l’importazione.

Proteggeremo le città e le piazze,i parchi,i boschi e le spiagge e non permetteremo progetti folli.

Non daremo alcuna licenza per i centri commerciali da realizzare nei centri urbani.

SIAMO LAVORATORI,OPERAI

Renderemo l’umanità sovrana nella vita lavorativa.

Aboliremo gradualmente il sistema della subfornitura.

Fermeremo gli omicidi nelle miniere.

Fermeremo gli omicidi sul lavoro garantendo un lavoro sicuro in tutti i settori.

Riconosceremo la salute e la sicurezza del lavoratore come un diritto costituzionale,metteremo fine alla politica di impunità attualmente in vigore e assicureremo un processo ai responsabili di omicidi sul posto di lavoro.

Concederemo a tutti i lavoratori pubblici il diritto alla contrattazione collettiva,il diritto di sciopero e di organizzarsi politicamente.

Al fine di aumentare l’occupazione e proteggere i lavoratori,sarà ridotto l’orario di lavoro settimanale ufficiale a 35 ore senza causare una perdita di salario.

Le forme basilari per l’acquisizione dei diritti come lo sciopero verranno poste sotto tutela legale.

Ostacoleremo l’autorità del governo nel ritardare scioperi.

Faremo in modo che i sindacati ed i lavoratori saranno i controllori di base della salute e sicurezza dei lavoratori.

Garantiremo il diritto dei lavoratori agricoli stagionali di organizzarsi,e assumeremo tutti i tipi di misure contro la discriminazione.

Porremo fine alle pratiche discriminatorie e eliminative contro gli immigrati.

SIAMO IL GARANTE DEI DIRITTI SOCIALI

Aumenteremo la percentuale di oneri sociali del PIL (Prodotto Interno Lordo) dall’ 1,4% al 3%.

Attraverso la costruzione di case pubbliche e sicure garantiremo il diritto all’abitazione di ogni cittadino.

Alzeremo il trattamento pensionistico più basso a 1.800 TL.

Emaneremo una legge sulla regolazione e l’eliminazione della disuguaglianza dei salari.

Rimuoveremo gli ostacoli all’organizzazione dei pensionati.

Garantiremo la sicurezza sociale per tutti gli anziani e i disabili e daremo risposta senza oneri alle loro esigenze di assistenza sanitaria. Noi non condizioneremo un reddito da destinare all’assistenza delle pensioni per anziani e disabili.

Costituiremo un “Ministero per la rimozione degli ostacoli” per poter lavorare in linea con le proposte di un consiglio composto da organizzazioni dei disabili.

La quota dei disabili nei luoghi di lavoro sarà più alta.Tutti i luoghi di lavoro e le sfere sociali saranno riorganizzate per l’utilizzo dei disabili.

Cercando di fare una rivoluzione in materia di istruzione daremo la priorità all’eliminazione delle differenze qualitative tra le scuole.

Assicureremo l’istruzione gratuita e non chiederemo soldi alle famiglie prive di qualsiasi copertura.

Libereremo il curriculum e i libri scolastici dai concetti monistici,orientati sessualmente,militaristi e maschilisti e garantiremo un sistema di istruzione multilingue basato sulla madre lingua.

Porremo fine al sistema 4 + 4 + 4 che dissocia le scuole.

Partendo dall’inizio riorganizzeremo il sistema dell’istruzione in considerazione del “Migliore interesse del bambino”.

Assicureremo l’assunzione di tutti gli insegnanti non assegnati, e aboliremo il sistema di supplenza che danneggia la dignità umana.

Permetteremo a tutti i lavoratori del settore educativo di ottenere lo stipendio che meritano e promuoveremo una gestione locale e inventiva dell’istruzione.

Creeremo un sistema sanitario democratico che sia partecipato dal popolo e dagli operatori sanitari per la progettazione,la pratica,la valutazione e il controllo dei servizi sanitari.

Porremo fine alle pratiche orientate al profitto nei servizi sanitari.

Costruiremo un ordine in cui nessuna singola persona venga privati ​​dei propri diritti sociali.

© 2013 UIKI-Onlus Team

Scroll to top